Login

Newsletter

  • Users 92
  • Posts 1,099
  • Comments 1,416
  • Pages 9

I primi 100 giorni

Monti , Berlusconi, Zaia e chissà quanti altri politici hanno promesso mirabolanti provvedimenti nei primi 100 giorni del loro mandato politico. Mentre tutti noi imprenditori stiamo ancora aspettando l’eliminazione dell’IRAP promessa da Berlusconi nei primi 100 giorni del suo mandato del 2001 e tutti i veneti sono ansiosi di vedere la realizzazione delle promesse fatte da Zaia che doveva avvenire entro i primi 100 giorni del sua mandato del 2010, l’unico che in qualche maniera  ha tenuto fede al programma è un “non politico”, Monti Monti:  lacrime e sangue non per tutti, ma solo per …………………….  i più deboli.

Dal sito

http://www.stampalibera.com/?p=42267#more-42267

e da un pezzo di Gianni Petrosillo estrapoliamo questi passi:

……………..Monti, malgrado le promesse, ha lasciato intatta l’aliquota più alta dell’Irpef, cioè le imposte sui più ricchi, ed ha aumentato le imposte sui consumi, quelle che gravano principalmente sui redditi più bassi. L’Iva era già stata aumentata da Berlusconi di un punto, dal 20% al 21%. Ora, l’Iva (le aliquote del 10% e del 21%) verrà aumentata, nella seconda metà del 2012, di due punti percentuali e, nel 2014, di un ulteriore 0,5%. Inoltre, sono state aumentate le accise sui carburanti, quella della benzina a 704,20 euro per mille litri, quella del gasolio a 593,20 euro. Tali aumenti hanno provocato un aumento dei costi del trasporto e, a cascata, di molte merci. Possiamo immaginare quanto saranno pesanti gli effetti sull’inflazione, quando gli aumenti dell’Iva si sommeranno a quelli delle accise. Non è del tutto corretto dire che Monti non ha toccato l’Irpef. Ha toccato l’Irpef regionale (addizionale Irpef). Però, nell’Irpef regionale Monti ha aumentato l’aliquota di base, che grava sui più poveri. Questa è stata ritoccata dello 0,33%, portandola dallo 0,9% all’1,23%. Dal momento, però, che molte regioni avevano già introdotto delle maggiorazioni alla vecchia aliquota base, gli aumenti effettivi sono maggiori. Nel Lazio si passa dall’1,40% all’1,73%, lo stesso in Piemonte, Sicilia e Lombardia. In Campania e Calabria si raggiunge il record con il 2,03%. Inoltre, l’addizionale regionale è progressiva solo in cinque regioni. Da notare, che il provvedimento di aumento dell’Irpef è retroattivo, cioè riguarda il 2011”.

…………….. le imposte sono state diminuite alle imprese di capitale. L’Ires è l’imposta pagata sul reddito delle società (imprese di capitale, enti pubblici e privati, trust), che fu ridotta dal governo Prodi dal 33% al 27,5% nel 2007. Monti ha introdotto una nuova deduzione dall’Ires. Le imprese potranno dedurre dall’Ires l’imposta sulle attività produttive pagata sul costo del lavoro (Irap). Una impresa con 200 dipendenti risparmierà fino a 75.171 euro su una Irap totale di 237.900 euro.”

I commenti sono chiusi.