Login

Newsletter

  • Users 84
  • Posts 727
  • Comments 1,062
  • Pages 9

San Marco 2018 in sordina

Venezia, 25 aprile, San Marco: è’ dal 2012 che si tiene questa importante spontanea manifestazione, primo anno in cui, una sparuta rappresentanza di indipendentisti veneti, sfidando Carabinieri, Questura e DIGOS, si è ripresa la festa di San Marco nel luogo simbolo per eccellenza, piazzetta San Marco in Venezia. vedi http://www.life.it/1/venezia-san-marco-festa-e-piazza-sono-nostri/

Da allora la presenza di indipendentisti, nella ricorrenza di San Marco è continuamente cresciuta fino a quest’anno, che a quanto pare, ha accusato per la prima volta, un calo di partecipazione.

Per la prima volta dal 2012, ho disertato l’avvenimento, per motivi di famiglia; mi è dispiaciuto non esserci e non mi sorprende la partecipazione in evidente calo, segnalatami da chi era presente.

La manifestazione sta perdendo la sua caratteristica di spontaneità e quindi di entusiasmo per un semplice motivo: da due anni, la politica ha messo al guinzaglio gli indipendentisti “costretti” a radunarsi attorno ad un palco nell’isolato angolo tra Le Procuratie nuove e il museo Correr, in un contesto anonimo, che potrebbe essere attribuito ad una qualsiasi delle altre città Venete.

Chiusi come polli in un serraglio!

E il messaggio che ne deriva è di una manifestazione folcloristica ed evocativa, ottima per i turisti, ma del tutto inefficace per rivendicare, con l’indipendenza, usi, costumi e tradizioni del popolo veneto oppresso.

E’ piazzetta San Marco, con le colonne di Marco e di Todaro, col Palazzo Ducale e la Basilica di San Marco, l’ideale ed unica locazione dell’evento, che può permettere un forte messaggio mondiale sulla rivendicazione di indipendenza del popolo veneto dallo Stato italiano, sfidando, se necessario e per l’ennesima volta, gli editti dell’okkupante che, furbescamente, ci concede il lusso di essere rinchiusi nel pollaio da lui allestito.

Nel penultimo San Marco 2017, ho trascorso quasi tutto il pomeriggio con la mia bandiera, da solo, tra le colonne di San Marco e San Todaro rivendicando il diritto dei Veneti di raccogliersi lì e invitando più volte, senza successo, altri ad unirsi  sfidando pure gli sguardi intimidatori degli addetti all’ordine pubblico.

Per il 2019, se Dio e San Marco me lo concederanno, farò altrettanto, “occupando abusivamente” lo spazio in fronte a Palazzo Ducale e tra le due colonne, sperando che altri si decidano di continuare la sfida iniziata, da pochi temerari, quel 25 aprile del 2012.

Daniele Quaglia

Una risposta a San Marco 2018 in sordina

  • FIL DE FER scrive:

    Purtroppo stiamo vivendo un periodo difficile della nostra storia e dopo la grande delusione di Plebiscito.eu era necessario un momento di riflessione per la stanchezza ricevuta !
    Adesso poi che con la richiesta di ampia autonomia che la Regione è riuscita a presentare e che il governo in carica ha sancito essere degna di attenzione probabilmente qualcuno si è accontentato ed ha disertato la festa.
    In ogni modo per come la vedo io è e sarà solamente a livello internazionale che dobbiamo agire poiché è provato che il passaggio del Vento ai Savoia è stata tutta una truffa ed un raggiro e chi doveva vigilare a livello internazionale sul plebiscito non lo ha fatto.
    Vi è poi la questione di Plebiscito.eu che dopo la vittoria e le certificazioni ha messo in cantina il tutto dicendo che al momento si era tesaurizzato la cosa e si doveva procedere con programmi secondo me inattuabili data la situazione bancaria veneta che aveva smascherato il malaffare e passare a cripto monete e altro non garantite da nessuno che portavano ad una strategia puramente velleitaria. I tempi non sono ancora maturi per siffatta strategia che non ha alcun supporto ufficiale riconosciuto da alcun organo né nazionale né internazionale.
    Un caro saluto a Quaglia al quale riconosco di aver capito molto prima di me la situazione. Al Parlamento Provvisorio Veneto dopo quello a cui ho assistito contro di Voi della Life, da parte di un certo Busato, non ho più partecipato né parteciperò in futuro
    né alle riunioni di Plebiscito né del Parlamento…….. Fine !! W SAN MARCO SEMPREEEEEEEE!!!!!!!!!!!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.