Login

Newsletter

  • Users 79
  • Posts 570
  • Comments 814
  • Pages 7

oppressione

Ha offeso Equitalia: Chiavegato a processo il 12 aprile a Roma

E’ la tecnica dell’okkupante colonialista quella di fare i processi a chi esprime liberamente il proprio pensiero politico in disaccordo al pensiero unico che si vorrebbe instaurare. E per Lucio non si tratta della prima volta perché è già successo nel 1998, nel 2001, nel 2004, nel 2014 come riportato con i relativi capi d’accusa nel libro “FRAJA” (edito da LIFE e disponibile su richiesta): è recidivo e non Continua a leggere

Accertamento fiscale nullo

L’accertamento fiscale deve necessariamente portare la firma del capo ufficio, se non da questo, da un funzionario dallo stesso direttamente delegato. L’atto con il quale il funzionario dell’Agenzia delle Entrate viene incaricato alla firma dell’accertamento fiscale è la delega che deve necessariamente rispettare alcuni requisiti di forma indicati dalla legge.

La delega deve essere: Continua a leggere

Al Patriota Veneto

Quando l’unione fa la forza è la forza che fa la differenza.

La Patria, la “Terra dei Padri” non può che essere, per un veneto, la Venethia.

Il termine geopolitico Venethia è stato definitivamente cancellato negli anni settanta con l’istituzione delle Regioni Veneto, Trentino Alto Adige e Friuli Venezia Giulia, che andavano a sostituire il concetto geografico, volutamente dissolutivo e riduttivo, di Tre Venezie: Venezia Euganea, Venezia Giulia e Venezia Tridentina, a termine del processo di revisione di un passato storico dei Veneti, scomodo e ingombrante per la matrigna Italia che mai li ha amati.

Nel linguaggio corrente italiano la parola Patria riflette un significato vuoto, astratto se è dissociata da un’attribuzione geografica per il fatto che l’Italia non è sentita da alcuno dei suoi cittadini, “Terra dei Padri”, mentre Venethia, che etimologicamente significa “Terra dei Veneti” anche nel più riduttivo termine “Veneto”, ha in sé il Continua a leggere

Prescrizione Cartella esattoriale: 5 anni e non 10

Come sopravvivere a Equitalia e alla rottamazione: buone notizie per chi ha debiti con Equitalia relativi ad imposte.

La prescrizione della cartella esattoriale, non segue necessariamente il termine di 10 anni di quel debito che l’ha prodotta. Esempio: se per un debito IRPEF è previsto un termine di 10 anni di prescrizione, una volta emessa la relativa cartella esattoriale, questa, in determinate condizioni, ha un termine di prescrizione di 5 anni.

La Corte di Cassazione, con la sentenza n.20213/15, individua i soli due casi  nei quali si realizza la Continua a leggere

Giustizia Veneta vs Agentrate e Equitalia

Il Tribunale del Popolo Veneto – Alta Korte de Justithia, a conclusione del procedimento a carico di funzionari e sottoposti di Agenzia delle Entrate ed Equitalia operanti nel territorio della Republica Veneta, ha emesso sentenza di colpevolezza nei loro confronti. Questi avranno la possibilità di difendersi dalle accuse Continua a leggere

Punti patente o multa?

Tanti più chilometri si percorrono sulle strade tanto è più alta la possibilità di incorrere in infrazioni e conseguenti sanzioni con il risultato che, chi usa come strumento di lavoro un automezzo, corre il rischio di non poter più lavorare perché privato della patente per azzeramento dei punti.

Ecco che qualora una multa dovesse arrivare tramite posta, per l’impossibile contestazione immediata in loco, viene richiesto al proprietario del mezzo di segnalare il nome del conducente di quel mezzo in quel frangente, per la detrazione dei relativi punti patente.

Spesso, proprietario e conducente coincidono e Continua a leggere

Quando lo sciopero fiscale?

1996 San Donà di Piave (VE), 2017 Piovene Rocchette (VI) le stesse vicende che si ripetono a distanza di 21 anni. Allora Luigi Baesse imprenditore dell’abbigliamento di San Donà di Piave dopo aver subito il fallimento della sua azienda (vedi http://www.life.it/1/falliti-per-ragion-di-stato/#more-1288 ) è stato messo sulla strada dall’ufficiale giudiziario in ordine ad un decreto di sfratto esecutivo eseguito con l’intervento del nucleo antisommossa dei CC dopo vari tentativi. Oggi la stessa sorteè toccata ai  fratelli Spezzapria di Piovene Rocchette, anch’essi operatori dell’abbigliamento buttati fuori di casa con le stesse modalità subite da Baesse 21 anni prima.

Medesima attività produttiva, medesima sorte, medesimi i creditori: le banche.

In entrambi le vicende sembrerebbe che lo Stato non abbia colpe invece le colpe più gravi sono sue. Eccole! Continua a leggere

Bollo auto e radiazione dal PRA

Tre anni consecutivi di mancato pagamento del bollo auto possono portare alla radiazione del mezzo dal PRA. Lo consente una norma del codice della strada del 1992 , finora mai applicata perché, nonostante l’età, manca del decreto attuativo che mai sarà emanato perché da allora è cambiata anche la competenza della materia che dallo Stato è passata alle regioni aggrovigliando indistricabilmente la questione giuridica; questa situazione potrebbe dar luogo ad una marea di ricorsi e creare più danni del contestato mancato pagamento.

Ma prima di arrivare a ciò l’ACI deve seguire obbligatoriamente Continua a leggere

Violazione dei diritti umani: a processo funzionari di Agentrate ed Equitalia

Traduzione in italiano dall’originale

L’Alta Korte de Justithia del Tribuna£e del Popo£o Veneto riunita in Spresiano il 14 gennaio 2017 ritenendo motivate le accuse sollevate da LIFE-APV nei confronti di tutti i funzionari e sottoposti di Agenzia delle Entrate e Equitalia che nonostante la messa in mora notificata “brevi manu” ai domicili operativi di tutto il Veneto nel corso dell’operazione “Matteo Evangelista”, coordinata e realizzata da LIFE-APV e Plebiscito.eu il 14 dicembre 2014, hanno continuato la loro opera di sottrazione forzosa delle risorse economiche ponendo ostacolo all’esercizio di autodeterminazione del Popo£o Veneto violando i diritti umani altresì contravvenendo ai trattati internazionali sui diritti civili e politici, ha disposto il rinvio Continua a leggere

INPS, omessi versamenti e Ministero dell’Idiozia

L’idiozia ha  sede istituzionale in Italia

Il Decreto Legislativo n.8 del 15 gennaio 2016 entrato in vigore il 6 febbraio 2016 come decreto attuativo della Legge n.67 del 28/04/2014 depenna parzialmente il reato di omesso versamento dei contributi INPS relativi ai dipendenti.

Prima di questo decreto, qualsiasi omissione veniva punita con la carcerazione fino a tre anni e con una multa fino a 1032 €. Ora se i versamenti non effettuati risultano inferiori a 10.000 €/anno è prevista la “sola” sanzione amministrativa che va da un minimo di 10.000 € ad un massimo di Continua a leggere