Login

Newsletter

  • Users 89
  • Posts 834
  • Comments 1,181
  • Pages 9

Archivi del mese: novembre 2018

Se la cartella esattoriale è prescritta

Succede sempre che, debiti esattoriali teoricamente prescritti da tempo, vengano riesumati dall’esattoria, Agenzia delle Entrate-Riscossione od altri, e rimessi in circolazione con le vesti di nuove cartelle esattoriali.

Questo succede quando il debitore, confidando nel buon senso, da per scontato che un debito fiscale o tributario prescritto venga cancellato automaticamente.

Il buon senso del padre di famiglia, spesso richiamato nelle norme del codice civile, non trova riscontro tra le norme tributarie che in questo senso hanno ben poco di civile.

Così, in barba al buon senso, il debitore è costretto ad assoldare un Continua a leggere

Fattura elettronica: calma e gesso

Relazione della discussione avvenuta nel corso del Direttivo LIFE Treviso il 26.11.2018, sulla fattura elettronica.

La realtà è sempre diversa da ciò che appare e anche la fattura elettronica, che il pressante tam tam di aziende informatiche e gestori di servizi software, evidentemente interessati all’affare, danno per ineluttabile da Gennaio 2019 avrà un’evoluzione tipicamente italiana.

Allo stato attuale delle cose ci sono dei problemi di carattere tecnico, logistico e giuridico che rendono impossibile la realizzazione di questo progetto, quanto meno, prima di giugno 2019.

E’ quanto è stato espresso in un’audizione parlamentare dal Consiglio nazionale dei Commercialisti.

Problemi di carattere tecnico: i primi test di prova Continua a leggere

Licenziamento in tronco

Fermo restando che tutte le aziende con meno di 15 operai possono licenziare i loro dipendenti senza motivare una giusta causa, ci sono situazioni che prevedono il licenziamento immediato senza preavviso: questa fattispecie di licenziamento è adottabile da ogni tipo di azienda e indipendentemente dal numero di addetti.

E’ il caso del licenziamento disciplinare inerente l’abbandono del posto di lavoro da parte del lavoratore nel caso in cui ciò sia avvenuto senza giustificazione, consapevolmente e Continua a leggere

Paghe da fame in funzione di una pulizia etnica?

Riprendendo quanto illustrato qui https://www.life.it/1/la-rivoluzione-unica-alternativa/ è doveroso fare alcune considerazioni di carattere politico che non hanno trovato spazio nel post pubblicato.

Nel settembre 2001, primo mese a tempo pieno, la neoassunta apprendista LIFE percepiva uno stipendio netto di 1.083 euro con una paga oraria netta di circa 6 euro, per 40 ore settimanali; sabato e domenica liberi quindi 8 giorni di riposo al mese.

Con l’equivalente di un’ora di lavoro acquistava quasi 6 litri di benzina e con lo stipendio di 6 mesi riusciva a comperarsi una Panda.

A distanza di 17 anni abbiamo questa paradossale situazione: una giovane diplomata, un anno più anziana della nostra, dopo non poche difficoltà riesce a trovare un lavoro (!?) come stagista in un Centro Commerciale.

E’ impegnata sei giorni su sette per 40 ore lavorative alla settimana: due giorni per Continua a leggere

La rivoluzione, unica alternativa

Un’imprenditrice associata LIFE ci ha chiamati scandalizzata dalla  busta paga che la figlia ha ricevuto al primo mese di impiego, come stagista in un’azienda commerciale.

La conferma di questo scandalo è venuta dal confronto della busta paga di “Maria”, assunta in LIFE come apprendista nel 2001 e quella di “Nadia”, assunta nel 2018 da un’azienda commerciale multinazionale, come stagista.

17 anni dopo, a parità di età e titolo di studio, in questo caso la paga è diminuita del 50%, mentre nei raffronti della tabella sotto riportata sarebbe dovuta aumentare almeno del Continua a leggere

Veneti, troviamoci per andare oltre

Le decisioni impetuose e audaci in un primo momento riempiono di entusiasmo, ma poi sono difficili a seguirsi e disastrose nei risultati (Tito Livio)

E’ il caso dell’affascinante teoria della legale rappresentanza per mezzo della quale chi ha deciso di rinunciare ad essere cittadino della Repubblica italiana si ritiene esentato dal soggiacerne alle norme.

