Login

Newsletter

  • Users 92
  • Posts 1,182
  • Comments 1,524
  • Pages 9

La Cambiale, questa sconosciuta

La Cambiale è un titolo di credito che può essere trasferito; è un titolo esecutivo che in caso di insolvenza del debitore concede al creditore la facoltà di dare immediato seguito all’esecuzione forzata.

Esistono due tipi di cambiale: il Pagherò che viene sottoscritto direttamente dal debitore che si impegna a pagare una certa somma entro una determinata data e la Cambiale tratta emessa dal creditore, quasi sempre su autorizzazione del debitore.

Entrambe sono soggette ad un’imposta di bollo che attualmente è del 12 per mille.

Fino agli anni 80 gli operatori economici, si avvalevano normalmente di questo titolo di credito dal quale ricavavano una forma di autofinanziamento pressoché a titolo gratuito, ma ad un certo punto le banche, facendo leva sul fatto che le cambiali sarebbero state troppo onerose a causa dell’imposta di bollo, hanno indotto gran parte dei loro clienti a scegliere la RIB, RIcevuta Bancaria, che a differenza della cambiale è soggetta ad un irrisorio bollo fisso.

Una volta che la RIB è entrata nella psicologia della gestione aziendale, per le banche è stato un gioco facile convincere i loro clienti a chiedere anticipi e finanziamenti scontando direttamente le ricevute bancarie; quasi senza accorgersene si è passati da un mezzo di pagamento polivalente (la Cambiale) ad un mezzo monovalente (la RIB) gestito in regime monopolistico dalle banche che da allora hanno tratto incessantemente vantaggi inestimabili, alimentati dal signoraggio bancario, sottraendo risorse all’economia e garantendo loro una penetrazione invadente e possessiva delle aziende sempre più aggiogate.

Al giorno d’oggi la cambiale è in disuso negli scambi commerciali ma è un mezzo che, in questi difficili momenti di stretta creditizia, merita maggiori considerazioni perché, grazie alla sua trasferibilità consente di pagare i debiti con i fornitori cedendola loro direttamente, evitando di ricorrere all’intermediazione del credito bancario che comporta il pesante gravame di interessi passivi, commissioni, spese accessorie … ecc.

In parole povere la Cambiale è una RIB soggetta ad un’imposta di bollo; è trasferibile ai fornitori in pagamento delle merci acquistate limitando in questo modo, il ricorso delle aziende al credito bancario.

Quando la banca si accorgerà che il vostro volume degli scambi diminuisce, il Direttore non vi chiamerà più con la caratteristica arroganza per invitarvi a rientrare immediatamente dagli scoperti generati da RIB non pagate, ma vi chiamerà insistentemente e gentilmente per offrirvi nuove opportunità di credito alle quali, orgogliosamente, risponderete: NO, grazie.

Daniele Quaglia

Una risposta a La Cambiale, questa sconosciuta

  • Alvise Piccoli scrive:

    c’è anche la possibilità di risparmiare sul bollo come forma di Credito con la cambiale.
    Se comprate una cambiale da 0,10 € e la compillate firmata dal creditore avete la sicurezza di chiedere il pagamento alla scadenza
    prefissata e successivamente se serve ci mettete i bolli per l’esecuzione, ma se incassate il debito senza problemi avete risparmiato il costo dei bolli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.