Login

Newsletter

  • Users 84
  • Posts 713
  • Comments 1,046
  • Pages 9

Ła voxe de’l vice

Ampliamento del mirabile post del Presidente “Chi libererà il Popolo Veneto? “

Il detto, del meraviglioso medioevo, si riferisce alla storia di Cola di Rienzo, perfettamente italiana, non per nulla “historia magistra vitae”, ma nessuno ha mai imparato un cazzo. La storia sarà disponibile in sede quanto prima, cioè quando me vegnerà voia de lavorar, qualche minuto.

Alcune osservazioni: moltissimi paraindipendentisti, ora diluiti in autonomisti, continuano a scoreggiare e stringere il culo, che ginnasti, da olimpiade. Maestri dei fasoi di Lamon furono i leghisti originari, che ora rinverdiscono l’attività in piena autonomia, imitati dai rombi Di Maio e della Giorgia.

Sudditi veneti, metiveło ne ła crapa, dice un adagio cinese (millenaria civiltà, ben anteriore la nostra e che ci ha salvato, per secoli, dall’Islam, allora mori o saraceni): se vai in cerca di una mano guarda in fondo al tuo braccio.

Amara e mefitica conclusione, ai sudditi piace moltissimo il peto, porta voti e consente ai parassiti di continuare a riempirsi sontuosamente, a ns. spese, la terrina.

Fradei, demoghe avanti un paso, se proprio dobbiamo votare, votiamo per la loffa, così la sentiranno anche i sordi, pardon, i diversamente udenti e almeno ci sarà risparmiato il rumore.

Mica si può avere tutto, sacranon………!

S. Marcoooooooooo !

Giorgio Vigni

P.S. ignoranti ed arroganti governanti = ignoranti e rassegnati governati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.