Login

Newsletter

Archivi

Archivi del mese: Maggio 2020

Come liberarci da questa dittatura (raccolta di aforismi)

E’ indubbio che la così detta emergenza coronavirus sia il preambolo di una deriva autoritaria di cui, nel corso di questo breve e intenso periodo, abbiamo avuto sufficiente dimostrazione nei provvedimenti restrittivi le libertà fondamentali, approvati dalle forze politiche al governo, comprese quelle che a livello centrale sono  minoranza ma che governano importanti regioni.

Qui abbiamo raccolto aforismi di filosofi, statisti e politologi che individuano le 5 fasi di una dittatura in: 1. premesse alla dittatura; 2. complicità del popolo; 3. tecniche di assoggettamento; 4. segnali della deriva autoritaria; 5. a chi il dovere di ribellarsi.

Fate un po’ le dovute considerazioni e vedrete che ci troviamo ad un passo dal baratro. Continua a leggere

Rottamare un veicolo con fermo amministrativo

E’ possibile rottamare un veicolo con fermo amministrativo in due casi:

  1. dopo aver pagato il debito che ha portato al fermo amministrativo;
  2. dopo aver certificato l’inidoneità del veicolo alla circolazione.

Nel primo caso non servono chiarimenti, ma, per quanto riguarda il secondo i chiarimenti ce li offre una circolare interna dell’ACI, la numero DSD/0011454/09 del 16/09/2009 che prevede la possibilità di rottamare “i veicoli soggetti a fermo amministrativo che abbiano subito danni ingenti o siano addirittura andati distrutti (ad esempio, incendi, incidenti stradali, calamità naturali, ecc.), è possibile effettuare la radiazione, a condizione che alla richiesta di radiazione sia allegata una dichiarazione di un’Autorità competente, attestante la non utilizzabilità del veicoloe dispone quanto “Si invitano gli Uffici Provinciali a fornire sul territorio adeguata assistenza e informazione agli operatori professionali relativamente alla materia in esame”.

Come muoversi in questo caso: Continua a leggere

Il fisco suonato

Come un pugile suonato che riesce a stare in piedi nonostante le botte che continua a ricevere evitando il KO, il fisco, nella persona dell’Agenzia delle Entrate-Riscossione, insiste a presentare ricorsi contro la prescrizione di cartelle esattoriali non impugnate che la Corte di Cassazione continua a dichiarare la prescrizione in linea con la  tipologia del tributo (anche se sempre più spesso si richiama ad una prescrizione quinquennale) mentre l’Agenzia, peccando di eccessiva presunzione, ritiene nel caso specifico una prescrizione decennale. Continua a leggere

3 perché?

Forse la verità sul covid19 si fa strada e con questa emergono le responsabilità del governo che sembrano più che evidenti, allora: Continua a leggere

REBUS per sdrammatizzare

Dietro quell’azzurrino si cela un organo umano.

Indovina quale e di chi? Continua a leggere

Riciccia l’IRAP

Nata dal genio malefico di Prodi, la tassa sui debiti, la tassa che più di ogni altra rende l’dea della rapina (IRAPina), dal 1997 è ancora lì nonostante i proclami di Berlusconi di volerle eliminare già dal 2000.

Una imposta applicata sul monte salari e sugli interessi passivi bancari, chiaramente incostituzionale riciccia ad opera del Presidente dell’Associazione Bancaria Italiana che ne spiega i lati negativi, che ogni imprenditore conosce da ben 23 anni e chiede che venga abolita o quanto meno sospesa in questo periodo di emergenza prima che la tassa sui debiti possa essere letale per molte attività. Continua a leggere

Una buona idea, forse l’unica

Si potrà ristrutturare  casa senza sborsare un centesimo

Questo governo, dopo tanti disastri, forse una cosa buona riuscirà a farla se il decreto Maggio verrà approvato tale quale come proposto dal pentastellato montebellunese Riccardo Fraccaro.

Si tratta del credito d’imposta, per lavori di effcientamento energetico e interventi antisismici sull’edilizia privata, che sarà portato al 110% del costo con la possibilità di essere ceduto alla ditta che esegue i lavori e da questa a terzi, vale a dire Banche o altre aziende, alla pari di un titolo di credito girabile. Continua a leggere

Mafia, Stato e farmaci covid19

La Mafia decide i protocolli farmacologici per curare il covid19?

Si parla di mafia solo quando gli argomenti riguardano traffico di stupefacenti, intimidazioni ad imprenditori e commercianti, contrabbando, usura, riciclaggio … ma la mafia politica, quella che tra le altre cose è anche il collettore tra l’industria farmaceutica internazionale (la più grande industria al mondo) ed il sistema sanitario, che può determinare il successo di un farmaco inserendolo nei protocolli ufficiali, è la stessa Mafia, la medesima organizzazione strutturata in vari livelli o forma un gruppo indipendente?

Difficile da rispondere ma il metodo usato da entrambe è l’intimidazione: un classico mafioso. Continua a leggere

Preti in prima linea contro il covid 19

Mentre una parte elitaria della Chiesa non crede più nemmeno ai miracoli, ci sono Preti che difendono la spiritualità dell’essere umano contro il materialismo dello Stato e di una certa Chiesa.

Contro l’imperversare di questa dittatura che limita le libertà elementari come nessun altro abbia mai fatto, si erge una silenziosa protesta che può diventare minacciosa per questo regime avulso anche alle minime esigenze dei cittadini.

Ogni regime non teme tanto una ruvida opposizione quanto il dilagare delle idee che più si riferiscono a temi astratti, qual’è la fede, più si rivelano pericolose. Continua a leggere

Caporalato a Treviso!

Quando la stampa di regime prepara il campo alla politica c’è da stare all’erta

Un titolo roboante: Caporalato, decine di braccianti sfruttati nelle vigne e ammassati in baracche, arrestati quattro imprenditori agricoli del trevigiano; una notizia che fa gridare vendetta contro questi sfruttatori trevigiani e Veneti che pongono il profitto sopra ogni cosa.

Se però andiamo a leggere l’articolo scopriamo che gli imprenditori sono due coppie di pakistani, titolari di un’azienda agricola con sede a Treviso, che sfruttavano loro connazionali ed arrestati con l’accusa di intermediazione illecita, sfruttamento del lavoro in concorso, incendio aggravato e tentata violenza privata. Continua a leggere