Login

Newsletter

  • Users 81
  • Posts 637
  • Comments 931
  • Pages 7

Contattaci

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

captcha
Inserisci il codice di sicurezza

14 risposte a Contattaci

  • ciro giordano scrive:

    apriamo gli occhi alla gente,non sarà facile ma dobbiamo riuscirci solo così riusciremo ad essere l’italia del popolo libero.
    A morte i politici i corrotti i banchieri i massonici………..
    Ci avete rotto le palle è. il momento di agire basta con le chiacchiere,con i lamenti.Basta questa è la nostra occasione sfruttiamola cacciamoli a calci nel culo .
    W LA LIBERT

    À

  • Micaela scrive:

    Sono di Bari, per il presidio sulla mia città ci sono degli errori, la statale 116 non esiste, ma la 16 si, l’uscita Poggiofranco Carrassi, non Barrassi.

  • Micaela scrive:

    Di nulla, dovere

  • Paolo GARDIN scrive:

    chissà che si cambi anche la MALAGIUSTIZIA CORROTTA ITALOSICULOBORBONICA ….WSM

    • Paolo GARDIN scrive:

      finalmente dopo tante peripezie sono riuscito ad inviare un messaggio alla LIFE che sia un sintomo della debolezza attuale di questo stato WSM

  • moreno volpe scrive:

    sono un socio di 2 societa’ che ho dovuto mettere in liquidazione, avevamo oltre 60 dipendenti, ora tutti a casa. ne abbiamo salvato 19 inserendoli presso una società amica, anche questa però in difficoltà, perché le banche assassine non vogliono dargli fiducia. come posso fare per venire da voi, e dedicare parte del mio tempo per questa associazione?

  • Simone scrive:
  • amerigo rutigliano officina sociale scrive:

    Salve Italia.

    Ci sono stato per qualche anno in quell’università che si chiama La Sapienza. Molte lotte politiche, molte teste rotte. Quando c’era una manifestazione ci si organizzava contro quei ” Celerini” che Pasolini definiva “anch’essi figli del popolo” ; quei celerini che si gettavano sugli studenti con i manganelli e noi li a difenderli . Erano tempi diversi, erano anni difficili, si stava cambiando una società e non solo in Italia ma in tutto il mondo. Abbiamo fatto male o bene prenderci le nostre responsabilità. Abbiamo fatto male o bene organizzare cortei, proteste di piazza, scontri con i cosi detti difensori dello stato, di uno stato colluso e di una politica corrotta.

    Quante conquiste sociali ottenemmo con le lotte degli studenti di allora. Con la famosa classe operaia.

    Non rimpiango nulla. Non rimpiango un paese arretrato che lasciammo alle spalle.

    Oggi, la situazione economica, la situazione sociale, la situazione mondiale è cambiata ma in peggio.

    Il mondo si trova sempre più sull’orlo del precipizio, se cadrà farà grande frastuono .

    Sono seduto qui ad Edimburgo nel pub preferito ( non si usa andare in ristoranti ) e con il mio Ipad leggo le notizie che vengono dall’Italia .

    Celerini che si tolgono i caschi davanti i “Forconi” e movimenti antagonisti ma, che poi si rimettono i caschi per caricare e manganellare giovani studenti poco organizzati.

    Gli eroici difensori dello Stato abbassano le creste con gli antagonisti ( che menano) ma fanno gli eroi con i ragazzini.

    Vorrei essere in Italia per tornare a difenderli.

    Il paese Italia è nel pallone e mentre la politica litiga sulla legge elettorale, fuori nelle piazze le persone sono disperate, hanno fame, rinunciano a curarsi, non portano i bimbi agli asili che costano o sono pochi.

    Vorrei tornare in Italia, la mia Italia per scendere in piazza accanto a quelle persone abbandonate a loro stesse.

    Vorrei tornare in Italia per urlare forte che la democrazia vuole dire anche rispetto dei diritti non solo dei doveri.

    Vorrei dire che ovunque si pronuncino le parole “Giustizia e libertà, i cittadini divengono solidali gli uni con gli altri.

    Amerigo Rutigliano Social Workshop

  • ALBERTO GAMBA scrive:

    DA QUINTA COLONNA DI UN MESE FA’ circa:

    Il sig. CARLO RIPA DI MEANA HA DICHIARATO DI PERCEPIRE (parole sue) BEN 5 PENSIONI (tutte x incarichi olitici della durata ciascuno di 3 4 6 anni) TOTALE MENSILE 13.000,00 e rotti euro.

    Come si puo’ pensare di uscire dal tunnel quando si vedono e si sentono notizie del genere, che poi vanno moltiplicate per alltri migliaia di casi. E’ inutile svenarsi x dar da mangiare ad un mostro che divora tutto (lo stato come concepito attualmente)

  • Alfonso scrive:

    leggendo quanto da tutti voi scritto mi rendo conto che siamo in una situazione forse di non ritorno!Politici,ex politici,privilegiati che beccan fior di quattrini,,esentasse,,,,, e poveri lavoratori che beeccan nulla e quel poco (se si lavora in proprio) che pigliano divorato dalle tasse che una stato (con la s minuscola) strozzino che vorrebbe aumentare sempre di più oneri e doveri e i diritti non ci sono (in Austria del Nord la tassazione è dell’8%;in italia di fatto si arriva al 70/80 e anche 100%,perchè ricordiamoci che anche quando si acquista un ciooccolatino si pagano le tasse!!!).Il mito di una pensione che non avrà mai anche perchè oneerosissima all’inverosimile,,però devi pagarla!!!!Sanità oramai inesistente e quando c’è è finalizzata a fare arricchire le case farmaceutiche (la beffa delle kemioterapie e la mortalità di molti pensionati e pensionandi, l’ultimo fatturato moondiale delle case farmaceutiche).Vorrei vivere lontano da tutto,non avere bisogno di lavorare e non essere suddito di alcun Stato strozzino, vorree stare lontano da tutto questo moondo marcio e falso (Europa per prima)ma si pootrà mai fare ciò??????

    • daniele scrive:

      Il mondo marcio e falso è tale per colpa dei cittadini che delegano il potere di decidere a politici corrotti (tutti lo sono perché 10-15-20 mila euro/mese non sono uno stipendio ma pura corruzione)e subiscono supinamente ogni nefandezza. Se i cittadini sono il Popolo e la sovranità appartiene al Popolo e lo Stato se ne infischia, il Popolo deve scendere nelle piazze con le forche e mettere in azione le ghigliottine

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *