Login

Newsletter

  • Users 90
  • Posts 865
  • Comments 1,210
  • Pages 9

L’ispettore del lavoro (parte prima)

Gli ispettori del lavoro sono ufficiali di Polizia Giudiziaria quasi sempre effettivi nei corpi di Polizia, Carabinieri e GdiF.

Quando si presentano a controllare un’attività non lo fanno mai per caso perché a monte c’è una specifica denuncia, molto spesso da parte dei dipendenti o per una evidente e marcata situazione di comportamenti illeciti.

Come accade per tutte le ispezioni, anche gli ispettori del lavoro sono dotati di un foglio di servizio nel quale saranno, quantomeno, indicati i nomi e gradi degli incaricati che dovranno qualificarsi e permettere la loro identificazione (in caso contrario non fateli entrare), nonché questi hanno l’obbligo di mettere al corrente il titolare dell’azienda in ispezione o chi per esso, del diritto di essere assistito da una persona di fiducia.

Per quanto riguarda l’attività ispettiva, possono controllare tutto ciò che è inerente ai lavoratori: orari di lavoro, retribuzioni, straordinari, regolarità dei versamenti assicurativi e previdenziali, la salubrità dell’ambiente di lavoro, la sicurezza dei macchinari, il rispetto delle norme antincendio, le vie di fuga, la corretta applicazione delle norme anti infortunistiche ….. in cantieri edili, laboratori, imprese artigiane, eventuali mense e refettori, nonché dormitori.

La prima cosa che faranno, una volta entrati, sarà quella, scontata, di identificare tutti i presenti e procedere ad un breve interrogatorio per reperire informazioni sulle mansioni, la qualità del lavoro svolto da parte di ognuno e se sussistono inadempienze contrattuali da parte del datore di lavoro.

Tutto ciò potrà essere fatto anche in assenza del titolare, in qualsiasi orario purché lavorativo, sia di giorno che di notte, senza comunque compromettere l’operatività dell’azienda stessa.

Alla fine, gli ispettori redigeranno un verbale che verrà sottoposto alla firma dell’ispezionato al quale raccomandiamo la regola, regina delle 10 regole auree LIFE, che è quella di NON FIRMARE MAI I VERBALI.

Regola che permette una strategia difensiva in caso di conseguenti procedimenti, altrimenti impossibile. (segue)

Daniele Quaglia

per approfondimenti https://www.laleggepertutti.it/208768_ispezioni-sul-lavoro

Una risposta a L’ispettore del lavoro (parte prima)

  • Antonio scrive:

    Per fortuna che gho sera la me baraca.ma che fadiga e quanti schei che ghe vol anca a serar.pense che circa 10 ani fa ho riscata al capanon (magazin) da Viel Antonio P.I. a Viel Antonio persona fisica gho paga 40.000€ (in 3 rate però ) no lavese fat ades la me comercialista la me dis che no bastaree 120.000€ roba da mati.ades o capi parche tanti noi sera .parche no i a i soldi par serarrrrr.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.