Login

Newsletter

  • Users 94
  • Posts 1,223
  • Comments 1,644
  • Pages 9

Archivi

Ci vogliono ammazzare

Breve recensione della testimonianza di un medico di base, la Dottoressa Maria Grazia Dondini che ha disubbidito alle direttive del Governo per la gestione covi19

Appurato che il virus circolava in Italia già dall’estate 2019 e le connesse patologie venivano curate come le normali patologie respiratorie o influenzali e tutto scorreva liscio, fatta eccezione per qualche segnalazione di strane polmoniti, fin tanto ché non è scattato l’allarme del Governo e l’adozione di particolari protocolli.

Da Febbraio, la situazione cambia radicalmente con le nuove disposizioni che imponevano ai medici di base di visitare il meno possibile i pazienti a casa e, nei casi estremi, potevano farlo usando tassativamente le mascherine FFP2 che nemmeno al mercato nero si sarebbero trovate e che solo alla fine di marzo furono rese disponibili.

Per un mese gli ammalati a domicilio sono rimasti senza assistenza medica e nemmeno il numero di pubblica utilità, previsto per l’occasione, rispondeva; ciò ha rappresentato causa importante dell’aggravamento delle condizioni di salute di questi ammalati che giungevano all’ospedale in fin di vita, condannati poi a morte dalla ventilazione meccanica.

Solo gli ammalati curati da medici che hanno disobbedito alle direttive del Governo applicando non i nuovi protocolli ma le terapie di sempre, non hanno avuto problemi.

Per non parlare delle responsabilità dell’OMS, dell’inefficienza dei tamponi, dell’ossessione a marchiare covid19 qualsiasi decesso.

Al nostro amico Riccardo Szumski, alla Dottoressa Dondini e a tutti quei medici che hanno rischiato disobbedendo ma salvando la vita ai loro assistiti, un giorno dovrà essere eretto un monumento alla resistenza, fermo restando che gli autori e collaborazionisti di questo sterminio dovranno renderne conto all’umanità intera.

Daniele Quaglia

per approfondire https://lanuovabq.it/it/medici-di-base-impotenti-ma-ho-continuato-a-curare

3 risposte a Ci vogliono ammazzare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Commenti recenti