Login

Newsletter

  • Users 79
  • Posts 580
  • Comments 815
  • Pages 7

Renzi, terminator o salvatore?

Il cavaliere (Berlusconi), ai suoi esordi in politica amava dire: “Ghe pense mi!”.

Forse i suoi governi sono stati i meno peggio fra i tanti succedutisi  ma, nonostante ciò, non ha potuto evitare l’inarrestabile declino del Paese Italia. Lui è stato il primo leader  a porsi il limite temporale di 100 giorni per un’azione d’urto che prevedeva, nel suo caso e per noi imprenditori, l’abolizione dell’IRAP che, nonostante i buoni propositi, dopo 14 anni continua a dissanguarci.

Anche il governatore del Veneto Luca Zaia aveva posto, ai suoi buoni propositi,  il limite temporale dei fatidici 100 giorni per realizzazioni mirabolanti rimaste mirabolantemente inevase.

Negli ultimi tre anni l’evoluzione politica dell’Italia assomiglia sempre più  a quella di un paese che si sta involando verso una dittatura dove le regole vigenti sono state sospese,  i luoghi deputati alla discussione politica svuotati di ogni valore e un’unica persona, l’”eletto”, illuminato da chi noi conosciamo bene, decide ed impone in nome della nazione.

Così abbiamo visto sorgere dalla creatività di questo “eletto”,  tipi di governi  magnanimi con le banche ed ostili ai cittadini, adducendo a  discolpa, la gravità della situazione economica.

Per chi ascolta solo i telegiornali e legge i quotidiani rinunciando ad un’informazione asettica, non inquinata, questa scusa appare più che mai plausibile ma per chi, invece, ha iniziato un percorso informativo al di fuori degli schemi tradizionali, sa che la vita politica italiana ed europea non  sono altro che  una farsa teatrale;  la banale scusa della grave situazione economica non regge e va ad aggravare la posizione dei teatranti, politici e burocrati asserviti,  che diventano  sempre più colpevoli, complici e carnefici per  crimini contro l’umanità.

Loro agiscono su “indicazione” della BCE che detta ed impone in toto agli Stati, regole e programmi pur essendo semplicemente un  ente di diritto privato.

Così ci è stato imposto il Governo Monti, simile ad  una meteora che in un lampo distrugge tutto ciò che si trova attorno al luogo dell’impatto.

Poi Enrico Letta, imposto dagli illuminati sempre  tramite l’”eletto”,  ha fatto di tutto per non deludere le aspettative dei suoi sponsor ma qualcosa deve essersi inceppato e Letta, che pensava di mangiare il panettone 2014 seduto sulla sua poltrona, in quattro e quattr’otto è stato rimosso come una pedina degli scacchi e sostituito da Renzi.

Dove Monti e Letta sono passati, non ricrescerà mai più l’economia.

Renzi è il terzo voluto dagli illuminati con la stessa modalità:  tramite l’”eletto”.

I due predecessori, Monti e Letta,  avevano l’incarico di devastare l’economia produttiva italiana e ci sono riusciti creando un’elite di  italiani, il 10% della popolazione, che in questi due anni  si sono arricchiti a dismisura a spese di una massa, il 90%, sempre più povera che ha visto arretrare il potere di acquisto dei suoi redditi di 40 anni.

I due hanno svolto un lavoro militare da sabotatori d’assalto,  hanno inibito e sminato il terreno per permettere  il transito delle truppe corazzate al comando , per l’appunto, di  Matteo Renzi.

Cosa possiamo aspettarci?

La devastazione totale dell’Italia e dell’Europa con la conseguente  riduzione in schiavitù dei relativi popoli, o la realizzazione dei buoni propositi espressi da Renzi con un tempo previsto di attuazione di 3 mesi, vale a dire 10 giorni in  meno dei fatidici 100 funestamente indicati da Berlusconi e da Zaia?

Riforma elettorale, riforma del lavoro, riforma della burocrazia e riforma del fisco, tutto in 90 giorni?

Non passa inosservato il fatto che, mentre elenca questi propositi, Renzi non perde l’occasione di citare l’evasione fiscale come  il male dei mali e, indica come soluzione, la  moneta elettronica con tracciabilità degli scambi, temi molto cari e probabilmente indotti  dagli illuminati anche a Monti e Letta.

Non sarà mai che Renzi abbia già imboccato, consapevole o meno (!),  la via dell’inferno notoriamente lastricata di buoni propositi?

Daniele Quaglia

Una risposta a Renzi, terminator o salvatore?

  • lorenza scrive:

    dobbiamo fermare l’ avanzata di questi burocrati pagati da noi, dobbiamo ribellarci tutti, organizzarci e fare proselitismo. non e’ piu’ tempo di ridere o di scherzare e’ venuto il momento della lotta! questo sistema sta stritolando le persone serie che lavorano a scapito dei raccomandati, burocrati PARASSITI!!! i veri parassiti sono loro!!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *