Login

Newsletter

  • Users 82
  • Posts 647
  • Comments 954
  • Pages 7

Monti

Monti, Letta e Renzi: la stessa luce

Renzi, terminator o salvatore?

Il cavaliere (Berlusconi), ai suoi esordi in politica amava dire: “Ghe pense mi!”.

Forse i suoi governi sono stati i meno peggio fra i tanti succedutisi  ma, nonostante ciò, non ha potuto evitare l’inarrestabile declino del Paese Italia. Lui è stato il primo leader  a porsi il limite temporale di 100 giorni per un’azione d’urto che prevedeva, nel suo caso e per noi imprenditori, l’abolizione dell’IRAP che, nonostante i buoni propositi, dopo 14 anni continua a dissanguarci.

Anche il governatore del Veneto Luca Zaia aveva posto, ai suoi buoni propositi,  il limite temporale dei fatidici 100 giorni per realizzazioni mirabolanti rimaste mirabolantemente inevase.

Negli ultimi tre anni l’evoluzione politica dell’Italia assomiglia sempre più  a quella di un paese che si sta involando verso una dittatura dove le regole vigenti sono state sospese,  i luoghi deputati alla discussione politica svuotati di ogni valore e un’unica persona Continua a leggere

Senza debito pubblico, niente tasse

Lo STATO (in maiuscolo) è l’organizzazione di persone che condividono valori, obiettivi e progetti.   Questa semplice definizione comporta una conseguenza tanto logica quanto inaudita e cioè che lo STATO ha il compito di organizzare l’operosità dei cittadini, darne un valore e pagare con la sua moneta, al fine  di raggiungere e permettere a tutti  una esistenza serena  e felice.

Esiste anche lo stato (in minuscolo), non come participio passato del verbo essere,  ma come organizzazione  espressione del male e che incontreremo in questo scritto in contrapposizione a STATO.

Quanti di noi possono affermare, attraverso l’esperienza di vita vissuta, che questo nostro stato ha operato e sta operando per la felicità dei suoi cittadini?

Fatta salva la schiera di parassiti che in questo stato hanno trovato la gioia del far nulla pagata in cambio del voto, tutti gli altri Continua a leggere

L’Italia e la luce nera

C’è il ministro Saccomanni che intravvede una luce in fondo al tunnel, la stessa luce che Monti vedeva già l’anno scorso. In un anno anziché avvicinarsi, la luce si è allontanata o forse il tunnel si è allungato. Squinzi vede un debole lumicino mentre il FMI vede nero per tutto il 2013.

La politica è arrivata dove i fisici non osano nemmeno pensare: l’invenzione Continua a leggere

Contante Libero

 

ContanteLibero.it

LIFE aderisce a questa iniziativa  http://www.contantelibero.it/documenti/manifesto-contante-libero/  a difesa della nostra libertà contro il potere delle banche che, con uomini totalmente asserviti come Monti, riescono a far passare come lotta all’evasione fiscale  ciò che invece costituisce:

a) un nuovo tipo di signoraggio attraverso il quale dopo 100 transazioni, 100 € di ipotetico capitale iniziale vengono prosciugati di oltre il 55% del loro valore da commissioni e oneri vari;

b) il più  subdolo mezzo per il controllo assoluto della nostra vita privata.

Daniele Quaglia

Monti, pìkate! (Monti, impiccati!)

Il “The Telegraph”, giornale inglese in un servizio sulla situazione italiana, uscito lunedì 10 dicembre 2012, titolava: “L’uscita di Mario Monti è la sola via di salvezza per l’Italia”.

L’articolo è stato ripreso da Dagospia che ne ha curato la traduzione: inutile affermare che il pezzo ci   risulta fin troppo benevolo nei confronti di Monti  perché non lo considera come  un’imposizione di poteri occulti per il raggiungimento di un preciso fine ma piuttosto tende a farlo passare per  un mero  adepto di una corrente di pensiero.

Se siamo ridotti alla fame lo dobbiamo ad un preciso disegno politico, diabolico: Monti  è la mano criminale per attuarlo.

Dopo aver contribuito non poco con i suoi atteggiamenti e provvedimenti ad incrementare il macabro numero dei suicidi per crisi, il titolo di questo pezzo vuole essere una nostra piccola vendetta: “ Monti, pikàte”

dal The Telegraph

 

 

Un po’ di ottimismo

Sono accusato di catastrofismo, di negatività e di non sapere offrire alternative: ora proverò a sfatare questa critica che ritengo inopportuna.

Questo felicissimo  momento storico, grazie all’opera saggia, sapiente, lungimirante ed equa degli uomini politici, affiancati da una burocrazia discreta, efficiente, per niente invasiva e a completo servizio del cittadino, vede un esplodere dell’economia, la tranquillità sociale ed economica delle famiglie e di tutti i pensionati sono assicurate,  la piena e soddisfacente occupazione lavorativa , garantite, la possibilità per tutti i giovani di una formazione scolastica che dà soddisfazione alle personali ambizioni è reale e la risvegliata voglia di sposarsi e fare figli dando vita a nuove bellissime famiglie…………………!

Sarebbe bello se vero, ma un preambolo simile, messo da cappello alla cronaca economica di oggi 17 ottobre 2012, ma vale lo stesso per quella di ieri, dell’altro ieri, probabilmente per quella  di domani e di dopodomani, Continua a leggere

Sei cose da sapere su Mario Draghi

Monti e Draghi provengono dalla banca GoldmanSachs, entrambi hanno figli che lavorano presso un’altra banca mondiale: la Morgan Stanley.

A inizio anno il governo Monti “bonificava” 2,5 mld di euro alla Morgan Stanley datore di lavoro del figlio  http://www.lindipendenza.com/monti-morgan/ nell’indifferenza totale di politici e giornalisti nostrani ma in Europa le cose funzionano diversamente e l’onestà probabilmente ha un altro valore.

Ecco allora Mario Draghi finire sotto inchiesta per conflitto Continua a leggere

Ripresa economica: Grazie Monti?

Da un anno i professori stanno mettendo a disposizione per la salvezza del Paese tutta la  loro sapienza  e adottando tutti i più moderni teoremi di scienza economica.

I risultati sarebbero lusinghieri solo se …. i segni aritmetici del + (più) e del  – (meno) fossero inversi rispetto alla realtà tracciata da EUROSTAT.

E inesorabilmente  aumentano con segno + (più) i valori  delle voci che dovrebbero  diminuire e diminuiscono Continua a leggere

Monti: conflitto di interessi?

Monti ha lavorato, fino al 2011, come consulente della Goldamn Sachs, considerata da molti la banca privata  più potente al mondo,  poco prima di essere nominato nella maniera in cui sappiamo Presidente del Consiglio dei Ministri.

Qualche “malelingua ” dice addirittura che sia stata la stessa Banca ad imporre Monti alla guida del governo italiano.

A fine giugno è avvenuto che la Goldman Sachs abbia venduto 2,3 miliardi di € in titoli di Stato italiani, quasi tutto il Continua a leggere

Commenti recenti