Login

Newsletter

  • Users 79
  • Posts 570
  • Comments 814
  • Pages 7

buropazzia

Prescrizione Cartella esattoriale: 5 anni e non 10

Come sopravvivere a Equitalia e alla rottamazione: buone notizie per chi ha debiti con Equitalia relativi ad imposte.

La prescrizione della cartella esattoriale, non segue necessariamente il termine di 10 anni di quel debito che l’ha prodotta. Esempio: se per un debito IRPEF è previsto un termine di 10 anni di prescrizione, una volta emessa la relativa cartella esattoriale, questa, in determinate condizioni, ha un termine di prescrizione di 5 anni.

La Corte di Cassazione, con la sentenza n.20213/15, individua i soli due casi  nei quali si realizza la Continua a leggere

Accertamenti fiscali 2017

2010 e 2011 sono gli anni per i quali nel 2017 interviene la decadenza, ciò significa che se l’Agenzia delle Entrate dovesse inviare accertamenti relativi a IRPEF, IVA e IRAP la cui dichiarazione per l’anno 2011 risultasse irregolare o, addirittura non presentata quella per l’anno 2010, questi accertamenti non avranno alcun effetto.

Però …… in Italia c’è sempre un però che lascia il cittadino con il fiato sospeso, perché la sopravvenuta decadenza sia conclamata è necessario un Continua a leggere

Poltrone e politici: uniti oltre la morte

Il Senato gli vieta di rinunciare alla sua poltrona!

Fatta salva l’umile poltrona di casa, amica che offre riposo e relax quando ci si abbandona, tutte le altre sono esseri inanimati ma possessivi, che paradossalmente si impadroniscono di anima e corpo di chi le siede o presiede, trasformando i buoni propositi morali iniziali in freddi tornaconto.

Così, poltrona e chi la siede diventano un tutt’uno, inseparabile come due gemelli siamesi con una sola testa, un solo cuore ma due corpi.

E’ il caso di Giuseppe Vacciano e della sua poltrona, quella di senatore della Repubblica italiana dalla quale, in questi giorni, tenta la separazione per la Continua a leggere

Bollo auto e radiazione dal PRA

Tre anni consecutivi di mancato pagamento del bollo auto possono portare alla radiazione del mezzo dal PRA. Lo consente una norma del codice della strada del 1992 , finora mai applicata perché, nonostante l’età, manca del decreto attuativo che mai sarà emanato perché da allora è cambiata anche la competenza della materia che dallo Stato è passata alle regioni aggrovigliando indistricabilmente la questione giuridica; questa situazione potrebbe dar luogo ad una marea di ricorsi e creare più danni del contestato mancato pagamento.

Ma prima di arrivare a ciò l’ACI deve seguire obbligatoriamente Continua a leggere

Violazione dei diritti umani: a processo funzionari di Agentrate ed Equitalia

Traduzione in italiano dall’originale

L’Alta Korte de Justithia del Tribuna£e del Popo£o Veneto riunita in Spresiano il 14 gennaio 2017 ritenendo motivate le accuse sollevate da LIFE-APV nei confronti di tutti i funzionari e sottoposti di Agenzia delle Entrate e Equitalia che nonostante la messa in mora notificata “brevi manu” ai domicili operativi di tutto il Veneto nel corso dell’operazione “Matteo Evangelista”, coordinata e realizzata da LIFE-APV e Plebiscito.eu il 14 dicembre 2014, hanno continuato la loro opera di sottrazione forzosa delle risorse economiche ponendo ostacolo all’esercizio di autodeterminazione del Popo£o Veneto violando i diritti umani altresì contravvenendo ai trattati internazionali sui diritti civili e politici, ha disposto il rinvio Continua a leggere

INPS, omessi versamenti e Ministero dell’Idiozia

L’idiozia ha  sede istituzionale in Italia

Il Decreto Legislativo n.8 del 15 gennaio 2016 entrato in vigore il 6 febbraio 2016 come decreto attuativo della Legge n.67 del 28/04/2014 depenna parzialmente il reato di omesso versamento dei contributi INPS relativi ai dipendenti.

Prima di questo decreto, qualsiasi omissione veniva punita con la carcerazione fino a tre anni e con una multa fino a 1032 €. Ora se i versamenti non effettuati risultano inferiori a 10.000 €/anno è prevista la “sola” sanzione amministrativa che va da un minimo di 10.000 € ad un massimo di Continua a leggere

Quando “eseguire gli ordini” è atto criminale

Da Norimberga al processo Eichmann: il pretesto di “eseguire gli ordini” non è difesa legittima per gli atti criminali.  Dedicato a tutti i funzionari dello Stato italiano, in generale, e ai funzionari di Agenzia delle Entrate e di Equitalia del Veneto, in particolare, che con la loro opera di sottrazione delle risorse hanno ostacolato criminalmente il processo di autodeterminazione del Popo£o Veneto violando  i diritti dell’uomo. Per ciò deferiti da LIFE-APV al Tribunale del Popo£o Veneto – Alta Korte de Justithia, competente per gli affari extraterritoriali, che si riunirà in udienza preliminare Sabato 14 gennaio 2017 ore 09,30 nella sede di Spresiano (TV).

Quello ad Eichmann fu il primo processo per crimini contro l’umanità a svolgersi Continua a leggere

Assicurazione LIFE

volantino mkvolantino mk 2

Uno Stato estorsore, parola di Luciano Dissegna

(Video) Lucino Dissegna ex funzionario dell’Agenzia delle Entrate ci va giù pesante sul sistema fiscale e sugli abusi che molto spesso i funzionari del fisco e di Equitalia commettono a danno dei piccoli imprenditori. La questione, però, non è burocratica ma politica perché è la politica che emana le norme e la politica nulla fa contro i grandi gruppi imprenditoriali monopolizzanti gli appalti pubblici che generano tangenti e corruzione, atti  prodromici della grande evasione fiscale di cui essa stessa, la politica, è attore principale. Questo e tanto altro in questa videoregistrazione da Continua a leggere

Cartelle esattoriali via PEC

L’Italia è il Paese dove le cose semplici sembrano  vietate dalla Costituzione.

E’ il caso delle cartelle esattoriali indirizzate a liberi professionisti, imprenditori, artigiani e commercianti che dal 1 giugno 2016 per effetto del d.lgs. n. 159 del 24.09.2015 debbono obbligatoriamente essere trasmesse dall’Ente di riscossione tramite Posta Elettronica Certificata.

Se per vari motivi l’invio dovesse fallire l’Esattoria ha l’obbligo di inviare il tutto, sempre per via telematica, alle Camere di Commercio di ogni provincia e qui avviene quello che sarebbe potuto accadere al postino di una volta, quello vestito di nero e con la bicicletta, che fosse entrato nella foresta nera per consegnare della posta senza più trovare la via d’uscita.

Da non dimenticare che, per legge, il contribuente deve ricevere dal fisco i documenti sempre in originale e mai in fotocopia (fax) o in copia elettronica (mail) e che la confusione estrema può offrire ottime opportunità! Daniele Quaglia

Utile la seguente lettura ripresa da Continua a leggere