Login

Newsletter

  • Users 93
  • Posts 1,206
  • Comments 1,627
  • Pages 9

Archivi

Rottamare un veicolo con fermo amministrativo

E’ possibile rottamare un veicolo con fermo amministrativo in due casi:

  1. dopo aver pagato il debito che ha portato al fermo amministrativo;
  2. dopo aver certificato l’inidoneità del veicolo alla circolazione.

Nel primo caso non servono chiarimenti, ma, per quanto riguarda il secondo i chiarimenti ce li offre una circolare interna dell’ACI, la numero DSD/0011454/09 del 16/09/2009 che prevede la possibilità di rottamare “i veicoli soggetti a fermo amministrativo che abbiano subito danni ingenti o siano addirittura andati distrutti (ad esempio, incendi, incidenti stradali, calamità naturali, ecc.), è possibile effettuare la radiazione, a condizione che alla richiesta di radiazione sia allegata una dichiarazione di un’Autorità competente, attestante la non utilizzabilità del veicoloe dispone quanto “Si invitano gli Uffici Provinciali a fornire sul territorio adeguata assistenza e informazione agli operatori professionali relativamente alla materia in esame”.

Come muoversi in questo caso:

  1. Contattare il competente PRA, in quanto potrebbe aver individuato la competenza per quale autorità, il Comando di Polizia Municipale …….. ma anche il Concessionario che ha iscritto il provvedimento di fermo sul veicolo;
  2. Individuata l’autorità competente, l’interessato deve presentare a questa una richiesta di sopralluogo, dichiarando di essere il proprietario del veicolo/intestatario della carta di circolazione, che il veicolo non è più in grado di circolare, in quanto privo degli elementi essenziali (motore, pneumatici, parti indispensabili per la circolazione, stato della carrozzeria, degli interni, delle luci …) ovvero che è bruciato. Deve inoltre dichiarare che sul veicolo grava un provvedimento di fermo amministrativo per mancato pagamento di tributi . E’ necessario indicare il luogo ove si trova in sosta il veicolo e il nominativo della ditta individuata per la demolizione;
  3. Effettuato il sopralluogo e riconosciuto lo stato di inadeguatezza alla circolazione del mezzo, l’Ente accertatore dovrebbe rilasciare la “Dichiarazione di inutilizzabilità del veicolo”, il solo atto che, come previsto dalla circolare ACI, consente la demolizione di un veicolo soggetto a fermo fiscale;
  4. L’interessato dovrà presentare la Dichiarazione di inutilizzabilità del veicolo” al Conservatore del PRA che rilascerà documenti da presentare, sempre a cura dello stesso, al demolitore che si occuperà dell’eventuale rimozione del mezzo e della sua demolizione;
  5. Sarà il PRA a comunicare all’Ente impositore l’avvenuta rottamazione del veicolo posto a fermo amministrativo.

Con la definitiva buona pace del proprietario.

Daniele Quaglia

per approfondimenti

https://www.sicurauto.it/news/rottamare-un-veicolo-con-un-fermo-amministrativo-ecco-come-fare/

per consultare la circolare http://www.rivistagiuridica.aci.it/fileadmin/Documenti/Divieto_di_radiazione_per_i_veicoli_gravati_da_fermo_amministrativo_02.pdf

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Commenti recenti