Login

Newsletter

  • Users 147
  • Posts 1,257
  • Comments 1,674
  • Pages 9

Archivi

E’ scattata la repressione contro i Veneti

Alle 5 di questa mattina è scattata la repressione italiana nei confronti del Popolo Veneto.

Notizie frammentarie riportano l’arresto di 25 persone  e altrettante sarebbero indagate.

Di certo c’è che Lucio Chiavegato, Presidente di LIFE Veneto, è stato prelevato dalla sua abitazione alle ore 5 di questa mattina e secondo la moglie Barbara sarebbe in stato di arresto. Stessa sorte per Patrizia Badii.

Le accuse sono pesanti, si parla di terrorismo.

E’ un classico italiano puntare sul terrorismo e se le armi non ci sono, loro riescono a farle comparire e sono pure in grado di presentare una innocua carabina ad aria compressa come un fucile d’assalto AK47 Kalasnikov. Basta pensare al “carro armato” dei Serenissimi e alle armi legalmente detenute ma sequestrate per mettere in piedi la farsa della Po£isia Nathiona£e Veneta 1, nonché quella di Po£isia 2.

Mahatma Gandhi ha suddiviso la lotta pacifica in quattro fasi:

1)      Prima ti ignorano;

2)      Poi ti deridono;

3)      Poi ti attaccano,

4)      E  tu vinci.

In 15 giorni, vale a dire dall’inizio del plebiscito che ha suggellato la volontà di indipendenza dei Veneti, gli okkupanti italiani sono passati alla terza fase con una velocità inverosimile.

Ciò significa che l’indipendenza dei Veneti è molto più vicina di quanto chiunque possa immaginare.

Ora dobbiamo agire, scendere in piazza, per manifestare solidarietà ai nostri compatrioti arrestati, riattivare da subito i presidii 9 dicembre bloccando totalmente il traffico in tutto il Veneto e se ciò non bastasse, non pagare più alcuna tassa né al Comune, né alla Provincia né alla Ragione e tanto meno allo Stato.

O noi, o loro ora è veramente una questione,  inderogabile, di vita o di morte.

Tenetevi pronti a tutto.

Daniele Quaglia

Subscribe
Notificami
guest
13 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Alberto Pento
6 anni fa

Xe rivà l’ora de retorse la lebartà.
El 1,8miłion de veneti ke łi ga votà SI al referendo par l’endependensa łi ga da ndar fora de caxa, leberar łi prexogneri de łi tałiani e retorse ła łebartà.
http://www.filarveneto.eu/wp-content/uploads/2013/11/gheba-talega.jpg
Mi a ghe son!

Ciccio
Ciccio
6 anni fa

No gho paroe…. Sto stato ladron ghe spusa no aver pi i veneti che i paga i loro stipendi d’oro.
Mi crede che sene proprio a un passo dal veneto libero.
WSM

fabio
fabio
6 anni fa

sono pienamente daccordo con Daniele Quaglia qui non c’e’ piu tempo ….. bisogna fare sul seri e andarci a prendere qualche politico loro ci fanno arrestare e anche noi veneti arrestiamo loro per giusta causa fare le manifestazioni e/o bloccare il traffico come abbiamo fatto non serve a nulla bisogna bloccare le strade con mezzi di traverso ne pane ne latte ne prodotti farmaceuti e quant’ altro blocco totale e se serve come dice il vangelo per diffenderci anche combattere con sassi e bastoni ma prima di tutto mettere del pepe i nostri politici e farli stare svegli giorno e notte

Gualtiero scapini
Gualtiero scapini
6 anni fa

Semo rivà al dunque. El stato repressore se gà cavà la mascara. Segnemose sta data: 2 aprile 2014, San Francesco di Paola, parché la pasarà ala storia. Da adeso gà inizio la resistenza al mostro. Gnente armi, ma sciopero fiscale, blocco de ogni raporto cò roma, coi ministeri, cò le province, cò i ufici italici. Sta italieta lè finia. Femoghe capire che no volemo più che i continua a stare sula nostra tera e che bisogna che i faza le falise, che i cata su la so mobilia e che i vaga fora dale bale. El confine al Po e al fiume Adda lè la che el li speta.

Alberto Pento
6 anni fa

Aotodenunça en lengoa veneta:

mi “Alberto Pento”
veneto de nasionałetà e etnia
a faso prexente ke condevido e apreso, sensa far distinsion, tuto coel ke ga fato e ke fa łi boni veneti par łeberarse dal stato tałian, co particolar referemento ai veneti arestà e endagà da ła procoura taliana de Bresa.

