Login

Newsletter

  • Users 81
  • Posts 637
  • Comments 932
  • Pages 7

Al Patriota Veneto

Quando l’unione fa la forza è la forza che fa la differenza.

La Patria, la “Terra dei Padri” non può che essere, per un veneto, la Venethia.

Il termine geopolitico Venethia è stato definitivamente cancellato negli anni settanta con l’istituzione delle Regioni Veneto, Trentino Alto Adige e Friuli Venezia Giulia, che andavano a sostituire il concetto geografico, volutamente dissolutivo e riduttivo, di Tre Venezie: Venezia Euganea, Venezia Giulia e Venezia Tridentina, a termine del processo di revisione di un passato storico dei Veneti, scomodo e ingombrante per la matrigna Italia che mai li ha amati.

Nel linguaggio corrente italiano la parola Patria riflette un significato vuoto, astratto se è dissociata da un’attribuzione geografica per il fatto che l’Italia non è sentita da alcuno dei suoi cittadini, “Terra dei Padri”, mentre Venethia, che etimologicamente significa “Terra dei Veneti” anche nel più riduttivo termine “Veneto”, ha in sé il significato profondo di “Terra dei Padri veneti” , “Patria dei Veneti”.

Ciò perché “Veneti” è il popolo che ha dato origine al nome della propria terra, la Venethia; “italiani”, invece, è una derivazione del neologismo “Italia”, assoluta astrazione politica: nel primo caso abbiamo un Popolo antico che da il suo nome al territorio e alla sua organizzazione politica, nel secondo abbiamo uno Stato e un’organizzazione militare  che pretendono di formare un unico popolo dalla fusione di più popoli imponendone militarmente nome, territorio e organizzazione politica: un concetto inverso di Stato moderno che definisce Stato quell’organizzazione scelta e voluta dai cittadini!

Venethia è Patria dei Veneti; Italia non è Patria, non lo può essere per definizione perché, non esistendo un popolo italiano né la sua terra originata, viene meno anche l’assioma “Terra dei Padri”.

Da Venethia, Patria occupata militarmente a Patriota veneto, il passo è breve: patriota è chi ama la patria e mostra il suo amore lottando o combattendo per essa.

Dichiararsi Veneto non costituisce una distinzione geografica come vorrebbe farci intendere la dottrina colonialista italiana ma è un atto di fede, una rivendicazione di appartenenza etnica, sociale, storica, culturale e linguistica. Un atto di resistenza contro la globalizzazione.

Affermare di essere Veneto è un atto di amore, di condivisione, di patriottismo tanto quanto lottare o combattere per la Venethia piegata all’occupazione e allo sfruttamento.

Lottare uniti con unico obiettivo la libertà! Guai a quel Patriota veneto che cede alla tentazione di differenziarsi, del distinguo, della classificazione in patriota di colore verde, azzurro, giallo o rosso in base al pensiero di riferimento…… perché così facendo dà spazio alla nascita di ideologie interne; le ideologie a loro volta generano fazioni e partiti; le fazioni portano all’inesorabile divisione; la divisione rende deboli e, inevitabilmente, costituisce l’anticamera della sottomissione. Un popolo diviso è già sottomesso

Non facciamo il gioco dell’astuto occupante italico che tenterà ogni via, anche illecita, per evitare che i Veneti pongano fine legittimamente a questa mortale annessione e tenterà di provocare, ad arte, la loro disgregazione ideologica: i processi “Po£isia Veneta” e “Tanko 2” sono parte di questo piano disgregante.

Veneti! Sempre e solo Veneti, al di sopra di ogni avversità!

E qualunque cosa accada, è parola d’ordine rimanere uniti, stretti al motto di tutti per uno, uno per tutti come nei tempi di massimo splendore. Duri i banchi!

W San Marco! W la Venethia, libera e indipendente.

Daniele Quaglia

2 risposte a Al Patriota Veneto

  • lorenzo. scrive:

    venezia.23.febbraio.2017.
    si potrebbe allora definire l’italia.3 italie.
    con il nome di italhie.o.italhia.
    ciao.buon carnrvale a tutti i liberi e indipendenti.venethi.

    • daniele scrive:

      Chiamala come vuoi, ma i 60 milioni di cittadini che abitano questa italja hanno fondati motivi per non riconoscerla “Patria” anche se statali, burocrati e politici saranno, per tornaconto, di tutt’altro avviso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *