Login

Newsletter

  • Users 560
  • Posts 1,281
  • Comments 1,692
  • Pages 9

Archivi

L’Italia dei primati negativi

Non può essere un caso se l’Italia è prima nella conta dei morti con covid19 per milione di abitanti, prima per le restrizioni imposte a cittadini e attività varie, prima per moria di partite IVA, prima tra i Paesi in cui la produzione industriale cresce di meno.

A novembre la produzione industriale nell’area euro cresce, rispetto ad ottobre, del 2,5% e nell’area UE del 2,3% mentre in Italia cala con un -1,4%, (- 4,2% nel 2020), calo superiore a quello di Francia (-0,9%) di Spagna (-0,6%) e Germania (+0,8%).

Da inizio anno le attività manifatturiere registrano un calo complessivo di un -12,9%, con accentuati cali nel settore tessile, abbigliamento e calzature con -26,7%, prodotti petroliferi -18,3% e prodotti farmaceutici -8,2% che vanno a ridimensionare i segnali positivi dell’estate.

Sarà un caso che la ripresa estiva è coincisa con l’allentamento delle misure restrittive?

Sarà un caso se il calo della produzione coincide con l’inasprimento di quelle restrizioni?

Sarà un caso che, nonostante il regime poliziesco instaurato per il controllo sul rispetto delle limitazioni liberticide, l’Italia ha il primato di morti per milione di abitanti?

Sarà un caso se tutto sta andando a rotoli?

Il Re di Svezia ha chiesto scusa ai suoi sudditi per i tanti morti con covid19 che in proporzione sono molti meno di quelli in Italia; invece no, qui nessuno chiede scusa, perché significherebbe riconoscere gli errori, anzi avanti tutta per la stessa strada, quella giusta per distruggere famiglie ed economia.

No, non è un caso!

Daniele Quaglia

vedi la notizia https://www.linkiesta.it/2021/01/produzione-industriale-italia/https://www.linkiesta.it/2021/01/produzione-industriale-italia/

COMUNICATO AGLI ASSOCIATI di LIFE TREVISO Complice la situazione di estremo disagio ed incertezza che ci stanno imponendo e che combattiamo, per la prima volta in 25 anni nessun incaricato LIFE fino ad ora ha visitato la sede degli associati per il rinnovo della quota 2020/2021 né lo farà più.

Ringrazio in anticipo chi intende rinnovare liberamente e autonomamente la quota 2021 eseguendo un bonifico sul conto di LIFE Treviso in Banca Intesa, causale quota associativa 2021 (quota minima 125€), col seguente

IBAN IT86 O030 6909 6061 0000 0149 763

Seguirà ricevuta via email o fax

Il Presidente LIFE Treviso Claudia Bortot

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments