Login

Newsletter

  • Users 92
  • Posts 1,163
  • Comments 1,495
  • Pages 9

Se chiudi ti compro

Non è il motto della Mafia ma il libro profetico di Antonio Misani, vice ministro dell’economia e delle finanze che con le sue recenti dichiarazioni ha oltraggiato milioni di Partite IVA dimostrando una formazione mentale che si credeva oramai estinta ma che lui ha rivelato ancora strisciante in certi ambienti politici di potere.

“In questo Paese bisogna iniziare a dire che le imposte vanno pagate perché servono a finanziare i servizi essenziali. E non credo che le partite Iva stiano peggio degli altri. Abbiamo già concesso rinvii, aiuti e sgravi, dunque presentarci come arcigni nemici dei contribuenti è una caricatura. Ed è chiaramente strumentale da parte delle opposizioni”.

Queste sue affermazioni non meritano una risposta: è già molto eloquente il suo curriculum politico:

  • Classe 1968, laurea in Economia Politica alla Bocconi;
  • Agli inizi degli anni ’90, in un periodo che coincide con la fine degli studi, entra nella sinistra giovanile e nel PDS diventando Membro del Comitato federale e della Segreteria provinciale del PDS;
  • 1995 consigliere comunale a Bergamo;
  • 1997-1998 riveste anche la carica di coordinatore del Forum della sinistra bergamasca;
  • 1999 eletto consigliere provinciale provincia di Bergamo;
  • 2000-2004 membro della segreteria regionale dei DS
  • 2004 eletto segretario provinciale dei Democratici di Sinistra bergamaschi;
  • 2004 membro Commissione bilancio del Consiglio Provinciale;
  • 2004-2006 assessore al Comune di Bergamo;
  • 2006 deputato con l’Ulivo;
  • 2008 deputato col PD;
  • 2013 deputato col PD;
  • 2018 senatore col PD.

Nel suo Curriculum che trovate qui https://www.mef.gov.it/ministro-uffici/sottosegretari/misiani.html l’esperienza lavorativa viene così definita: ha lavorato nel settore della formazione professionale e in quello finanziario.

Sorge spontanea una domanda: ma dove avrà trovato il tempo per svolgere questi lavori?

Il nostro (si fa per dire!) eroe, in questo tourbillon di attività politica ha anche trovato il tempo per alcune pubblicazioni tra le quali spicca il libro, pubblicato nel 2017, dal titolo profetico: “Se chiudi ti compro. Le imprese rigenerate dai lavoratori”.

Se continua a rimanere in quel posto, tra qualche mese avrà un bel daffare con tutte le aziende che chiuderanno anche per colpa sua.

Se volete contattare Antonio Misani, per dargli qualche suggerimento, questa è la sua mail istituzionale: segreteria.misiani@mef.gov.it

Daniele Quaglia

2 risposte a Se chiudi ti compro

  • giacomo tonon scrive:

    MA ! NESUN L’E’ BON DE TIRARGHE UN COLPO A STA’ ZHENTE ?????????????????????????????????????????????

  • Stefano scrive:

    Non la vogliono proprio smettere con questa sfiancante e sfibrante litania del “le tasse servono a pagare i servizi”. Ormai anche i sassi sanno,da tempo,che questo non è vero. Perchè? Le risposte sono 2: la 1°, perchè se così fosse, non avremmo servizi pubblici da Terzo Mondo, se non addirittura Quarto e 2°, ne consegue che se le tasse non vengono usate per migliorare la qualità della vita della popolazione, lo scopo vero della loro esistenza è, il mantenimento del Sistema. Quando si parla di Sistema ci si riferisce ad una infinita serie di agi, prebende,leggi autoreferenziali,prevaricazioni di varia natura, ecc. ai danni del popolo.
    Meditate gente, meditate!

    Stefano Franzago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.