Login

Newsletter

  • Users 90
  • Posts 898
  • Comments 1,255
  • Pages 9

La lotteria dello scontrino fiscale e i premi a punti dell’ ISA

Lotteria dello scontrino e premi a punti dell’ISA (Indici Sintetici di Affidabilità fiscale).

Quale credibilità può avere uno Stato costretto a ricorrere a folcloristiche lotterie ad estrazione e a concorsi a punti sperando che questi espedienti possano indurre i cittadini ad una maggiore fedeltà fiscale?

La fedeltà in genere è la risposta che deriva da un atto di fiducia o da un patto tra parti, come dire mi fido di te e ti sarò fedele.

Ma lo Stato italiano concepisce la fedeltà dei cittadini come un dovere, un’imposizione indipendentemente dalla fiducia reciproca e sancito “dovere” addirittura dalla Costituzione all’ Articolo 54 che così cita: Tutti i cittadini hanno il dovere di essere fedeli alla Repubblica e di osservarne la Costituzione e le leggi. …. attingendo dal feudalesimo medioevale quando il sovrano imponeva sottomissione e fedeltà ai feudatari che da lui ricevevano beni e protezione.

Ecco l’arretratezza culturale delle istituzioni italiane che impongono la fedeltà ai cittadini anche se queste negano quotidianamente la sovranità popolare attribuendosene le competenze e favorendo priorità estranee al benessere comune.

Se i cittadini sono restii a pagare le tasse lo fanno per almeno due motivi:

Le tasse sono troppo alte;

Le istituzioni sono percepite come ostili, nemiche.

In conseguenza di ciò viene a mancare la fiducia nelle istituzioni e, conseguentemente la fedeltà.

Questi magnifici pensatori a dir dei quali i cittadini diventeranno fedeli fiscalmente perché potranno usufruire di una lotteria abbinata agli scontrini fiscali, favorendone la loro emissione, e i piccoli imprenditori, con i punti di affidabilità acquisiti tramite gli ISA (Indici Sintetici di Affidabilità fiscale) potranno godere di benefici fiscali o essere penalizzati in base al punteggio ottenuto ….. questi magnifici si sono mai chiesti le ragioni per cui la Repubblica non è amata?

Hanno mai ipotizzato che la scarsa fiducia possa generare infedeltà, anche fiscale?

L’arretratezza culturale costituisce anche limite assoluto nel trovare risposte adeguate alle più elementari esigenze dei cittadini, ma mentre i culturalmente arretrati se la spassano nei centri di potere a tutti gli altri non resta che masticare amaro.

La soluzione?

Una questione di tempo!

Daniele Quaglia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.