Login

Newsletter

  • Users 93
  • Posts 1,206
  • Comments 1,627
  • Pages 9

Archivi

E’ dal 1860 che cresce

C’è una sola cosa che in Italia va perennemente in controtendenza, che è immune da qualsiasi crisi politica ed economica, che costantemente cresce.

Cos’è?

Semplice: la pressione fiscale!

Quella che i vari governi spacciano per una tassazione in linea con gli altri Paesi europei evitando sempre di specificare che la pressione fiscale è fornita dal rapporto tra le entrate fiscali ed il PIL, quindi una media tra chi paga tanto, chi paga poco e chi paga niente.

Ma ogni piccolo imprenditore lo sa che paga le tasse anche per tutti gli altri che ne pagano poche o niente, come nel caso delle multinazionali che grazie a patti segreti stipulati con i vari Governi, concordano tasse all’1-2% o di quelle che trasferiscono le sedi legali nei paradisi fiscali che nulla pagano.

Esempio molto semplificato: Tizio paga un’aliquota effettiva al 79% e Caio all’1%; lo Stato dichiara una pressione fiscale del 40% (79+1):2 ma Tizio paga le tasse anche per Caio

Allora se nel 2019 la pressione dichiarata è del 42,4% del PIL, in aumento dello 0,6% sul 2018 significa che per i piccoli imprenditori l’aumento sarà stato dell’1,1% mentre per le multinazionali dello 0,1% e se prima pagavano il 75% nel 2019 sono arrivati al 76%.

L’aumento della pressione fiscale dell’1% quando il lavoro arranca è un invito ad issare bandiera bianca … per poi chiudere!

Da quale mondo arrivano quelli che ci governano?

Daniele Quaglia

vedi https://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/istat-2019-pressione-fiscale-salita-42-4-1ccd09f4-eb91-40a2-9fe8-386830c112b1.html

Una risposta a E’ dal 1860 che cresce

  • giacomo tonon scrive:

    E………………………… LA AN’DRA’ SEMPRE PEDO !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! RICORDEVEO !!!!!!!!!!!!!!!!!!! i taliani no’ ia’ capi’ parche’ i votea !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Commenti recenti