Login

Newsletter

  • Users 85
  • Posts 736
  • Comments 1,070
  • Pages 9

Infissi in PVC

Ci viene segnalato questo aneddoto.

Alla richiesta di due finestre e due porte su misura in PVC, si presenta un imprenditore locale il quale, dopo aver preso le misure, presenta un preventivo: il prezzo è conveniente, ok il lavoro si fa.

Dopo circa un mese l’imprenditore annuncia che porte e finestre sono in arrivo.

Prima sorpresa: tre robusti uomini, di cui uno solo parla uno stentato italiano, scaricano da un furgone con targa polacca, porte e finestre che saranno montate da altri.

Passano altri 15 giorni e l’imprenditore preavvisa l’arrivo dei montatori.

Seconda sorpresa: arrivano i due montatori su furgone con targa Bulgaria ma sono rumeni e solo uno parla un po’ di italiano.

Terza sorpresa: porte e finestre sono state fatte in Romania. Prodotto di ottima qualità e lavoro di montatura eseguito ad arte.

Conclusioni: per il trasporto hanno lavorato tre polacchi (?), per il montaggio due rumeni e per la produzione un altro paio di rumeni.

Solo un veneto ha “lavorato” e guadagnato in questo affare, mentre le nostre aziende del settore, per essere competitive, devono produrre sottocosto accettando il rischio del fallimento e degli accertamenti induttivi; oppure puntare su una qualità eccelsa per un mercato sempre più ristretto; o delocalizzare come l’imprenditore di cui sopra per sfuggire ad una tassazione criminale.

Ma così facendo si distrugge l’economia locale per alimentare quella globale: già i cinesi stanno monopolizzando alcuni settori del commercio e del manifatturiero e gli europei dell’est quello dell’edilizia.

A quando un furgone con targa Nigeria, da cui tre senegalesi scaricheranno gli infissi prodotti in Burundi e montati poi da due kenioti?

Mah!

Quanta parte di questa politica globalista assurda è da rivedere prima della ineluttabile desertificazione industriale e del depauperamento economico di territori, nonostante tutto, economicamente ancora produttivi?

Daniele Quaglia

2 risposte a Infissi in PVC

  • fabbio luigino scrive:

    Hai ragione! e mettici anche che stanno “sporcando” un territorio di finestre brutte e tossiche dove siamo stati per centinaia di anni l’eccellenza europea, ville venete, palladiane, ecc ecc ….. abbiamo insegnato al mondo intero cos’è il bello mentre adesso serramentisticamente parlando c’è da vergognarsi,…. bahh che schifo

  • Diego Bianchi scrive:

    si ma il problema non è la competitività di Polonia o Romania che hanno stati e governi che gli consentono di essere competitivi: non sono loro che sbagliano, da criminalizzare. Il problema è la mancata competitività dell’impresa veneta che è gravata dalle tasse dello stato criminale occupante Italia. E’ dimostrato che se tale impresa operasse in condizioni venete nella repubblica veneta, sarebbe competitiva anche nei confronti dei bravi polacchi e romeni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.