Alberto Pento
6 anni fa

Gnente avogadori tałiani, caxo mai avogadori ouropei o gnente e pretandar ke łi xendarmi/procouradori e judiçi tałiani łi dopere ła łengoa veneta.

trackback

[…] e anzi “rilancia”: in un articolo a firma di Daniele Quaglia pubblicato sul sito di LIFE negano ogni addebito circa le armi, e si dicono “pronti a […]

Antonio
Antonio
6 anni fa

vorrei delle magliette con su scritto ” SONO UN SECESSIONISTA VENETO CIOè UN TERRORISTA ARRESTATEMI”

Alberto Pento
6 anni fa

Se li me ghese envetà a parteçepar a sta aventura, li garia molà dapò do dì; el primo comando veneto lè stà çento ‘olte pì serio.
Me despiaxe ma no se pol farghe far ste brute figure ai veneti.
Paciolar manco e far de pì e mejo.
Se le xe vere le parole de ste enterçetasion le xe asè deloudenti; me despiaxe toxati ma no se fa cusì … mi capiso, ma podevi almanco star siti, a si sta pexo de le betoneghe … vargogneve li ve sentia a kilometri de distansa e sensa gnanca el cogno de brincaoxe sofestegà ; canviè mestiero, no ste pì far i goerieri veneti, i goerieri veneti lasegheli far a altri.
Retireve, ve en pension a xugar a bàle o a briscola ke xe mejo.
Deso ve tiremo fora, o mejo li taliani li ve mola parké no ghi fato gnente, ma co tornè caxa a ghin ciapè on fraco e na sporta … ke vargogna, ke goerieri da goto!

Flavio, Jijo, ke bruta figura ke ne ghì fato far, ki xe ke gavarà pì paura dei veneti dapò sta vostra farsa, a no go gnanca l’oxa de metar fora la testa da caxa, me par ke li rida tuti de naltri veneti, boni da gnente ke no si stà altro!
Sto Lansa endove lo ghio catà?
Ke banda, gnanca a sercar ente li ospisi a se podaria metar anseme on s-ciàpo de patàke cusita, mama mia ke vargogna!
Bepin el se revoltarà ente la so tonba!

Alberto Pento
6 anni fa

Rengrasiè el poro judiçe tałian de Bresa, ke par farse beło lù el ve ga da cusì tanta enportansa a valtri, se fuse stà par mi a ve garvaria lasà far ke a ve sarisi engropà da sołi, ke patàke ke si stà!

Graziella Giacomuzzo
Graziella Giacomuzzo
6 anni fa

Ma quando cominciamo a rispondere a questa’REPUBBLICA BISCAZZIERA
Spacciatrice
Usuraia
Cravattara
Tagliagole
..
……

…….e riprenderci il MALTOLTO?

AVANTI POPOLO VENETO,ADESSO,SUBITO

Graziella Giacomuzzo
Graziella Giacomuzzo
6 anni fa

Dobbiamo passare sopra le coscienze disabitate dei predatori delle banche,delle lobby del petrolio,delle industrie del farmaco conniventi,che investono sulla malattia e sulla paura,sulla sull’agroalimentare che spazza via l’unicita’ dei NS.giacimenti enogastronomici e trasformano il cibo

in spazzatura

Questa industria criminale transnazionale che annienta la varietà e il valore aggiunto delle eccellenze e tipicità venete.Bisce sotterranee infiltrate ovunque che generano “importanza appresa” e analfabetismo funzionale’ Si nutrono di Signoraggio, imposizioni e sanzioni sfornate ad hoc per indurre caos e incutere ‘ubbididienza senza contraddittorio’

Graziella Giacomuzzo
Graziella Giacomuzzo
6 anni fa

…dobbiamo formare una coscienza di nuovi custodi del territorio e diffondere e rafforzare in noi il valore della ‘gens veneta’ dotata di fierezza,forza morale e psichica, Sodale con i meritevoli e non con le donne e gli uomini molli di questa epoca liquida e dagli intestini e viscere cagionevoli, ma persone di elevata resistenza e tempwramento.
Si impone un grande lavoro di crescita e conoscenza dell’individuo e delle sue capacita multilinguali e creative nel generare relazioni solide e utili alla nuova collettività”
Bisogna prima percorrere dentro di se la strada e i nuovi confini di esseri liberati da un’ malinteso senso di Repubblica” a cui abbiamo prestato xolpwvolmente il fianco e le risorse fino all’annientamento.

Commenti recenti