Login

Newsletter

  • Users 84
  • Posts 727
  • Comments 1,062
  • Pages 9

S.A.S. Società in Accomandita Semplice

L’esperienza imprenditoriale di molti di noi si è caparbiamente fossilizzata in forme aziendali individuali o società di persone che risultano da un lato quelle più a rischio di perdere tutto il patrimonio riconducibile alle persone, dall’altro sono quelle che offrono maggiori garanzie ai creditori, banche e Stato: un affare per questi, una catastrofe per noi se gli affari non andassero come previsto.

Impresa individuale, S.N.C. (Società in Nome Collettivo) e S.A.S. (Società in Accomandita Semplice) sono tre forme di ditta che, in ordine, rappresentano una garanzia decrescente assoluta per i creditori .

Parliamo della S.A.S, acronimo che da la sensazione di una certa superiorità nobiliare rispetto alle altre due forme ma vedremo che sostanzialmente poco cambia.

La S.A.S. è una società composta da persone che a vario titolo rispondono economicamente per gli impegni societari.

Queste persone acquisiscono titolo di Soci Accomandatari quando apportano quote di capitale e partecipano attivamente alla conduzione aziendale, diventeranno soci Accomandanti quelli che apportano quote di capitale ma rimangono estranei alla conduzione dell’azienda.

La differenza tra i due tipi è che i primi rispondono sia con le quote di capitale, sia col patrimonio personale agli obblighi assunti dall’azienda, mentre i secondi risponderanno esclusivamente per le quote di capitale versato.

Spesso, in questa forma societaria sono coinvolti familiari che non disdegnano offrire il loro aiuto: attenzione perché, se il socio Accomandante partecipa attivamente anche se non continuativamente alla conduzione aziendale e il fatto dovesse essere accertato (bastano alcuni testimoni), per la legge il socio Accomandante diviene Accomandatario che, all’occorrenza, sarà chiamato a rispondere oltre che con le quote di capitale, anche col patrimonio personale.

Se è Vostra intenzione procurare sonni tranquilli ai creditori continuate così, se invece l’obiettivo primo è quello di salvaguardare il pre esistente patrimonio della famiglia meglio correre ai ripari come consigliato qui:

http://www.life.it/1/come-scegliere-una-srl/

http://www.life.it/1/71motivi-per-fare-un-srl/

http://www.life.it/1/lavoratori-autonomi-e-rischio-di-perdere-casa-e-famiglia/

http://www.life.it/1/fare-impresa-senza-rischiare-la-casa-in-attesa-di-una-repubblica-veneta-indipendente/

Daniele Quaglia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.