Login

Newsletter

  • Users 92
  • Posts 1,163
  • Comments 1,495
  • Pages 9

Burocrazia. la macchina infernale

In tempi di emergenza come questi servono decisioni precise e facili da eseguire altrimenti tutto si trasforma in una babele.

Lo sanno i commercialisti che hanno visto le varie disposizioni governative sul covid19 accompagnate da una sfilza infinita di documenti che ne regolano l’attuazione con la richiesta infinita di documenti da allegare alle domande di contributi a fondo perduto, crediti d’imposta, richieste di finanziamento da parte delle aziende.

Per fare un esempio, in brevissimo tempo l’Agenzia delle entrate ha emesso una circolare “fiume” e un’altra relativa alla dichiarazione dei redditi, di ben 411 pagine.

Un compito gravoso ed extra per i commercialisti, per di più in un periodo ad orario lavorativo ridotto dalle norme anti covid19.

E l’INPS non è da meno.

La domanda di cassa integrazione per le nove settimane andava fatta alla Regione: per quella successiva era tutto predisposto, sarebbe bastato un click.

NO, perché la proroga delle 5 settimane va fatta direttamente all’INPS rendendo vano il lavoro già fatto in precedenza, mentre le pratiche relative alle 9 settimane non sono state ancora del tutto evase sulle quali si accavallano le nuove richieste .

Per ultimo, l’Ente avrebbe cambiato le procedure della richiesta di Cassa integrazione per le aziende con più dislocazioni a poche ora dalla scadenza del termine.

Anche per questo i Commercialisti sono sul piede di guerra minacciando lo sciopero se il governo non concede una proroga agli adempimenti fiscali in scadenza a luglio.

Daniele Quaglia

Leggi la notizia https://www.huffingtonpost.it/entry/altro-che-semplificazioni-tra-fisco-e-cig-caos-sulle-spalle-dei-consulenti_it_5f158651c5b6cec246c55055?utm_hp_ref=it-homepage

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.