Login

Newsletter

  • Users 92
  • Posts 1,102
  • Comments 1,422
  • Pages 9

ITALIA

La ripresa secondo Zaia

Zaia, uno dei più stimati politici “italiani” ha dichiarato nel corso di un’intervista ad Antenna 3 andata in onda questa sera alle ore 21, che la ripresa delle attività produttive dovrà essere progressiva portando l’esempio di un’azienda con 100 dipendenti che potrà iniziare l’attività con 10-15.

Da restare allibiti: che dire? Continua a leggere

Il contante e la resa dei conti

La campagna contro il contante distoglie l’attenzione da chi non ha bisogno del contante per non pagare le tasse e lo fa nel modo più semplice e lecito che lor signori, i politici, hanno messo a disposizione di facoltosi privilegiati.

Hanno le loro sedi in Olanda o in Lussemburgo dove vanno conferiti gli utili delle attività produttive svolte in Italia e spesso questi utili, a completamento del loro vagabondare attraverso il globo, vanno “simbolicamente” ad approdare in sperdute isole dell’oceano.

Il portale Affaritaliani.it fa le pulci a cinque gruppi italiani, i più rilevanti, tra quelli che applicano sistematicamente la tecnica legale della delocalizzazione per non pagare le tasse (troppo alte) in Italia. Non si tratta di evasione, reato, ma di legittima elusione. Continua a leggere

El taljan

Lei è Veneto! Felice di sentirmi rivolgere questa esclamazione da chi ha riconosciuto le mie origini da una cadenza che non è altrettanto marcata e riconoscibile nelle altre lingue italiche.

Spesso i Veneti soffrono di un complesso di inferiorità quando si trovano a conversare in lingua italiana con  italici che  sembrano più “forbiti, dizionati” ma che invece sono solo più spregiudicati e non temono di dire castronerie.

L’essere veneto, portarne la cultura, le tradizioni, la lingua o anche solo la cadenza della lingua ed essere riconosciuti come Veneti non può che costituire un motivo di orgoglio.

Tre piccoli aneddoti: Continua a leggere

Impedire la chiusura delle aziende!

Ma ce la mettono tutta per farci chiudere

Lavoro e politica, due mondi: il primo, positivo, basato sulla concretezza, il secondo, negativo, basato sulle intenzioni sono due mondi di segno opposto che smentiscono le leggi della fisica e anziché attrarsi, in Italia si respingono.

Burocrati e politici potranno mai far funzionare l’economia non conoscendo le caratteristiche del motore (le aziende) che la muove?

Di fronte alla disastrosa situazione economica che si sta prospettando interviene la signora Lagarde presidente della BCE con una sfilza di buone intenzioni: Continua a leggere

La truffa italiana dei plebisciti

Non solo il Veneto fu truffato, ma tutti i Popoli italici nel cui territorio si svolsero i plebisciti di annessione.

Questa volta parliamo dei due Plebisciti per l’annessione di Nizza e Savoia, allora piemontesi, alla Francia, organizzati dai Savoja quando il passaggio di proprietà di quei territori era già stato deciso, declassando i plebisciti da espressione di volontà popolare a pura formalità burocratica.

I fatti

Per ottenere l’aiuto di Napoleone III nella seconda guerra d’indipendenza contro l’Austria, Cavour accordò la cessione di Nizza e la Savoia, allora piemontesi, come contropartita nella speranza di riuscire a cambiare i termini del trattato in corso d’opera. Continua a leggere

L’autocertificazione predisposta da Vigni

Che l’autocertificazione sia più uno strumento di spavento, uno spaventa passeri, piuttosto che un atto da cui possano trarre origini sanzioni amministrative o penali, come abbiamo già visto qui https://www.life.it/1/lo-stato-autoritario-semina-vento/ ,è ormai assodato e per chi volesse ricorrere contro eventuali sanzioni, il percorso si presenta alquanto agevole. Continua a leggere

Lo Stato autoritario semina vento

… e raccoglierà tempesta: il caso delle autodichiarazioni per gli spostamenti in periodo di emergenza coronavirus.

Ci sono dei principi nei rapporti umani che non possono essere violati perché anche il comportamento umano sottostà alla legge della fisica dinamica “ad ogni azione corrisponde una reazione uguale e contraria” .

Lo stare a casa per evitare contagi da coronavirus dovrebbe essere una scelta dovuta al senso civico e di comunità che può essere infusa solo da uno Stato autorevole, in cui tutti credono e nutrono fiducia e non da uno Stato che ha delagato il Consiglio dei Ministri di minacciare i cittadini con sotterfugi e sanzioni per imporre la sua volontà in modo autoritario. Continua a leggere

Coronavirus e la peste a Venezia

Interessante questo video che raffronta il Coronavirus con la peste a Venezia che fece oltre 80.000 morti e come Venezia fece fronte  inventando la quarantena e i Lazzareti, luoghi isolati dove gli infetti o presunti tali venivano messi in quarantena. Durata del video: 10 minuti. Ne vale la pena . DQ

QUALORA TI SIA PIACIUTO GIRALO AD AMICI, CLIENTI, FORNITORI … il link è questo http://www.life.it/1/coronavirus-e-la-peste-a-venezia/   copia, incolla e vai

600 € per gli autonomi?

Se siete in estrema difficoltà e non avete pagato i contributi obbligatori 2019, ve li sognate i 600 euro!

Neanche a farlo apposta!

Solo ieri abbiamo preso in considerazione il pericolo che l’attuale situazione economica e lavorativa possa costituire un momento critico per gli autonomi più in difficoltà e possa ripetersi il tragico “rito liberatorio” dei suicidi e, per questo, abbiamo lanciato un monito allo Stato affinché gli aiuti siano concreti e non di facciata. Continua a leggere

SOS suicidi

Si stanno presentando le stesse condizioni socio-economiche che hanno portato troppi piccoli imprenditori veneti al suicidio: lo Stato intervenga.

L’ondata di suicidi che ha pervaso il Veneto fino ad un anno fa, ha un fattore comune: la solitudine di chi porta sulle sue spalle la responsabilità di un’azienda, delle famiglie dei suoi collaboratori, della sua stessa famiglia e il peso dei debiti che si accumulano quando gli affari vanno male.

Ora ci troviamo di fronte ad una emergenza generalizzata, con gran parte delle aziende chiuse che non lavorano, non producono, non consegnano, non incassano e non pagano.

I politici, di cui c’è poco da fidarsi, hanno promesso interventi a sostegno un po’ a tutti ma, allo stato attuale, nessuno ha potuto constatare la veridicità di ciò. Continua a leggere