Login

Newsletter

  • Users 92
  • Posts 1,103
  • Comments 1,423
  • Pages 9

Domenica 15 Dicembre 2013

Presidio di Conegliano, casello di San Vendemiano.
Oggi niente rallentamenti (vedi motivazioni sul comunicato di ieri).
Nonostante il fermo dell’azione, molta gente è comunque affluita presso il presidio, che ha continuato a offrire cibo e bevande calde, a loro volta offerte da decine di persone anonime che passano, scaricano, ringraziano e ripartono.
I pescatori di Venezia hanno portato, per esempio, tre casse di folpi, subito cotti con le verdure nella sala “Cambusa”.
Alle 10.00 cinquanta ragazze della maestra di Zumba, Martina di Conegliano, hanno portato la loro solidarietà danzante e graffiante ai militanti del presidio, che hanno “mooolto” apprezzato.
Dopo il profano, il sacro.
Alle 11.30,come previsto, è arrivato in sella alla sua bicicletta il giovane parroco di Saccon, sul cui territorio insiste lo svincolo dove è situato il presidio.
Don Marco Favret, ha letto il Vangelo odierno, ha avuto parole di solidarietà e di comprensione per quanti sono impegnati nel presidio e ha ricordato quelle persone che soffrono anche del peso di una malattia.
Ha invocato la protezione divina affinché vengano allontanati da questa strada, anche in questa occasione, i momenti di pericolo. Molti i militanti che con piacere hanno ricevuto la benedizione.

Don Marco Favret, con megafono, durante la preghiera al Presidio.Don Marco Favret, con megafono, durante la preghiera al Presidio.


Momenti di solidarietà danzante

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Commenti recenti