Login

Newsletter

  • Users 93
  • Posts 1,205
  • Comments 1,626
  • Pages 9

Archivi

Finanziamenti alle aziende e ad Alitalia

Mentre per tutte le aziende è sempre più difficile l’accesso al credito, per Alitalia ….

I finanziamenti sono il motore dell’economia perché non sempre chi ha buone iniziative imprenditoriali è anche dotato delle capacità finanziarie per realizzarle e la qualità e quantità dei finanziamenti erogati costituiscono un infallibile sistema di misura della salute economica.

Chissà quanti piccoli imprenditori che si sono affermati, lo avrebbero potuto fare senza alcun finanziamento: forse una minima, infinitesima parte.

I finanziamenti erogati dalle banche alle aziende, nel periodo agosto 2018/agosto 2019 segnalano una contrazione abbastanza importante, rispetto al periodo precedente e così distribuita:

  • – 6% per le imprese societarie, che hanno visto un calo del credito di 46 MLD, passando da 696 miliardi erogati nel periodo precedente a 650 miliardi;
  • – 7% per le imprese familiari con calo di 5 miliardi passando da 83 miliardi del periodo precedente a 77 miliardi. Vedi

Stiamo parlando di aziende che costituiscono la struttura economica su cui fa perno tutto il Paese

Da qui è facile trarre le conclusioni sullo stato di precaria salute generale e la tendenza di voler abbandonare aziende in difficoltà, al loro destino.

Però c’è un’azienda che sfugge ad ogni legge economica e di libero mercato e riesce ad ottenere finanziamenti da favola, che si impegna formalmente a rimborsarli ma che diventano sistematicamente a fondo perduto, come l’ultimo prestito di 900 milioni ottenuto nel 2017 mai restituito, diventato debito poi cancellato dal governo Conte.

L’azienda si chiama Alitalia ed è una formidabile macchina che produce la bellezza di 715.328 euro di debiti al giorno, che dal 1974, secondo Mediobanca, è costata allo Stato, quindi a noi, 7,4 miliardi di Euro mentre altre stime calcolano 9,5 miliardi solo dal 2008 ad oggi!

Nonostante il quadro catastrofico, entro il 31 gennaio 2020 il Senato dovrà decidere (è già deciso!) un altro prestito di 400 milioni che dovrà essere rimborsato entro 6 mesi (alla solita maniera!).

Mentre tutte le imprese sono soggette al fallimento e spesso questo arriva quando viene loro chiuso l’accesso al credito, lo Stato per Alitalia nega un sano default, permette che il debito cresca di ora in ora, usa i nostri soldi in modo illecito, abusa della nostra pazienza, ci tortura con le sue nefandezze fiscali e, beffa finale persegue gli amministratori delle imprese societarie e di persone fino all’esproprio dei beni personali mentre premia con laute liquidazioni i managers di Alitalia nonostante risultati fallimentari.

Questa è l’Italia che ci meritiamo.

Daniele Quaglia

per approfondire sui finanziamenti alle aziende

https://www.agi.it/economia/crollo_prestiti_banche_imprese-6351509/news/2019-10-13/

per approfondire su Alitalia

https://www.agi.it/economia/alitalia_quanto_e_costata_fondi-6402586/news/2019-10-23/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Commenti recenti