Login

Newsletter

  • Users 92
  • Posts 1,135
  • Comments 1,459
  • Pages 9

Di male in peggio

Per 100 euro pagati in ritardo si diventerà “cattivi pagatori”.

Coronavirus, lockdown, 600 euro che non arrivano, zero finanziamenti a fondo perduto, limite al contante … un anno orribile per tutti, non solo per le aziende, che potrebbero finire l’anno col bòtto.

Già, perché tutte queste coincidenze metteranno a dura prova la sopravvivenza delle aziende e dal 1° gennaio 2021 nuove norme europee restringeranno i parametri di insolvenza imponendo alle banche la segnalazione alla Centrale dei rischi di tutti i pagamenti in ritardo oltre i 90 giorni, per importi superiori ai 100 euro (cento euro!).

Entrando nei dettagli le circolari degli istituti bancari comunicano che a partire dal 1° Gennaio 2021 la nuova definizione di default stabilisce che il cliente privato o la piccola e media impresa che presentano un arretrato da oltre 90 giorni per una cifra superiore ai 100 euro e superiore all’1% del totale delle esposizioni verso la banca finiscono segnalati alla centrale dei rischi. Per le imprese più grandi la cifra limite diventa 500 euro e superiore all’1% del totale delle esposizioni (sempre complessivamente riferiti a uno o più finanziamenti).

Allacciamo le cinture.

Daniele Quaglia

https://www.affaritaliani.it/economia/ue-in-vigore-nuova-norma-choc-rischio-default-del-paese-e-nessuno-la-blocca-679824.html?refresh_ce

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.