Login

Newsletter

  • Users 147
  • Posts 1,257
  • Comments 1,674
  • Pages 9

Archivi

INPS avanti a tutto debito

L’INPS macina perdite alla velocità di 10 miliardi di euro all’anno. Ha chiuso il 2014 con un rosso da 12,4 miliardi, se nulla cambia, continuerà a realizzare perdite vicine ai 10 miliardi l’anno fino al 2025. (I 12,4 miliardi vanno sommati agli oltre 100 di trasferimenti da parte dello Stato per colmare il gap tra contributi incassati e trattamenti erogati. Senza i trasferimenti dello Stato la gestione 2014 sarebbe in rosso per oltre 112 mld di euro!).

Il patrimonio immobiliare dell’INPS macina perdite alla velocità di 250 milioni di euro all’anno perché gli affitti incassati non coprono le spese di gestione degli immobili stessi.

L’INPDAP ente di previdenza degli statali accorpato all’INPS nel 2012, ha portato in dote un debito di 23 miliardi di euro passati sulle spalle dell’INPS ma ha apportato anche un capitale di 6.000 opere d’arte, alcune di grandissimo valore, che non fruttano alcunché se rimangono custodite nei forzieri dell’Ente.

Tirando le somme: la gestione corrente della Previdenza è gravemente deficitaria, quella dei patrimoni immobiliari dell’ente è mediamente deficitaria, quella dei patrimoni artistici dell’ente rende zero.

All’orizzonte non si intravvedono né luci né lanterne: fino a quando potrà durare una tale situazione?

Avete capito, ora, perché la sinistra al potere sta consapevolmente agevolando l’invasione di clandestini che ostinatamente  chiama migranti?

Daniele Quaglia

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Commenti recenti