Login

Newsletter

  • Users 92
  • Posts 1,164
  • Comments 1,497
  • Pages 9

Repubblica Veneta: il segreto della longevità

Secondo Alvise Zorzi, nella sua opera Una Città, una Repubblica, un Impero, Venezia 697-1797 le ragioni della longevità della Repubblica Serenissima sono da identificare:

  • nello spiccato sentimento comune di proprietà della cosa pubblica, ogni cittadino, nobile o plebeo sentiva allo stesso modo “cosa sua” la cosa pubblica, la nostra Repubblica, il nostro Stato, le nostre Istituzioni quello che oggi definiremo “uno spiccato nazionalismo”;
  • nell’imparzialità della giustizia che trattava a pari modo nobili e plebei;
  • nel considerare l’adempimento delle funzioni pubbliche niente di meno che lo svolgimento di un dovere che andava adempiuto nel migliore dei modi;
  • nel menzionare, in lapidi esposte nelle pubbliche piazze a eterna memoria, i cattivi amministratori o coloro che non avessero svolto al meglio il loro incarico pubblico;
  • nel legiferare a favore delle classi meno abbienti;
  • nel dare ascolto e assecondare le esigenze di operai e contadini.

Per Gasparo Contarini, politico, diplomatico e infine cardinale, nella suo opera De Magistratibus et Republica Venetorum (1544) la longevità della Repubblica Serenissima è dovuta alla forma del suo governo che racchiude in sè le tre forme teorizzate da Aristotele, a realizzazione di un sistema ideale perfetto: la democrazia, rappresentata dal Maggior Consiglio; l’oligarchia, rappresentata da Senato e Consiglio dei Dieci e la monarchia rappresentata dal Doge.

Le due ipotesi conducono comunque ad una sola considerazione: la Repubblica Veneta, dopo oltre duecento anni dalla sua caduta costituisce non solo per l’Italia, me per una miriade di altri Stati, un esempio inarrivabile di buon governo e di democrazia.

Daniele Quaglia

Una risposta a Repubblica Veneta: il segreto della longevità

  • Stefano scrive:

    Bisognerebbe con l’autodeterminazione dei popoli, Riportare tutto questo nelle Nostre abitudini e far rinascere Venezia come esempio per tutti…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.