Login

Newsletter

Archivi

Pro o contro questo regime?

Accettiamo supinamente o contestiamo pacificamente ma rumorosamente le imposizioni di questo regime politico che ha la pretesa di governarci?

Un regime o si accetta e se ne diventa complici o si contrasta consapevoli delle ripercussioni.

Secondo la definizione, più appropriata al caso, che l’enciclopedia Treccani ci da del termine regime, questo viene descritto come ordinamento che, indipendentemente dalla sua forma, ha impostazioni e tendenze autoritarie, oppressive.

Se non siete frastornati dal terrorismo politico che circonda la questione covid19 potrete capire quanto questa definizione, relativa all’operato del governo, sia appropriata.

Ci troviamo in pieno regime dove pochi condizionano la libertà e la vita dell’assoluta maggioranza dei cittadini in funzione di una fantomatica emergenza sanitaria.

Non possiamo muoverci liberamente, i punti d’incontro hanno orario contingentato, le scuole sono mezze chiuse, le funzioni religiose sono strettamente limitate …. e per di più c’è il coprifuoco come in tempo di guerra.

Tutto a causa di una forma influenzale simile ad ogni altra influenza che in primavera ed in autunno colpisce indistintamente giovani e vecchi seminando, tra quest’ultimi, la morte.

Un processo naturale che è diventato occasione per imporre il controllo assoluto sulla popolazione.

Noi LIFE si sono sempre dimostrati riottosi alle imposizioni: ora cosa facciamo?

Le accettiamo supinamente, queste imposizioni, oppure le contestiamo pacificamente, senza alcun rischio ma facendoci sentire rumorosamente?

Chi è favorevole ad una contestazione rumorosa si tenga disponibile un minuto dopo il coprifuoco delle ore 22 del giorno … X … che verrà comunicato, per dare un rumoroso diniego all’operato di un governo nemico.

Daniele Quaglia

Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Geremia Agnoletti
Geremia Agnoletti
1 anno fa

Forse è meglio trovarci 30 minuti prima delle 22.00 e poi “rumoreggiare”.
Il 25 aprile ho violato le disposizioni.
Dovevamo essere tanti ed alla fine ero da solo.
Son stanco di multe. Troviamoci in 500.