Login

Newsletter

  • Users 81
  • Posts 637
  • Comments 932
  • Pages 7

Archivi del mese: novembre 2015

Enti bilaterali (EBAV) e parassitosi cronica

Enti bilaterali, Enasarco, Inpg, Fondi previdenziali, Fondi sanitari, Fondi per la formazione professionale ……. tutti Enti frutto della contrattazione “nazionale”, nati da accordi tra sindacati e associazioni datoriali. Sono coercitivamente finanziati dal monte salari delle aziende aderenti alle varie associazioni e, inconsapevolmente, dai loro addetti; in teoria per fornire assistenza integrativa previdenziale e sanitaria, formazione e sostegno al reddito; in pratica solo il 50% degli introiti segue questa strada mentre l’altro 50% serve ad erogare megastipendi e mantenere un esercito di 10.000 poltrone generate dagli accordi. Una vera manna per ogni tipo di parassita, da quello di sinistra a quello di destra, dal sindacale a quello datoriale secondo logiche di spartizione bipartizan a dimostrare che una poltrona mette tutti d’accordo!  (A proposito ricordo una vittoria storica di LIFE contro l’obbligatorietà di adesione all’EBAV, Ente Bilaterale Artigianato Veneto). Daniele Quaglia

(*) Gli stipendi d’oro dei sindacalisti fanno scandalo. Ma costituiscono solo la punta di un iceberg più corposo. I 336 mila euro di Raffaele Bonanni (l’anno prima di andare in pensione), i 256 mila di Continua a leggere

Siria e gasdotti, le cause di una guerra

di Eugenio Benetazzo

Prima di procedere con l’esposizione di questo redazionale proviamo a fare il gioco del Risiko sullo scacchiere mondiale in questo modo potremmo anche cercare di interpretare quanto accaduto a Parigi lo scorso 13 Novembre. Pertanto vediamo chi è amico di e nemico di. La Russia per retaggio storico e culturale è ancora un naturale nemico degli USA, la Russia tuttavia è ancora il partner energetico chiave per l’Unione Europea, quest’ultima alleata militare e culturale degli stessi USA: ricordiamo a tal fine la crisi in Ucraina e l’embargo occidentale verso la Russia. La Siria è uno storico alleato della Russia in Medio Oriente, le dotazioni Continua a leggere

Il buio in fondo al tunnel

Riportiamo questa mail di Elena, pervenutaci e pubblicata nella pagina http://www.life.it/1/uccisi-dallo-stato/ di questo sito. L’angoscia di Elena non risparmia nessun lavoratore autonomo che per  malefico orgoglio, o per non  gravare sulla famiglia, spesso si tiene  dentro il gravoso  peso degli affari che non vanno come si vorrebbe. Chiudendosi, a volte, il problema sembra divenire irrisolvibile portando a tragiche conseguenze. Bene ha fatto Elena a esternare le sue difficoltà: quantomeno ha dato sfogo alla sua tensione. La invitiamo a contattarci: se non saremo in grado di risolvere i suoi problemi potremmo certamente esserle di aiuto. Daniele Quaglia

“Ho visto per la prima volta oggi questa pagina, e voglio scrivere dove almeno posso essere capita. Sono titolare di un’attività, partita con molto entusiasmo e facendo sacrifici.. ora sono arrivata alla disperazione, vedere che i soldi calano ogni mese e non ne entrano abbastanza per coprire tutte le spese, questo mese è aumentato ancora l’inps, come ogni tre mesi, che io lavori oppure no affitto e mutuo e tasse le scalano lo stesso.. negozi concorrenti che spacciano capi cinesi per capi italiani e giocano sulla concorrenza spietata, così ne rimettono le attività come la mia che lavorano onestamente e con merce di qualità..è tutto un disastro ,se quest’anno chiudo finisce il sogno di una vita e tutti i sacrifici anche dei miei famigliari saranno stati vani, senza contare che dopo mi restano i debiti da pagare, come non lo so..non dormo più la notte e l’ansia di giorno mi affligge..perchè futuro non c’è..”

Agenzia Entrate, 767 aventi o non aventi funzione?

Che direste se domani mattina un chierichetto della vostra parrocchia si mettesse a celebrare i matrimoni al posto del parroco, quando solo il parroco è avente funzione di ministro del culto e solo lui può amministrare i sacramenti tanto che, gli effetti di questo suo potere sono riconosciuti anche dalla legge ordinaria dello Stato, come nel caso del matrimonio?

Oppure cosa pensereste se domani mattina lo spazzino comunale si mettesse ad appioppare multe per infrazioni stradali? Che è un pazzo! – perché tutti sappiamo che solo i vigili, cc e polizia hanno questa funzione.

Chi non ha un adeguato riconoscimento per coprire determinate funzioni e le esercitasse abusivamente, queste produrrebbero atti nulli come nullo sarebbe il matrimonio celebrato dal chierichetto e nulla la multa stradale elevata dallo spazzino.

Tutto chiaro?

Per la stragrande Continua a leggere

Insorgenza Veneta

Oggi ai funerali del povero, povero Ermes abbiamo sentito palpitare forte e chiara la voglia di INSORGENZA dei Veneti, che non hanno saputo più stare a testa bassa, timorosi, succubi e schiavi di fronte a tanta arroganza e ingiustizia.
VIA LE FASCIE TRICOLORI! Un segnale chiaro, cui hanno dovuto obbedire i Sindaci più sensibili.
Richiesto dei documenti, non potevo accettare anche questa ulteriore prova. Nulla di personale contro le persone dentro le divise, ma il mio rifiuto è stampato dentro il cuore. Non posso riconoscere autorità a chi rappresenta uno stato vile che calpesta i diritti della gente più debole. L’italia è diventata Continua a leggere

Uomini Liberi

Avere il coraggio di denunciare una verità scomoda si corre il rischio, in questo Stato totalitario, di fare la fine del grillo parlante di Pinocchio.
Quello che è successo ieri ai funerali di Ermes Mattielli ad Arsiero, dove come previsto è intervenuta una folla di Veneti fieri di essere tali manifestando la loro identità e quella di Ermes con il drappo della Serenissima Repubblica e nello stesso tempo indignati per quanto la “pseudo giustizia italiana” ha riservato ad Ermes e spesso riserva ai Veneti che osano alzare la testa, ne è la prova.
Va da se che in una tale occasione, la scelta fatta da 5 sindaci di sfilare con la fascia tricolore, agli occhi del più profano sarebbe sembrata una cinica provocazione.
Così è stato e chi era lì a portare l’ultimo saluto ad Ermes manifestandogli tutta la fraterna e commossa solidarietà, alla visione di quella orrida e provocatoria fascia Continua a leggere