Sarebbe troppo bello riuscire a liberarci da questo Stato semplicemente contestandogli la sua illegittima presenza ed esistenza, facendo pure riferimento al Plebiscito truffa del 1866, a decreti incautamente abrogati (Regio decreto 3300 del 4 novembre 1866 abrogato con Dlgs 212/2010 ), alla violazione dei Diritti umani, della Carta ONU e dei Patti internazionali.

Non per dubitare della bontà di tutte le iniziative che mirano a liberarci da uno Stato nemico, bensì per mettere in guardia dal facile entusiasmo che Continua a leggere

Identità del Popolo Veneto (video della conferenza)

Questo è il video della conferenza organizzata da LIFE Treviso, tenutasi a Castelfranco il 13 ottobre 2018; lo scopo di questa era di accertare se l’entità veneta abbia i requisiti di Popolo in prospettiva di una istanza internazionale per la  rivendicazione del diritto di decidere da sé (The right of self determination)   riconosciuto dai Diritti dell’uomo, dalla Carta ONU e da vari trattati e risoluzioni.

La caratteristica principale dell’organizzazione politica di questo popolo è sempre stata il concetto innato di federalismo sin dagli inizi ma che ha trovato un buco nero, un vuoto, durante le invasioni barbariche. La Repubblica di Venezia non è stata la Repubblica dei Veneziani ma la Repubblica dei Continua a leggere

Ła voxe de’l vice: 1915-1918 una carneficina di Stato

SCHIFO E GUERRA: L’ITALIA HA SULLA COSCIENZA 600.000 MORTI GIOVANISSIMI

di PAOLO L. BERNARDINI tratto da https://www.miglioverde.eu/schifo-e-guerra-litalia-ha-sulla-coscienza-600-000-morti-giovanissimi/

La ripugnante retorica statalistica, italiana (ma non solo), si è scatenata il 4 novembre, come c’era d’aspettarsi. Ignoranti, beceri, cialtroni, storici prezzolati (poco) presidenti e loro servi si sono profusi nel ricordare gli “eroi” del più vile e vergognoso massacro che la storia abbia mai registrato, capace solo di prepararne un altro, ancor peggiore, a distanza di venti anni esatti dalla pace di Versailles.

Mattarella ha perfino tirato fuori la regina Elena che assisteva i feriti! Cose da libro “Cuore”. La Regina Elena dolce fatina del Montenegro di cuor candido e nerissima chioma morì nel proprio letto a Montpellier nel 1952, a quasi novant’anni. Continua a leggere

Scout speed – autovelox mobile

L’eccesso di velocità rilevato con l’autovelox mobile montato su auto civetta della polizia che molti comuni hanno pensato bene di attrezzare con l’evidente intento di rimpinguare le casse comunali, è soggetto ad almeno due condizioni, in violazione delle quali il conseguente verbale è nullo.

Queste condizioni sono:

1. L’infrazione deve essere comunicata immediatamente al conducente e, Continua a leggere

Pace Fiscale

Le cartelle esattoriali inferiori a 1000 euro ed emesse tra il 2000 ed il 2010 saranno eliminate il 31 dicembre 2018 in automatico da parte dell’Agenzia delle Entrate-Riscossione.

Attenzione però, perché il decreto non parla di cartelle esattoriali ma di ruoli di importo inferiore ai 1000 euro, comprensivi di interessi e sanzioni, e può essere accaduto che Equitalia abbia sommato più ruoli in un’unica cartella esattoriale.

Per fare un esempio una multa stradale di 600 €, il diritto camerale di 450 € e l’ICI di 200 € non pagati, hanno ruoli diversi sia per l’origine del creditore sia per i tempi di emissione, possono essere stati raggruppati in un’unica cartella per complessivi 1250 €. Continua a leggere