Login

Newsletter

  • Users 81
  • Posts 621
  • Comments 895
  • Pages 7

Archivi del mese: luglio 2011

Battaglia di San Donà di Piave

Polizia e Carabinieri usano il manganello e il calcio del fucile per tentare di fermare la manifestazione di San Donà.

Dopo i fatti di Torre di Mosto LIFE ha deciso di mandare un messaggio forte allo Stato ed al suo braccio armato: la Guardia di Finanza. Così il 30 ottobre 1998 ci si trova tutti a San Donà di Piave per manifestare davanti la Caserma GdiF. Dal Friuli, dalla Lombardia e da tutte le città del Veneto circa 200 militanti LIFE si incontrano sotto il ponte sul Piave da dove partirà il corteo che attraverso le vie del centro arriverà davanti la Caserma. Qui, a causa di un malinteso, ci saranno scontri con Polizia e Carabinieri nelle vicinanze prima e all’ingresso della caserma poi. Feriti e contusi, tutti fra i militanti LIFE che si sono limitati ad una difesa passiva contrariamente a quanto ci hanno abituato ad assistere no global, no tav ed autonomi con le loro guerriglie urbane.

Fra le nostre fila anche Deputati al parlamento italiano, vicini alla nostra Continua a leggere

Unità nazionale

Napolitano: “rilanciare unità nazionale”, “no ombre su unità nazionale”, “preservare unità nazionale”, “rilanciare la consapevolezza dell’unità nazionale”, “coesione nazionale per superare prove difficili”.

C’è un campo in cui molti, troppi  italiani che contano, trovano ampia coesione nazionale, in barba al termine “bi-partisan”usato in politica come auspicio di una più vasta coesione che in questo caso risulta  addirittura troppo riduttivo e necessita la coniazione di un nuovo termine: “poli-partisan”!

Si, perché le mazzette, la corruzione e la concussione mettono tutti d’accordo, dai politici ai burocrati, dagli amministratori agli impiegati, dagli ufficiali ai non graduati, dai giudici agli uscieri,  tutti insieme nella grande abbuffata, democraticamente poli-partisan  e nel rispetto dell’unità nazionale.

Certo, ci saranno anche  persone oneste  che mai si Continua a leggere

Politichese: lingua ufficiale dell’EBAV

La lingua italiana è in pericolo di estinzione, soverchiata dalle lingue locali e dal politichese comunemente usato nelle comunicazioni tra Istituzioni, Enti e apparati vari con i cittadini.

Questa è una lingua  usata per non far capire le nulla al cittadino interlocutore: tende ad esprimere tutto e il contrario di tutto.

Un nostro associato ha inoltrato all’EBAV (Ente Bilaterale Artigianato Veneto)  richiesta dei bilanci relativi all’ultimo quinquennio per potere analizzare come vengano gestite le ingenti somme introitate dall’Ente .

Una richiesta più che lecita visto che mensilmente egli versa le quote Continua a leggere

Il miracolo italiano

Venite tutti in Italia, l’INPS cambierà la vostra esistenza!

Basta avere compiuto 65 anni, essere extracomunitario, senza reddito o con  reddito inferiore a 5 mila euro annui, avere un parente con permesso di soggiorno in Italia che chiede il vostro  ricongiungimento   e l’affare è fatto!

L’INPS garantisce a tutti questi extracomunitari che non hanno mai pagato né contributi né tasse, 7.156 € di rendita all’anno.

http://espresso.repubblica.it/dettaglio/pensioni-gratis-agli-stranieri-e-boom/2026432

Dopodiché ritornano al loro villaggio, magari se lo comperano tutto o si accontentano di vivere beatamente, con i soldi  di chi ha sempre pagato tasse e contributi in Italia, i nostri soldi!

Loro, credenti miracolati, senza aver mai lavorato termineranno la vita da nababbi, noi, materialisti e miscredenti, consumati dal lavoro, affronteremo la fine dei nostri giorni in miseria.

Per la gioia di tutti i nostri cari politici solidali!

L’onestà non abita qui!

Gli USA detengono il debito pubblico più alto al mondo e sarebbero sull’orlo del fallimento tanto che il presidente OBAMA dichiara che se non ci saranno provvedimenti urgenti, da agosto, gli USA non saranno più in grado di pagare le pensioni.

In Italia viene data molta enfasi a questa situazione ed il dubbio che ci pervade è quello che tutto ciò non sia altro che una collaudatissima tecnica di spostare la morbosa attenzione degli italiani dalla situazione del nostro debito a quello altrui e creare una fatale opinione di “mal comune, mezzo gaudio”.

Se invece ci mettessimo a fare i classici quattro conti della serva scopriremmo che l’allarme lanciato da OBAMA sui conti USA, noi lo abbiamo superato da decine e decine di anni e stiamo navigando “tranquillamente” verso l’occhio del ciclone con destinazione il profondo degli abissi.

Gli USA hanno una popolazione di 314 milioni di abitanti e un debito d Continua a leggere

Daniele Quaglia: Perchè?

Da LIFE al Veneto Libero, un viaggio che parte da uno stato di schiavitù verso la libertà e l’indipendenza di tutto un Popolo  http://www.life.it/?p=41

In questo video del 2008 c’è il sunto degli ultimi 10 anni di LIFE, dalle lotte nei tribunali fino alla citazione in giudizio, a Venezia, di Napolitano e Prodi. Da quella sentenza del 20 febbraio 2008 la vita LIFE è stata un ribollire di vicende: da Strasburgo al pignoramento in sede e gli avvenimenti legati alla Po£isia Nathiona£e Veneta.

