Login

Newsletter

Archivi

La fine dell’etilometro?

Sono sempre più le sentenze che contestano i rilievi dell’alcoltest eseguiti con l’etilometro in quanto questi apparecchi, fino ad ora non sono mai stati sottoposti alle annuali tarature che la Corte Costituzionale determina indispensabili per una corretta ed attendibile rilevazione.

Non solo, ma, ciliegina sulla torta non esisterebbe in Italia alcun ente accreditato per effettuare le verifiche primitive e periodiche dell’etilometro (Sentenza-Forli-mancata-omologazione-perizia-Marcon).

Ergo tutti gli etilometri in dotazione sarebbero fuori legge e nulle tutte le conseguenze giudiziarie scaturite dai rilievi.

Un apparecchio che rileva dati in gran parte riconosciuti inaffidabili ha la facoltà di rovinare la vita di cittadini che a fine dell’escursus giudiziario pur risultando non colpevoli avranno preventivamente subito la sospensione della patente di guida per un numero x di mesi mettendo a rischio lavoro e famiglia e, in casi estremi, la vita di questi che, di fronte ad un sì sproporzionato provvedimento, non hanno retto psicologicamente e si sono suicidati.

Nell’incertezza della colpa nessuno può essere giudicato né sottoposto a misure preventive

Di chi la colpa di aver rovinato tante famiglie e di aver provocato tanti suicidi?

Del Ministero degli interni che permette l’applicazione di norme drastiche a fronte di rilievi che quasi sempre si dimostrano inaffidabili e non veritieri?

Delle forze dell’ordine che evitano i vecchi e collaudati sistemi empirici associati ad una dose di buon senso e si affidano totalmente alla fallace tecnologia?

O esiste un concorso in colpa tra i due?

Auspichiamo un chiarimento da parte del Ministero competente che non può permettere, in nome del ripristino di una dubbia legalità, metodi e misure decisamente illegittimi.

Un plauso all’amico Giorgio Marcon, perito di parte, che è stato determinante all’esito di questa sentenza

Daniele Quaglia

Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Pier
Pier
2 anni fa

Grande Giorgio!
Nomen omen !
Non a caso San Giorgio è il santo che uccide il drago, anche se questo ha tante teste!
Grazie!