Login

Newsletter

  • Users 147
  • Posts 1,257
  • Comments 1,674
  • Pages 9

Archivi

Dalle foreste galere

Luciano Franceschi ci scrive spesso dal carcere di Santa Bona di Treviso, luogo dov’è detenuto e che lui chiama “le foreste galere nella mia Patria” . La lettera che pubblichiamo conferma le nostre preoccupazioni per la sua salute e i timori che i diritti dell’uomo restino spesso in una fase “teorica” da qui l’appello fatto ieri a 106  politici Veneti.

L’appello è stato raccolto dall’On.Simonetta Rubinato (PD) e dal Sen.Girotto Gianni Pietro (M5S) che hanno dato la loro disponibilità a vigilare su ciò che accade  e a visitare Francesci in carcere: un sentito grazie da parte di LIFE.

La lettera di Franceschi è questa e più sotto, per comodità di lettura, trovate una trascrizione

 

 

 

 

Treviso, 09/04/2013

Franceschi Luciano, dalle foreste galere nella mia Patria

Al Presidente dell’Assemblea

Daniele Quaglia

 

Egregio Presidente Le do notizia che mi hanno consegnato il lavoro dei Saggi, la Carta Costitusiona£e.

A go leta xe sta fato un bon laoro, col tempo a vegnarà perfeta.

A me parere bisogna sviupare de pi’ i poteri dea Magistratura par darghe  un bon equilibrio al potere de Aministrasion, secondo el bon prinsipio de “pesèi – paghèi – o pichèi”.

Ieri me xe rivà da me fioeo el famoso dosiè dal 1999 al 2005; Cronistoria del laoro fato durante el me travagliato laoro senpre co i oci vèrti contro l’infame.

Qua i carcerieri i se ga spaentà (i doveva leserlo tuto, timbrarlo, ecc. ecc.) stamatina i me ga comunicà tramite el magistrato Cristina Cavaggion, che i me ga revocà a censura e i me ga consegnà anka el me dosiè.

Da qua so drio laoraghe i fianchi, primo o dopo i se stufa o i me copa o i me mola.

Un cuo go vuo proceso disciplinare, ghe go dito che ogni so condana par mi xe come na medaia al valor militare.

Go ribadio e fato metare a verbae e me condision par molarghe al me rifiuto al cibo a£e cure medeghe a£e terapie: che le xe

1)      El rispeto da parte sua de£a lexe sui diriti del’omo

2)      De poder parlare co Zaia pa na tratativa de colaborasion pal pasajo de£e funsion aministrative all’Autogoverno, non chè a stampar a moneda, unica arma contro sta crisi

3)      Un pranzo intel meio ristorante de Venexia pagà da lori co i 3 ispetori del consejo internasiona£e de Ginevra, par parlar de£a question Veneta e de£e pratiche ferme a Strasburgo.

Xe dal 25/03/2013 che no magno, spero de rivare al di de San Marco.

So sfinio de corpo ma a me fede resta incro£abile.

Ghe xe sta £a te£evision La7 che ga fato richiesta al magistrato, a ghe xe sta negà.

Contatela, fala ti l’intervista, meteghe na bona paro£a par me fio£o XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX

Par tera Par mar Par sempre  W SAN MARCO

Saludi Serenissimi

Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Giorgio Gasparini
Giorgio Gasparini
7 anni fa

Dopo diverse peripezie in Tribunale a Padova il 26.02.2013 ritiravo il permesso per un colloquio straordinario con l’amico Luciano Franceschi. Con me ci doveva essere don Floriano ABRAHAMOWICZ e il dott. BIZ direttore del Piave. Don Floriano avrebbe poi, in quanto disponibile,dovuto dire due parole di circostanza alla manifestazione di solidarieta’ serale di Borgoricco al posto di Cherubin
Qui è il caso di dire che il diagolo ci mise la coda al 50%.Biz non mi dava piu’ conferma per la data fissata e il detenuto veniva trasferito a Santa Bona. Luciano poteva parlare solo con il sacerdote, nel giorno di sabato 02 marzo 2013 ore 11, in mia compagnia.
In attesa di partire a Paese, erano le ore 11,30, contattai don Floriano il quale mi rispose dalla Calabria dove si trovava per un imprevisto lutto familiare. Avvenimenti alquanto discutibili a parte io misi tutta la mia buona volonta. E’ sperabile che Luciano ne venga informato.

Commenti recenti