Login

Newsletter

  • Users 554
  • Posts 1,281
  • Comments 1,692
  • Pages 9

Archivi

La vertità

Risultati economici del 2010:

Migliora il Pil, ma vola il debito!

Il Ministro delle finanze:

«gli italiani e l’Italia stanno andando nella giusta direzione».

L’opposizione:  «un paese fermo e che ancora non riesce a recuperare in termini di crescita e concorrenzialità».

Non serve a nulla sapere chi ha pronunciato queste frasi, sono le stesse che ci vengono riproposte  anno dopo  anno indipendentemente da chi è al Governo, da chi è il ministro delle finanze e da chi è all’opposizione.

L’unica cosa certa è che il debito è cresciuto ulteriormente raggiungendo un nuovo poco invidiabile record.

Nonostante tutto l’economia per quanto poco tira, procede lenta  in  avanti ma lo Stato non perde un colpo nel tirare sempre più indietro in retromarcia veloce.

Chi lavora e produce  nonostante tutte le preoccupazioni  e questo Stato, riesce ancora a fare utili ma tira la cinghia mentre chi vive di rendita parassitaria grazie alla ricchezza prodotta da altri, continua a spendere e spandere molto più di quanto potrebbe .

Un  capofamiglia o il titolare di azienda non possono permettersi di spendere più di quanto riescano ad introitare e se, malauguratamente  lo fanno, dopo poco si ritroverebbero  assediati dai creditori .

Ai comuni mortali non è consentito  spendere e spandere.

Questo Stato da tempo immemorabile consuma  ben oltre le sue possibilità e nonostante tutto sono sempre gli stessi uomini politici, gli stessi partiti anche alternandosi,che continuano  a guidarci e ad  amministrare la cosa pubblica nel modo che è sotto gli occhi di tutti senza un benché  minimo  pudore.

Inamovibili dalle loro poltrone,  inarrestabili nella loro azione distruttiva,  insaziabili nella corsa agli adeguamenti di stipendio e insensibili ai lamenti del mondo produttivo che muore.

La verità è che questa mucca produce sempre meno latte e sta  morendo per eccessivo sfruttamento, ma  quando se ne renderanno conto sarà troppo tardi perché  il mondo sarà già crollato loro addosso. (QD)

I commenti sono chiusi.