Login

Newsletter

  • Users 91
  • Posts 910
  • Comments 1,269
  • Pages 9

Archivi del mese: settembre 2019

Quando la banca ti da una mano … a chiudere

Chi si trova in difficoltà economiche sembra avere il destino già segnato, soprattutto se a ciò si aggiungono troppi debiti e mancanza di adeguate garanzie.

E’ la linea dettata da un’indicativa della Banca dei Regolamenti Internazionali (BRI) che esplicitamente mette in guardia gli operatori del credito contro “il rischio di fare credito a soggetti troppo indebitati e senza adeguate” garanzie perché l’attuale situazione economica è molto simile a quella immediatamente precedente la crisi del 2008. Continua a leggere

Rimborso IVA sulla tassa rifiuti?

Tutti paghiamo quella che comunemente viene chiamata tassa sui rifiuti e tutti noi ci siamo sempre chiesti il motivo per il quale su una tassa dobbiamo pagare anche un’imposta, l’IVA, Imposta sul Valore Aggiunto.

La questione, nonostante che a quel compenso richiestoci sia stato cambiato più volte il nome in Continua a leggere

Parliamo di indipendenza?

E’ dagli anni ’80 che il tema federalismo-indipendenza-autonomia abbaglia i Veneti, proposto prima dalla LIGA Veneta, poi dala Lega Nord, ora dalla Lega … ?

Cambiano i capi, i nomi, gli slogans, la gente ci crede …. ma ogni volta che l’obiettivo sembra a portata di mano, sfugge inesorabilmente.

Chi sbaglia e cosa sbaglia? Continua a leggere

La lotteria dello scontrino fiscale e i premi a punti dell’ ISA

Lotteria dello scontrino e premi a punti dell’ISA (Indici Sintetici di Affidabilità fiscale).

Quale credibilità può avere uno Stato costretto a ricorrere a folcloristiche lotterie ad estrazione e a concorsi a punti sperando che questi espedienti possano indurre i cittadini ad una maggiore fedeltà fiscale?

La fedeltà in genere è la risposta che deriva da un atto di fiducia o da un patto tra parti, come dire mi fido di te e ti sarò fedele. Continua a leggere

Chi ha tirato il freno a mano?

Correre in auto col freno a mano inserito si rischiano almeno tre inconvenienti: il motore fatica e consuma di più, l’auto corre piano col rischio che potrebbe fermarsi per il blocco delle ruote.

Chi è abituato a guidare l’auto conosce questi rischi e l’esperienza di trovarsi una sola volta bloccati per il surriscaldamento dei freni o anche essere stati solo testimoni di simile scenetta, diventa insegnamento per tutta la vita.

Se invece dell’auto come tema di confronto usiamo l’economia, il risultato non cambia.

Un’economia penalizzante nei confronti dei produttori, il vero motore della società, col freno della stretta creditizia e della fiscalità asfissiante costantemente tirato, non può portare che a una sola conseguenza logica: l’arresto totale.

Ora Draghi, come un novello patentato mette in guardia i suoi successori sul pericolo del freno a mano innestato che non permette all’economia (auto) di correre come ci si aspetterebbe (queste le sue parole “Regole di bilancio vanno riviste: non efficaci quando servono interventi pro crescita”).

Le sue politiche hanno riversato montagne di soldi finiti alle alle banche che in gran parte hanno acquistato titoli di Stato, gli stessi Stati che hanno pagato quei soldi accendendo nuovo debito per finanziare quello vecchio e nemmeno le briciole di tanti soldi sono finite nelle casse del mondo produttivo.

Così Draghi si è trovato con l’economia, l’auto bloccata sul filo del rasoio della recessione e ora avverte quelli che verranno, dopo di lui, di fare attenzione al freno.

Non sappiamo se qualche volta, almeno in gioventù, abbia mai guidato almeno una vecchia 500, ma come governatore ha sicuramente guidato la Banca d’Italia prima della BCE, appena  dopo una breve esperienza in Goldman Sachs: possibile che la metafora del freno a mano innescato non gli abbia proprio insegnato nulla?

Oppure  erra ma persevera ed è talmente diabolico da aver volontariamente innestato lui, quel freno?

Una certa diabolicità traspare in molte sue immagini in cui esibisce uno sguardo per niente rassicurante che lo fa proprio assomigliare al …… .

Noo ….!

Può essere lui?

Daniele Quaglia

 

Il Fondo patrimoniale

Il fondo patrimoniale non è la panacea per tutti i debiti e la Corte di Cassazione ha smontato il mito di inviolabilità di questo atto.

La difesa della casa, che per eccellenza costituisce lo scopo di questo provvedimento spesso messo in atto a favore dei figli minori, non è garantita perché il fondo patrimoniale si configura in un atto a titolo gratuito suscettibile di revocatoria anche in presenza di minori. Sentenza Corte di Cassazione n. 26223, pubblicata in data 12/12/2014. Continua a leggere

Etilometro e autovelox, alla PA l’onere della prova

Finalmente ristabilito un concetto elementare per il quale, qualora un commerciante usasse una bilancia non omologata e non controllata periodicamente, rischierebbe il carcere per frode. Concetto non applicabile ai tutori dell’ordine che usano etilometri e autovelox inidonei, per mancanza di omologazione e revisione periodici, che non solo non rischiano alcunché ma la prova dell’inefficacia dei rilievi svolti, fino ad ora, spettava agli imputati costretti a ricorrere a studi legali e perizie tecniche. Continua a leggere

La moneta contante e i pirla

Negli anni passati, sono stati numerosi gli autori che hanno denunciato la faziosità della moneta che, da strumento di scambio economico, è diventata strumento di potere.

Grazie al primogenito di questi, il prof. Giacinto Auriti e a tutti quelli che hanno diffuso le sue tesi a livello popolare, tra i quali Eugenio Benetazzo e l’avvocato Marco Della Luna a noi LIFE più vicini, è stato svelato l’inganno della moneta a debito (vedi Euro) il cui scopo è di arrivare al controllo degli Stati quale effetto del Continua a leggere

RC auto on line, attenti alla truffa

Da quando esiste la possibilità di sottoscrivere l’assicurazione (RC) auto on line si sono potute stipulare polizze davvero convenienti ma attenzione, perché i truffatori nel web sono molto scaltri.

Può succedere di stipulare una polizza, ricevere per posta la regolare documentazione e scoprire, solo nel caso del bisogno quindi in caso di incidente, che la polizza è fasulla, che quella compagnia assicuratrice non esiste, che i soldi da noi versati sono finiti nelle tasche di un truffatore e che magari dovremo rispondere personalmente dei danni causati dall’incidente.

Per ovviare a tale eventualità esiste la possibilità di controllare se la compagnia assicuratrice con cui Continua a leggere

Chi comanda al Sud e chi comanda al Nord

L’”eroe dei due mondi” non ce l’ha fatta! Credeva che le devastazioni, la rapina delle ricchezze, il radere al suolo interi paesi, l’esproprio dei beni, i saccheggi dei luoghi di culto, gli eccidi di gente inerme, gli stupri su bambine, la ferocia sui partigiani chiamati “briganti”, le deportazioni di massa, fossero la garanzia per il completo assoggettamento della gente del Sud al nuovo re e al suo Stato l’Italia.

Si è illuso di aver riunito l’Italia e la gente del sud, dotata di mente raffinata, ci sta tutt’ora dimostrando che Peppino Garibaldi è stato gabbato, non una ma due volte. Continua a leggere