Login

Newsletter

  • Users 91
  • Posts 1,044
  • Comments 1,370
  • Pages 9

L’avvocato e la parcella sproporzionata

Quando l’avvocato presenta il conto finale l’esclamazione del cliente è: tutti questi soldi?

Se a fine della prestazione l’avvocato dovesse presentare una parcella ritenuta troppo esosa dal cliente, cosa può fare costui?

Non esistono dei parametri matematici che permettano di calcolare la parcella di un avvocato in quanto questa dovrà considerare la complessità del caso, il tempo dedicato e il risultato finale, fermo restando che un principio deontologico impone al professionista di non richiedere compensi eccessivi al cliente. Continua a leggere

IVA non versata

Se non ci sono i soldi per pagare l’IVA cosa si può fare?

L’effetto del coronavirus sull’economia potrebbe riservare aspetti poco ipotizzati da chi ha disposto il blocco delle attività, che ha pure disposto lo slittamento degli adempimenti fiscali, nella errata considerazione che un’azienda possa ripartire premendo un semplice pulsante; ma nel periodo di fermo possono essere intervenuti molti eventi imprevisti e imprevedibili: annullamento di commesse, carenza di materie prime, mancato ritiro della merce venduta, incassi sospesi …. eventi che possono complicare non poco la ripartenza. Continua a leggere

Attenti al virus informatico

Si chiamerebbe proprio coronavirus come ci segnala il nostro consulente informatico.

Il malware si presenta spesso come documento in formato .pdf allegato alla mail, ad esempio col nome di “Coronavirus Safety Measures.pdf” o simile, che se aperto avvia il download di contenuti dannosi e pericolosi.

Oppure può presentarsi come documento in formato .doc in cui sarebbero indicate alcune precauzioni per evitare il contagio dal Coronavirus. Continua a leggere

Coronavirus: salva la “madre” di Harry Potter

Ha eseguito ciò che anche noi consigliamo: contro i virus imparare a respirare correttamente.

Lo abbiamo pubblicato il 27 marzo e sostenevamo l’importanza di regolare il respiro e di aumentare le difese immunitarie, grazie alla maggior produzione di monossido di azoto, raggiungibile con tecniche di respirazione/yoga che non costano nulla, sono praticabili da tutti e possono salvare la vita. Continua a leggere

Pagare l’avvocato solo se vince

Chi ha avuto a che fare con l’avvocato (chi nella sua vita non ha mai vissuto questa esperienza?) si sarà chiesto più di qualche volta il motivo per il quale, vinca o perda, l’avvocato deve essere sempre e comunque pagato.

Altro che film americani dove gli avvocati si accordano per il pagamento a fine del loro operato e solo al raggiungimento di risultati positivi per il cliente! Continua a leggere

La truffa italiana dei plebisciti

Non solo il Veneto fu truffato, ma tutti i Popoli italici nel cui territorio si svolsero i plebisciti di annessione.

Questa volta parliamo dei due Plebisciti per l’annessione di Nizza e Savoia, allora piemontesi, alla Francia, organizzati dai Savoja quando il passaggio di proprietà di quei territori era già stato deciso, declassando i plebisciti da espressione di volontà popolare a pura formalità burocratica.

I fatti

Per ottenere l’aiuto di Napoleone III nella seconda guerra d’indipendenza contro l’Austria, Cavour accordò la cessione di Nizza e la Savoia, allora piemontesi, come contropartita nella speranza di riuscire a cambiare i termini del trattato in corso d’opera. Continua a leggere

Fame di cibo e libertà (video)

Ascoltate questo audio che racconta di una telefonata tra un’artigiana veneta ed il cugino, gelataio in Germania, il quale ha fatto richiesta  del sussidio per chiusura forzata dell’attività a colpa del coronavirus; il giorno dopo aveva già 9.000 euro di contributo accreditati sul suo conto corrente, in banca.

Avevano visto giusto i nostri Padri veneti quando, subito dopo l’annessione al regno d’italia coniavano il detto “Co San Marco comandava se disnava e se senava …. soto Casa de Savoja de magnar te ga voja”. Continua a leggere

L’autocertificazione predisposta da Vigni

Che l’autocertificazione sia più uno strumento di spavento, uno spaventa passeri, piuttosto che un atto da cui possano trarre origini sanzioni amministrative o penali, come abbiamo già visto qui https://www.life.it/1/lo-stato-autoritario-semina-vento/ ,è ormai assodato e per chi volesse ricorrere contro eventuali sanzioni, il percorso si presenta alquanto agevole. Continua a leggere

Le mie riflessioni

di Giorgio Vigni

Rientrato dalla passeggiata ho notato che dalla solitudo di ieri, in 24 ore, si è passati ad alcuni in giro, anche in coppia.

Deduco, ipotizzando, che il tappo della damigiana non sia più a tenuta.

I coglioni, preciso che non ne sono all’altezza, tetragoni, continuano ad ignorare la ricerca anticorpi /immuni , meno costosa, più rapida, molto più certa, ergo, molto più utile ed insistono col tampone, molto costoso, altamente impreciso, lungo, ergo inutile e paralizzante. Continua a leggere

Lo Stato autoritario semina vento

… e raccoglierà tempesta: il caso delle autodichiarazioni per gli spostamenti in periodo di emergenza coronavirus.

Ci sono dei principi nei rapporti umani che non possono essere violati perché anche il comportamento umano sottostà alla legge della fisica dinamica “ad ogni azione corrisponde una reazione uguale e contraria” .

Lo stare a casa per evitare contagi da coronavirus dovrebbe essere una scelta dovuta al senso civico e di comunità che può essere infusa solo da uno Stato autorevole, in cui tutti credono e nutrono fiducia e non da uno Stato che ha delagato il Consiglio dei Ministri di minacciare i cittadini con sotterfugi e sanzioni per imporre la sua volontà in modo autoritario. Continua a leggere