Login

Newsletter

  • Users 147
  • Posts 1,257
  • Comments 1,674
  • Pages 9

Archivi

Che gioco è l’imbroglio?

Come si fa chiamare gioco un’attività che consente allo Stato di incamerare 100 miliardi l’anno, puliti (si fa per dire) e crea dipendenza talmente morbosa da trasformarsi in malattia?

La sconcezza sta nel fatto che lo Stato, tra le tante altre cose, dovrebbe preoccuparsi della salute sia fisica che economica dei suoi cittadini mentre nel caso del gioco d’azzardo, essendone il primo azionista, è anche l’istigatore di un’attività che impoverisce i cittadini e sforna ammalati cronici.

L’azzardo è la terza voce dell’economia italiana alla quale contribuisce con un 4% del PIL.

Le regioni più povere tengono fronte a quelle più ricche; il giocatore tipico è uomo dai 40-50 anni con famiglia a carico; le donne giocatrici sono in media 55enni con spesso alle spalle una famiglia distrutta mentre rappresentano una grave preoccupazione i giovanissimi che fin da 16 anni trascorrono anche 18-20 ore giocando davanti al computer.

Questa è la società del gratta e vinci che fa comodo a questo Stato biscazziere e imbroglione perché la depreda e, contemporaneamente, ne dispone a piacimento.

Daniele Quaglia

vedi la notizia

https://www.oggitreviso.it/stato-lazionista-principale-del-gioco-dazzardo-italia-244564

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Commenti recenti