Login

Newsletter

  • Users 81
  • Posts 637
  • Comments 932
  • Pages 7

Archivi del mese: ottobre 2015

Pubblica Amministrazione, fucina di ladri

Giuseppe Garibaldi, Vittorio Emanuele, Camillo Benso Conte di Cavour, Nino Bixio ……… e tutti gli altri padri d’Italia erano accomunati, forse inconsapevolmente, da un’unica cosa: una irrefrenabile attitudine al crimine.

A loro, la letteratura under ground, attribuisce stupri, stragi, saccheggi, deportazioni, truffe e devastazione in nome di un progetto di unità italiana volentieri frammischiato ad interessi personali.

Con padri si poco “nobili”, potevano i loro odierni nipotini  sconfessare il DNA originale e crescere anime pie, votate al bene del prossimo?

Impossibile!

A conferma che “buon sangue non mente”, il gene del malaffare ha insinuato le sue coriacee radici nella Pubblica Amministrazione della Repubblica italiana, erede e continuatrice di tanto disvalore tanto ché, in meno di un mese, ottobre 2015, si registrano questi casi di malaffare congenito, tralasciando, per pia compassione,  tutti quelli di minore entità:

13 ottobre 2015 Regione Lombardia, tangenti sanità: arrestato Continua a leggere

INPS avanti a tutto debito

L’INPS macina perdite alla velocità di 10 miliardi di euro all’anno. Ha chiuso il 2014 con un rosso da 12,4 miliardi, se nulla cambia, continuerà a realizzare perdite vicine ai 10 miliardi l’anno fino al 2025. (I 12,4 miliardi vanno sommati agli oltre 100 di trasferimenti da parte dello Stato per colmare il gap tra contributi incassati e trattamenti erogati. Senza i trasferimenti dello Stato la gestione 2014 sarebbe in rosso per oltre 112 mld di euro!).

Il patrimonio immobiliare dell’INPS macina perdite alla velocità di 250 milioni di euro all’anno perché gli affitti incassati non coprono le spese di gestione degli immobili stessi.

L’INPDAP ente di previdenza degli statali accorpato all’INPS nel 2012, ha portato in dote un debito di 23 Continua a leggere

Po£isia Veneta: prima udienza del processo

Più di una cinquantina di militanti LIFE hanno seguito la prima udienza del processo alla Po£isia Veneta. Dall’audizione dei testimoni a carico risulta chiaro ed evidente che le armi allora sequestrate, erano detenute tutte legalmente, non vi sono mai stati episodi di violenza, mai esercitazioni di tiro, mai contatti con movimenti indipendentisti o secessionisti italiani o europei.  Fino ad ora le ipotesi dell’accusa non hanno trovato conferma nei fatti.

Il sospetto è che sia stato fatto un gran polverone sulla base di indizi poco consistenti trova Continua a leggere

Po£isia Veneta e Indipendenza del Veneto

Po£isia Veneta. Confermata l’udienza di martedì 27 ottobre ore 09,00 presso il tribunale di Treviso aula al piano terra.
UN SOGNO: RIEMPIRE L’AULA DEL TRIBUNALE PER IL VENETO INDIPENDENTE.
Dopo i processi ai Serenissimi di San Marco accusati di terrorismo, accusa decaduta dopo 14 anni (16.03.2011) grazie al coraggio di Gilberto Buson, Cristian Contin e Flavio Contin che hanno rifiutato il patteggiamento, è la prima volta che la macchina oppressiva italiota ritenta il colpo magistrale che sia da esempio ad eventuali Continua a leggere

GIR LIFE azione vincente

Oggi verso le 15,30 chiama in LIFE l’associata Silvia che gestisce un negozio di ortofrutta nella pedemontana trevigiana.

“Ho qui un ispettore che sta controllando la merce esposta e mi ha già preannunciato che avrei commesso gravi inadempimenti sui cartellini di descrizione del prodotto, infrazione di carattere penale che oltre alla denuncia prevederebbe una sanzione minima di 1000 euro, come devo comportarmi?”

Questo il laconico messaggio, seguito dalla seguente mia risposta:

“Chiedigli il tesserino di riconoscimento, fatti mostrare il foglio di servizio, chiama il Continua a leggere

Po£isia Veneta: 2 LIFE a Processo

Saranno in totale nove i militanti LIFE a processo per l’indipendenza del Veneto.

E’ attuale la notizia dei 50 che saranno processati per il Tanko2, sette dei quali Lucio Chiavegato, Franco Zanardo, Gabriele Perucca, Patrizia Badii, Maria Marini, Andrea Meneghelli e Renato Zoppi figure di spicco di LIFE e di LIFE Solidarietà Veneta, accusati di terrorismo.

Nessuno, invece, parla della Po£isia Veneta, a processo il 27 ottobre 2015 alle ore 09,00 presso il Tribunale di Treviso che vede coinvolti altri due uomini LIFE, Continua a leggere

UE: a quando l’implosione?

L’Italia non smentisce la sua indole di Paese Zerbino manifestando uno squallido servilismo nei confronti di Entità, quali le istituzioni dell’Unione Europea, che pretendono di governare senza mai essere state elette. Succederà ancora una volta che l’Italia beneficerà di situazioni create da altri come ebbe a denunciare Giuseppe Mazzini con un suo articolo su “Il Dovere” del 24 agosto 1866 dopo la cocente sconfitta di Lissa: “ E’ possibile che l’Italia accetti di essere additata in Europa come la sola nazione che non sappia combattere, la sola nazione che non possa ricevere il suo se non per beneficio di armi straniere e concessioni umilianti dell’Usurpatore nemico?” .

Così mentre: Continua a leggere

Fabio Padovan, esempio di buon governo da vero Statista

Quando mai questo Stato italjota si comporterà come un buon padre di famiglia a cui stanno a cuore i suoi figli e invece di sfruttarli come schiavi offre il suo aiuto?

Quando mai questo Stato italjota si comporterà come un buon datore di lavoro e distribuirà ai suoi lavoratori parte degli utili, quando ci sono, senza produrre debiti da condividere inesorabilmente con i suoi lavoratori?

Stato canaglia! Stato illegittimo dei Renzi, dei Letta, dei Monti, dei Mattarella, nominati, mai eletti! Stato di faccendieri che antepongono gli interessi privati al bene della società tradendo il mandato elettorale che la loro Legge, preventivamente considera non vincolante e concede  loro  violare il principio più comune del senso morale: la lealtà!

Voi tutti,  politici incapaci e inetti a gesti virtuosi, guardate a Fabio Padovan e se ancora possedete un minimo di onestà scoprirete Continua a leggere

Citati in Giudizio Napolitano e Prodi

Per non dimenticare, pubblichiamo l’atto di citazione che LIFE Treviso ha depositato il 6 giugno 2007 al Tribunale di Venezia citando in Giudizio Napolitano e Prodi, come legali rappresentanti di uno Stato (l’Italia) che illegittimamente stava okkupando il territorio Veneto; tuttora lo sta okkupando, ma la coscienza dei Veneti ha, nel frattempo, acquisito maggiore consapevolezza che, sulla spinta della Catalogna, potrebbe materializzarsi nell’Indipendenza del Popo£o Veneto. Continua a leggere