Login

Newsletter

  • Users 81
  • Posts 637
  • Comments 932
  • Pages 7

album fotografico

Autonomia per salvare capra e cavolo

Basta tasse, basta Roma …… Secessione ……. Roma ladrona ……..

Slogans che ci hanno fatto sognare, che ci hanno fatto credere fosse possibile cambiare questo sistema mentre il sistema ha confermato tutta la sua solidità: pensavano di cambiare l’Italia, l’Italia ha cambiato loro.

Anche io sono stato uno di loro: piccolo rivoluzionario, segretario di sezione della LN Liga Veneta che nel 1995 chiedeva ai parlamentari della Lega le dimissioni di Bossi che mi hanno portato al ….. volontario allontanamento prima di una scontata epurazione.

Sognavo ad occhi aperti e non mi sfuggiva quello che succedeva per questo non avrei mai fatto Continua a leggere

In LIFE, libertà di pensiero e di espressione

Ecco come la pensano, sul referendum per l’autonomia, 4 storici militanti che hanno lasciato un segno indelebile nella storia LIFE: Pierantonio Dalla Longa, Antonio Viel, Geremia Agnoletti e Giorgio Vigni. Il tutto è pubblicato nel segno della Libertà di espressione e Democrazia, che in LIFE, sono principi fondamentali grazie ai quali chiunque esprime liberamente il suo pensiero per poi accettare le decisioni prese a maggioranza. Di strano c’è che, ciclicamente, qualcuno che poco frequenta l’ambiente LIFE è assalito dalla tentazione di invocare veti o imporre limiti a questa libertà adducendo fantasiose motivazioni senza tener conto di doversi poi confrontare con i potenti anticorpi LIFE.

Il riferimento è alle recenti prese di posizione del sottoscritto circa il referendum sull’autonomia del Veneto  che Continua a leggere

Equitalia e la moltiplicazione

Se in un’azienda privata, viva, succedesse quello che sembra stia accadendo in Equitalia, da morta, i suoi clienti e fornitori si sarebbero già fatti un’idea della situazione economica di questa e ne starebbero ben alla larga perché in stato fallimentare.

Ci vengono segnalati due casi di doppio invio, da parte di Equitalia della definizione agevolata dei carichi affidati agli agenti della Riscossione o più semplicemente della rottamazione delle cartelle.

In pratica due nostri associati dopo aver aderito alla rottamazione, hanno ottenuto l’accettazione da parte di Equitalia che ha inviato i relativi bollettini preordinati; hanno già versato anticipatamente la prima rata scadente il 31/7 ma in questi giorni hanno ricevuto una seconda raccomandata: non un promemoria Continua a leggere

LIFE porta un contributo ad un falegname di Arquata del Tronto (AP), a 9 mesi dal sisma.

Karovanada n. 7

Dopo il provocatorio bagno di  tricolori imposto dalle sezioni alpine della Marca Trevigiana con migliaia e migliaia di tricolori, made in Cina alla faccia della solidarietà alpina agli imprenditori nostrani, che hanno invaso le strade del territorio trevigiano, necessitavauna seria bonifica ambientale: una Karovanada.

E così fu in quel di oggi, 21 maggio 2017: 15 auto che sfilano con le bandiere di San Marco formano un corteo di mezzo chilometro che non può passare inosservato e nel contempo rivendica la sovranità territoriale che gli alpini avrebbero delegato a illegittimi occupanti.

Subito dopo la partenza dal punto di ritrovo, Palaverde Benetton di Villorba, al semaforo di Carità, una decina di bikers con tuta nera, fermi al rosso, esultavano al nostro passaggio con Continua a leggere

I processi Tanko2 e Po£isia Veneta

A Brescia il processo Tanko 2 che vede tra gli imputati Lucio Chiavegato viene rinviato al 26 di giugno dopo la ricusazione del Giudice da parte dell’Avvocato Fogliata. L’ultima udienza si era conclusa con l’invito, da parte del Giudice al PM, a riformulare le accuse che sembravano di scarso rilievo ma nell’udienza di lunedì 15 maggio il PM si è presentato a mani vuote pretendendo il proseguo dei lavori. A quel punto l’Avvocato Fogliata, non essendo intervenuti nuovi fatti, esigeva la chiusura del Continua a leggere

3 processi contro i Veneti: il dovere di esserci

Po£isia Veneta, Tanko 2 e Onichini: 3 processi in due giorni! Sarà un caso?

Tre processi che si svolgono in tre città diverse, Treviso, Brescia e Padova, stanno sempre più assumendo connotati politici sia per i loro contenuti, sia per la massiccia partecipazione di gruppi indipendentisti a sostegno degli inquisiti com’è avvenuto già a Brescia ma anche a Treviso e a Padova pur se in maniera meno vistosa, avranno le prossime tre udienze pressoché in contemporanea.

Il 15 maggio sono previste due udienze: una a Brescia per il processo “Tanko 2” a carico di Continua a leggere

Spiati, giorno e notte. Anche questa volta scoperta la spia

Ieri sera era trapelata una notizia in Facebook che Gabriele Perucca del CLNV fosse stato prelevato dalla Polizia e accompagnato in questura.

Questa mattina veniamo a sapere che, sempre ieri sera un gruppo di alcuni indipendentisti si erano incontrati in un locale pubblico per uno scambio di idee, in zona Vicenza. Tra loro Lucio Chiavegato e Gabriele Perucca; mentre discutevano si sono accorti che qualcuno dall’esterno li stava fotografando.

Incuriositi sono usciti per chiedere il motivo di tanta attenzione al tizio che stava armeggiando con la macchina fotografica: questi avrebbe dichiarato Continua a leggere

Processo Tanko 2 (album fotografico)

A Brescia eravamo mezzo migliaio a invocare Libertà e Indipendenza per il Popolo Veneto non solo a manifestare  sostegno verso i 34 a processo per il Tanko 2. Un processo che poggia su basi effimere, dal futuro sempre più traballante tanto che nessuno si meraviglierebbe di una conclusione anticipata per l’insussistenza delle prove d’accusa. Quasi un processo fatto per forza al solo scopo di scoraggiare chi sogna l’Indipendenza del Veneto, ma vista l’alta affluenza di Veneti, si direbbe che il risultato è opposto alle intenzioni e forse per loro, gli italjani, sarebbe meglio disinnescare Continua a leggere

Quando lo sciopero fiscale?

1996 San Donà di Piave (VE), 2017 Piovene Rocchette (VI) le stesse vicende che si ripetono a distanza di 21 anni. Allora Luigi Baesse imprenditore dell’abbigliamento di San Donà di Piave dopo aver subito il fallimento della sua azienda (vedi http://www.life.it/1/falliti-per-ragion-di-stato/#more-1288 ) è stato messo sulla strada dall’ufficiale giudiziario in ordine ad un decreto di sfratto esecutivo eseguito con l’intervento del nucleo antisommossa dei CC dopo vari tentativi. Oggi la stessa sorteè toccata ai  fratelli Spezzapria di Piovene Rocchette, anch’essi operatori dell’abbigliamento buttati fuori di casa con le stesse modalità subite da Baesse 21 anni prima.

Medesima attività produttiva, medesima sorte, medesimi i creditori: le banche.

In entrambi le vicende sembrerebbe che lo Stato non abbia colpe invece le colpe più gravi sono sue. Eccole! Continua a leggere