Login

Newsletter

  • Users 92
  • Posts 1,106
  • Comments 1,428
  • Pages 9

I Veneti, con l’Italia, sono arretrati di 800 anni

L’Italia giuridica è di almeno 800 anni più arretrata della Repubblica Serenissima.

Dalla “Storia di Venezia” di Eugenio Musatti (Filippi Editote – Venezia) : “Affermano i cronisti che il Doge Enrico Dandolo, trovando troppo aride le leggi esistenti e quindi soggette alle cavillazioni dei litiganti, risolvesse di convocare un collegio di uomini sperimentati per ridurle a chiarezza maggiore e quindi pubblicarle in un sol corpo. Fatto è che nel 1195 il diritto veneziano ebbe la sua solenne sanzione con lo Statuto di leggi civili promulgato contemporaneamente alla riforma e correzione del codice criminale”.

Invece in Italia, la situazione è che oggigiorno nessuno conosce con precisione il numero delle norme esistenti.

Esistono delle stime approssimative che, considerando tutte le fonti giuridiche, vale a dire:

Costituzione;

Leggi Costituzionali;

Regolamenti dell’Unione Europea;

Direttive dell’Unione Europea;

Leggi ordinarie;

Decreti Legislativi;

Decreti Legge;

Leggi Regionali;

Decreti del Presidente della Repubblica;

Decreti ministeriali;

Decreti interministeriali;

Ordinanze Ministeriali,

indicano un numero variabile tra 150-160 mila, alcune stime arrivano addirittura a 250 mila leggi in totale.

A questo paradosso si aggiunge il fatto che, non solo non esiste un testo unico che possa almeno semplificare la loro consultazione, ma ogni giorno si aggiungono ulteriori 21 nuove pagine, piene di normative che modificano o si aggiungono a quelle esistenti, per mezzo di semplici richiami.

Da qui è facile capire perché i potenti a cui non mancano le risorse economiche per arruolare uno stuolo di avvocati, riescano sempre ad uscire indenni dalle disavventure giudiziarie diversamente dai servi della gleba quali siamo considerati noi comuni cittadini.

Nelle isole veneziane, invece, non erano potenti signori che si arrogassero un tirannico dominio sui vassalli o che si facessero ad angariarli con leggi arbitrarie, ma regolare amministrazione della giustizia col mezzo di giudici e di probi viri senza differenza di condizione.

Questo è nel DNA dei Veneti!

Riusciranno mai gli italiani a capire perché la maggioranza dei Veneti non si identifica in questa loro repubblica?

Daniele Quaglia

Enrico Dandolo doge dal 1192 al 1205

2 risposte a I Veneti, con l’Italia, sono arretrati di 800 anni

  • Marcello Caroti scrive:

    Basta Italia e basta UE!
    Pensate che gli italioti si considerano anche degli intellettuali rispetto ai “bifolchi” veneti.
    Come si fa ad argomentare con questa gente?

  • alberto pento scrive:

    Sì sì, era così avanti nella civiltà giuridica dei diritti umani e civili che non ha voluto assumere quelli democratici ed estendere la sovranità politica a tutti i veneti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.