Login

Newsletter

  • Users 85
  • Posts 748
  • Comments 1,098
  • Pages 9

Archivi del mese: dicembre 2018

Rischio d’impresa? può essere la fame

Fare impresa non è un lavoro semplice: devi essere sempre disponibile, non esistono orari fissi; di fisso c’è sempre lo stesso chiodo nella mente : il lavoro che ti accompagna giorno e notte.

Una grossa auto, una bella azienda, una casa da sogno …. cose che spesso accendono l’invidia di chi si ferma alle apparenze e non immagina che dietro a quelle cose si nasconde un sistema di vita massacrante.

Perché dietro alle apparenze spesso ci sono montagne di debiti: mutui, leasing e concessioni di credito che sono in precario equilibrio con le entrate e  basta un niente per inceppare il meccanismo.

E molto più spesso di quanto non si creda, in breve tempo si può            Continua a leggere

Omelia contro Salvini: Vigni, che ha denunciato … spiega

Leggo risposte sconclusionate, fuori tema, prese di posizioni illogiche, vediamo di capirci :

  • se mi sparano ed al pronto soccorso il chirurgo, invece di ricucirmi, mi parla di Salvini, m’in….quieto;
  • se mi rapinano e chiedo aiuto ai carabinieri e il centralinista mi parla di Salvini, m’in….quieto;
  • se la mia casa va a fuoco ed i pompieri mi parlano di Salvini, m’in….quieto;
  • dovessi andare a puttane, pagare la prestazione e la prestante non prestasse, ma parlasse di Salvini, m’in….quieterei.

Essendo cristiano, mi hanno insegnato che il prete rappresenta il Cristo, addirittura in certi momenti, s’identifica con Lui, ergo deve seguirne i dettami. Continua a leggere

Il frizzante sangue LIFE

Domenica scorsa nella Pieve di Castelfranco è successo un fatto che ha trovato risonanza nei maggiori giornali e nei più importanti blog italiani.

Non è la prima volta che un prete, nel corso dell’omelia, prende delle posizioni politiche a favore o contro le scelte di un Governo e forse non è nemmeno la prima che un fedele, per protesta, esce silenzioso dalla chiesa per poi ritornare a “comizio” terminato.

Forse è la prima volta che un fedele prende carta e penna per denunciare il disagio di chi si reca in chiesa per meditare e tentare di trovare, nello spazio limitato di un’ora, la serenità interiore e invece si trova a dover sopportare un comizio politico come ne fossimo a digiuno.

Giorgio Vigni, vice Presidente di LIFE Treviso lo ha fatto, non per Continua a leggere

Multe stradali: finita la pacchia?

I Comuni abituati a ripianare i debiti con le multe stradali dall’altro ieri dovranno rivedere questa loro strategia perché potrebbe riservare a questi un effetto boomerang proprio sui debiti.

Molti automobilisti che fino ad ora hanno preferito pagare un verbale di contravvenzione al CDS anche se presumibilmente illegittimo, lo hanno fatto per evitare spese legali in un eventuale ricorso mentre molti altri, che hanno vinto il ricorso, si sono accollati le spese dell’Avvocato con la solita clausola “spese compensate” ma, dopo l’ordinanza Continua a leggere

Sovrattassa per auto nuove: come sfuggirne

Qualcuno in campagna elettorale prometteva solennemente l’eliminazione delle accise sui carburanti già dal giorno dopo la sua elezione, e chi gli ha creduto lo ha votato.

E’ stato eletto ma di eliminare le accise non se ne parla più anzi, con la scusa dell’inquinamento da CO2, si vocifera in questi giorni di una nuova tassa per l’immatricolazione di nuove auto, calcolata in proporzione alla quantità di anidride carbonica emessa, minimo 150, max 3000 euro; incentivi, invece, per l’acquisto di auto non inquinanti.

Sarebbe un emendamento alla legge di bilancio a disporre e regolare la cosa e se ne saprà di più dopo la sua eventuale approvazione.

Per ora di certo c’è che, chi non vuole sottostare a questa ennesima Continua a leggere

Fattura elettronica: aggiornamento

Il Consiglio nazionale dei commercialisti, torna alla carica rinnovando le pressioni al Governo per una proroga di almeno un anno all’entrata in vigore della fattura elettronica in quanto sulla questione regna ancora la confusione.

La situazione sarebbe oltreché critica anche complessa e ricorda in parte l’esperienza dello spesometro per cui il Consiglio Nazionale dei Commercialisti aveva più volte chiesto il rinvio che, alla fine, è stato concesso solo dopo che il sistema di ricezione dell’Agenzia delle Entrate è andato in tilt.

Ma oggi sembra ben più grave di allora perché, in vaste zone del territorio, manca Continua a leggere

600 ton di oro in fumo?

Vi ricordate la storia della banconota e della sua convertibilità in oro che Eugenio Benetazzo e Marco Della Luna, ci hanno per lungo tempo spiegato?

Per stuzzicare la memoria riportiamo questo breve passo da Euroschiavi: Ben presto e ripetutamente, sia gli Stati che le Banche Centrali si trovarono in difficoltà a convertire in oro tutte le banconote che venivano loro presentate per la conversione. Diverse volte i Governi dovettero intervenire per sospendere il diritto di conversione onde salvare le Banche Centrali dalla bancarotta.  La grande crisi finanziaria del 1929 iniziò così, con la sospensione della convertibilità della sterlina britannica – moneta su cui, allora si fondava tutto il commercio internazionale e che costituiva riserva per molte altre divise.

Con meccanismi diversi, la questione potrebbe ripresentarsi nel caso in cui un numero consistente dei 70 Paesi che hanno affidato la custodia delle loro riserve auree alla Federal Continua a leggere