Login

Newsletter

  • Users 159
  • Posts 1,281
  • Comments 1,692
  • Pages 9

Archivi

Equitalia, solidarietà al sequestratore

Solidarietà non a Equitalia ma a Luigi Martinelli, chiunque di noi potrebbe trovarsi al suo posto!

La disperazione  che ha spinto Luigi Martinelli ad occupare l’agenzia Equitalia di Romano di Lombardia tenendo degli ostaggi sotto la minaccia delle armi non è il frutto di una mente labile.

La causa di questo gesto, che potrebbe essere solo il primo di tanti a succedersi, è da ricercare esclusivamente nella cieca testardaggine di direttive dello Stato e di suoi Enti periferici atte a raspare tanto più denaro possibile, a qualsiasi costo, dalle tasche di tutti i cittadini e in particolare dei piccoli imprenditori.

In una società dove lo Stato è il padrone assoluto e i cittadini sono i sudditi sui quali si riversano tutte le conseguenze delle disgrazie economiche dovute alla insipienza politica degli amministratori e dove le parole d’ordine sono “tasse, tasse, tasse”  e “alla gogna chi evade”, i valori della vita e dei rapporti umani non hanno più senso.

C’è solo chi lavora, produce e paga, o è costretto a pagare, e chi vive del lavoro di costui; chi lavora, mangia e vive da schiavo e chi mangia senza produrre niente (quando non produce malanni) e questo è il vero parassita della società.

Lo Stato è diviso da una lotta intestina di sopravvivenza tra chi lavora e non ce la fa più e tra chi non ha mai lavorato e non vuole rinunciare ai suoi privilegi: l’uomo contro parassiti appartenenti al suo stesso genere.

Da anni LIFE combatte questa battaglia contro i mulini a vento di uno Stato medioevale, insensibile e immutabile che è la causa primaria dei mali che lo stanno erodendo.

A Luigi Martinelli, LIFE al completo manifesta la solidarietà di chi troppe volte è stato chiamato a piangere le vittime della disperazione che hanno invece optato per l’estremo gesto.

Forse in questo momento  Martinelli è ancora più solo di prima, assistito solo dal suo avvocato e “sentito” dagli inquirenti, ossessionato oltre che dalla cartella esattoriale scatenante il suo gesto, anche dalle parcelle dei difensori legali.

Per dare una mano  a questo artigiano a cui, come a tanti altri, lo Stato non ha saputo trasmettere alcun segnale di tolleranza,  LIFE apre una sottoscrizione di fondi destinati a pagare le spese legali per la sua difesa.

Per chi volesse contribuire può effettuare un bonifico bancario con la causale “Luigi Martinelli” alle seguenti coordinate:

Banca Prealpi-Susegana IBAN IT77I0890462120012000002237

Daniele Quaglia

I commenti sono chiusi.