Login

Newsletter

  • Users 91
  • Posts 982
  • Comments 1,332
  • Pages 9

Finanza e immigrazione

I vecchi risparmiano mentre i giovani spendono e quanto più invecchia la popolazione tanto più aumenta il volume di denaro che rimane immobilizzato dando vita a fenomeni deflazionistici.

In parole povere più si spende, più gira l’economia ma se i vecchi sono sempre più rispetto ai giovani, si spende sempre meno e l’economia si blocca.

E’ quanto rilevato da uno studio degli analisti di PIMCO una società di investimento globale che così

giustifica gli scarsi risultati ottenuti dalla BCE circa i tentativi sempre falliti, di mantenere un’inflazione costante appena sotto il 2% per stimolare l’economia, col pericolo reale che la BCE entri nella prossima recessione senza aver mai normalizzato la propria posizione politica.

Sarà pur vero per il resto dell’Europa ma per l’Italia pensiamo che se lo Stato, invece di rapinare ai cittadini il 70% dei loro ricavi, si accontentasse di un 25%, a questi resterebbe a disposizione una enorme massa di denaro da spendere che, sicuramente, rianimerebbe l’economia senza necessariamente dover ringiovanire la popolazione.

Lo studio non mette in risalto quest’ultimo aspetto ma tra le righe traspare, indiretta ma evidente, la propensione ad un progetto di ringiovanimento di questa.

Ecco che ci risiamo: dove trovare, se non in Africa, elementi giovani e forti per abbassare l’età media dei cittadini europei e rimettere in moto l’economia?

Questo è il progetto della finanza mondiale!

La vincerà il dio denaro, favorendo l’immigrazione o lo spirito di conservazione dei popoli, refrattari all’idea di essere invasi?

Poveri vecchi, brutti tempi ci attendono.

Daniele Quaglia

Lo studio della PIMCO https://www.ilsole24ore.com/art/finanza-e-mercati/2019-03-21/l-europa-e-paese-vecchi-ecco-perche-bce-non-riesce-far-ripartire-da-10-anni-l-inflazione-071547.shtml?uuid=ABSMYVgB&cmpid=nl_morning24

2 risposte a Finanza e immigrazione

  • GIORGIO VIGNI scrive:

    Siamo già più avanti: in Belgio pensano di sospendere l’assistenza medica agli ultra 85. Mangiano, cagano e non producono, ergo…
    Un ulteriore passo, prevenzione, è già in atto. I vecchi, falso problema: basta coparli fin da cei . Forza con l’aborto.
    Viva il globalismo, la finanza, il progresso e in culo l’umanità. A ben considerare, però, nell’attuale umanità ci sono anche i sinistrati e gli statali, quindi una deroga ragionata, magari….., fin da cei.

    G.Vigni

    P.S. Giorgio da Casteo, vedi de no far turismo in Belgio, resta qua, se no xe cassi tua.

  • G. Bucciol scrive:

    La storia si ripete sempre specialmente quando il popolo si innamora e delega a occhi chiusi,nei tempi passati la soluzione era ! ” colpa del nemico” milioni di morti distruzioni e si ripartiva con politici nuovi, oggi politici rigenerati o troppo in erba che a trent’anni hanno capito tutto dalla vita, come che la politica fosse solo dialettica o una somma algebrica o roba che si risolve con la tableta….e allora,nuovi ma politica vecchia: e allora assistenzialismo, sperperi, corruzioni nessuna visione del futuro.
    Il livello di intelligenza dei politici lo possiamo notare anche nelle scelte politiche universitarie: ingresso studenti in medicina numero chiuso, selezioni con test molto ambigui e non sempre misurano il grado di capacità di uno studente, quasi non si capisce dove sta il diritto allo studio garantito dalla costituzione. Giustificazioni ì….. non possiamo sfornare troppi medici,
    Grado di intelligenza politico universitaria superiore: ultime dichiarazioni apparse nei giornali non ci sono più medici, dobbiamo importarli dall’estero……Albania ,Romania, Ukraina , America Latina ecc. tutti paesi dove le selezioni e le ammissioni agli studi in medicina sono quasi sicuramente………. più garantiti????

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.