Avvenimenti non casuali ma in logica sequenza dettata dal nostro nemico,  il sistema che ci governa, incapace di distribuire equamente fardelli e grazie, anzi,  esso stesso autore del saccheggio della nostra terra.

http://youtu.be/Fw29TrE_BkA

Po£isia Nathiona£e Veneta

(a cura di Daniele Quaglia)

Po£isia Nathiona£e Veneta: a distanza di due anni è doveroso fare dei chiarimenti.

Nel 2005 LIFE Treviso ha riconosciuto le Istituzioni di Autogoverno del Popolo Veneto e dal 2008 le ospita nei propri uffici.

Il progetto di una Polizia Nazionale Veneta nasce, come legittimo diritto del Popolo Veneto, in ambito alle istituzioni di Autogoverno del Popolo Veneto (non di LIFE Treviso!) autocostituitesi a norma e in rispetto del diritto di Autodeterminazione dei Popoli.

Il Patto Internazionale relativo ai Diritti civili e politici, adottato dall’ONU a New York il 19.12.1966 ratificato  dal Parlamento italiano e diventato Legge italiana, L.n.881 del 25/10/1977, nella PARTE PRIMA, all’Art.1, punto 1,  sancisce:

Tutti i Popoli hanno diritto di Autodeterminazione. In virtù di questo Diritto, essi decidono liberamente del loro statuto politico e perseguono liberamente il loro sviluppo economico, sociale e culturale.

Al punto 3 dello stesso Articolo: Continua a leggere

Pagare, pagare, pagare……basta!

Cartelle esattoriali, bolli auto e multe stradali ……. prima di pagare contattaci.

Quante volte abbiamo pagato una multa stradale o una cartella esattoriale per il semplice motivo che non era conveniente fare ricorso?

Succede quasi sempre per importi relativamente piccoli ed è proprio in questi casi che EQUITALIA ci sguazza alla grande incassando la totalità dei crediti, senza contestazioni.

Ora non succederà più!

LIFE ha raggiunto un accordo con uno studio legale, che valuterà la legittimità di cartelle esattoriali, di multe e bolli automobilistici…… e dopo  procederà al ricorso per multe e cartelle  che abbiano un importo minimo di 70 euro.

Il ricorso sarà presentato solo se Continua a leggere

I Serenissimi, chi sono?

LIFE, già dal 9 maggio 1997 a poche ore dalla presa del campanile, ha preso le difese dei Serenissimi senza titubanze e calcoli di convenienze politiche che hanno invece eroso gli animi di molti politici rimasti “confusi” per troppo lungo tempo. Quegli 8 patrioti erano gente nostra, lavoratori autonomi, operai, studenti, che hanno messo in discussione le loro vite, il loro futuro, per amore della nostra Madre Patria, il Veneto. Erano Eroi Veneti e solo degli animi genuinamente Veneti potevano da subito comprendere la loro azione!

Sfidando le rotture interne, l’isolamento politico, lo Stato italiano che ci accusava di apologia di reato, la DIGOS che sequestrava i banchetti LIFE in solidarietà degli 8, strenuamente in loro difesa, LIFE ha dato vita al “Comitato degli 8” per la raccolta fondi aprendo un conto corrente presso la Deutsche Bank e contribuiendo all’ aiuto economico delle loro famiglie. LIFE per prima e da sola davanti l’aula bunker di Continua a leggere

Serenissimi assolti.

San Marco è con noi!

Dopo 14 anni di processo, (la solita penosa farsa all’italiana) Gilberto Buson, Cristian Contin, Flavio Contin,  i tre Serenissimi ancora coinvolti nelle vicende giudiziarie perchè non hanno mai chiesto il patteggiamento e non sono mai venuti a compromessi con quello che  un sempre maggior numero di  Veneti identificano come invasore, cioè  lo Stato italiano, sono stati assolti dall’accusa di eversione in quanto la loro organizzazione non aveva i mezzi per compiere azioni terroristiche.

La loro tenacia è stata ripagata dall’ultimo grado di giudizio: la Corte di Cassazione penale.

Il loro gesto non è mai stato un crimine, non lo fu mai concepito come tale nella sua progettazione: non hanno mai usato nè armi nè esplosivi.

Ma bisognava dare un segno di forza, di potenza!

E lo stato italiano ha risposto con inusitata veemenza giustizialista alimentata anche dalle strane ideologie politiche di questo paese che,  dagli estremismi rossi passando attraverso tutti gli schieramenti fino agli estremismi neri, accomunano troppa gente in un pericoloso delirio nazinalista; con tempi di risposta veramente inusuali almeno  all’inizio della vicenda per poi rientrare nell’ordine ultradecennale dei procedimenti giudiziari italiani.

Ma la giustizia che non arriva in tempi rapidi banalmente diventa ingiustizia ed è appunto contro questa ingiustizia, quella di tenere il cittadino col cuore in gola per 14 lunghi anni, che gli avvocati dei tre Serenissimi chiederanno probabilmente alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo di Strasburgo la condanna dell’Italia e ad un congruo risarcimento.

Sarà l’occasione per fare una grande festa.

In questi video trovate la completa” impresa del campanile di San Marco”