Login

Newsletter

  • Users 92
  • Posts 1,104
  • Comments 1,426
  • Pages 9

Cartelle esattoriali prescritte

Si potrebbero cancellare con un semplice clic!

Perché non cancellano in automatico, con un algoritmo, milioni di cartelle esattoriali già prescritte che ci obbligano a spendere tempo e denaro in avvocati e contenziosi tributari dall’esito già scontato, quando con un algoritmo riescono a controllare miliardi di nostre singole attività nel Web e con un algoritmo scandagliano milioni di nostri Conti correnti?

L’Agenzia delle Entrate-riscossione come già Equitalia non riesce ad appacificarsi sul fatto, ormai consolidato, che la prescrizione di una cartella esattoriale relativa a contributi INPS, non impugnata dal debitore nei termini convenuti, si compie al trascorrere del 5° anno dalla notifica e tenta continuamente a riscuotere crediti prescritti, inesigibili.

La tesi sempre sostenuta dall’Esattore è che una cartella non impugnata acquisisca una prescrizione decennale (termine tra l’altro sempre meno accreditato anche per debiti di natura erariale a favore della prescrizione breve) e per l’ennesima volta, questa teoria viene smontata dalla Corte di Cassazione, sez. Lavoro con l’ordinanza n. 32077 del 09/12/2019 evidenziando che, per crediti contributivi non conseguenti ad una sentenza passata in giudicato, il termine di prescrizione è di 5 anni; in funzione di ciò l’Esattore ha solo cinque anni di tempo per riscuotere una cartella relativa all’INPS (sempre che non siano intervenuti atti sospensivi).

Confidando in questa sua interpretazione Equitalia non ha mai rispettato il termine breve e tutte le cartelle INPS più vecchie di 5 anni, già prescritte sono finite in dote ad Agentrate-riscossione; anche questa volta l’Agenzia delle Entrate ha perso ed è stata condannata al pagamento delle spese di giudizio.

Resta l’inspiegabile complicazione burocratica di dover attendere le mosse dell’Esattoria e impugnare le sue illecite richieste innanzi ad un giudice per far dichiarare l’intervenuta prescrizione quando con un semplice algoritmo, uno di quelli che Stato/Agenzia delle Entrate usano per scandagliare i nostri conti correnti, potrebbero essere sistematicamente cancellate le cartelle esattoriali cadute in prescrizione.

Ci sarebbero meno ricorsi, meno giudici e meno avvocati coinvolti e retribuiti, risparmio di tempo e di denaro e una qualità di vita un po’ migliore per i contribuenti finalmente liberi da inutili pastoie.

Daniele Quaglia

per approfondire

https://www.altalex.com/documents/news/2020/01/16/cartella-esattoriale-del-credito-contributivo-si-prescrive-in-5-anni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Commenti recenti