Login

Newsletter

  • Users 81
  • Posts 628
  • Comments 919
  • Pages 7

Perché il tricolore è oltraggioso

Il sapere rende liberi, è l’ignoranza che rende prigionieri (Socrate)

Il tricolore verde, bianco e rosso nasce l’11 ottobre 1786 come bandiera di guerra della Legione Lombarda quando Napoleone Bonaparte comunicava al Direttorio la nascita di questa. La guerra è stata la madre del tricolore e la guerra legherà a sé il destino di questo stendardo.

Milioni di civili vittime innocenti, di soldati strappati alle loro terre, obbligati a scegliere tra la morte in combattimento o la morte davanti al plotone di esecuzione; devastazione, terrore e morte, sempre in guerre di aggressione, mai di difesa, quasi sempre di occupazione e di conquista; MAI in nome della libertà ma per soddisfare la cupidigia espansionistica dei capi.

Da allora sempre la stessa bandiera, lo stesso tricolore di base, via via con soggetti varianti nel campo bianco in adeguamento alle varie fasi politiche, lo stesso simbolo in continuità ad enfatizzare la morte, sacrificio della vita, quale substrato ideale per coltivare un improbabile amor patrio.

Così, dopo 150 anni l’Italia è ancora più disunita, che esprime tutto e il contrario di tutto: c’è chi col tricolore festeggia i partigiani e la liberazione da noi stessi; chi ricorda gli eccidi ed i rastrellamenti operati da nazi fascisti; chi col tricolore commemora i repubblichini di Salò trucidati dai partigiani; c’è chi organizza adunate tricolorizzando all’inverosimile paesi e città, inventando un cameratismo nazional pop nel culto del sacrificio, pavoneggiandosi nelle medaglie ottenute a riconoscimento di questo e occultando demagogicamente le indicibili ragioni che hanno portato a tragedie umanitarie globali ed epocali: la prima guerra mondiale, la seconda …… la campagna di Russia ……….. da carnefici a vittime, da occupanti a occupati, da perdenti a vincitori!

Il tricolore, bandiera di guerra e di morte già prima dell’Unità d’Italia fino ai nostri tempi.

Le guerre dichiarate dall’Italia in nome e per conto del tricolore sono almeno 21, 16 delle quali per mero espansionismo, 7 per motivi strategici dettati da opportunità politiche. Senza dimenticare la partecipazione recente nelle guerra del Golfo contro l’Iraq, contro la ex Jugoslavia, l’Afganistan, la Libia e chissà in quante altre contravvenendo al principio l’Italia ripudia la guerra, art 11 Cost..

Risultato: milioni di vittime tanto civili che militari, cadute non per amore del tricolore ma a causa di questo, vite non immolate sull’altare della patria, perfida matrigna, ma rubate da questa.

Ecco perché, alla luce di tutto ciò, ostentare il tricolore è oltraggioso!

 

IL MACABRO CURRICULUM DI DEVASTAZIONE E MORTE VANTATO DAL TRICOLORE

1848 I^ guerra di indipendenza all’Austria per occupare il Lombardo Veneto

1858 guerra di occupazione in Crimea

1859 II^ guerra di indipendenza all’Austria per occupare il Lombardo Veneto

1860 spedizione dei mille, guerra al Regno delle due Sicilie per occupare il Sud

1866 III^ guerra di indipendenza all’Austria per occupare il Veneto

1870 guerra di occupazione al Regno pontificio

1894 guerra di occupazione all’Eritrea

1898 guerra di occupazione alla Somalia

1899 guerra di occupazione in Cina

1911 guerra di occupazione alla Turchia per la Libia

1915 guerra di occupazione all’Austria-Ungheria per il Trentino-Sud Tirolo

1915 guerra di occupazione alla Germania per il Trentino Sud Tirolo

1935 guerra di occupazione all’Etiopia

1936 partecipazione guerra civile spagnola

1940 guerra strategica alla Francia

1940 guerra strategica all’Inghilterra

1940 guerra di occupazione alla Grecia

1940 guerra di occupazione all’Unione Sovietica

1941 guerra strategica agli USA

1941 guerra di occupazione alla Jugoslavia

1943 guerra strategica alla Germania ex alleato

1945 guerra strategica al Giappone ex alleato

…….la partecipazione alla guerra del Golfo contro l’Iraq, contro la ex Jugoslavia, in Afganistan, in Libia ……..

Daniele Quaglia

3 risposte a Perché il tricolore è oltraggioso

  • GIORGIO scrive:

    Daniele Quaglia,
    Bungiorno.

    Raffrontiamo la bandiera Italiana e la Bandiera Veneta della Serenissima Repubblica …
    1) La bandiera verde/bianco/rosso nata nel 1786 (copiata dalla francese blu/bianco/rosso) è stata “imposta” dall’invasore e guerrafondaio Napoleone Bonaparte;
    2) La Bandiera Veneta Veneta (697-1797) ha una Storia e una Nobiltà di quasi 15 secoli.
    Per la grandezza e la lealtà a quella Grande Serenissima Repubblica, ancor oggi la bandiera Veneta è maggioritariamente riconosciuta come una bandiera identitaria di un intero popolo e non giacchè della sola città, Venezia, ed ognuno può detenerla ed esporla con ORGOGLIO e SENZA PAURA.
    Che dire di più!

    VIVA SAN MARCO!

  • Vittorio scrive:

    Io volevo farlo sventolare dal finestrino della mia auto quando morirà napolitano. Non è oltraggioso in questo caso vero ?

  • Pingback: Gli Alpini cinesi | Life

Rispondi a GIORGIO Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *