Login

Newsletter

  • Users 92
  • Posts 1,185
  • Comments 1,528
  • Pages 9

Senza tasse

Un mondo senza tasse è possibile?

Qualcuno si è mai chiesto se è possibile vivere senza l’assillo di imposte e tasse?

Se partiamo dal presupposto che lo Stato detenga sovranità monetaria, quindi la capacità di emettere moneta quando questa serve, non esistono altre motivazioni plausibili per cui lo Stato possa imporre imposte e tasse se non per governare il flusso della moneta circolante: imporre tasse ed imposte per limitarne la circolazione, immettere moneta quando questa scarseggia.

Un processo alquanto scontato se si intende lo Stato come organizzazione dei cittadini, ma se in realtà lo Stato rinuncia ad essere l’organizzazione rappresentativa di una comunità e nei suoi intenti rientrano obiettivi che esulano dal bene comune, succede che questa organizzazione, abusando del nome Stato, operi a favore di soggetti privati.

Lo Stato che rinuncia alla sua sovranità, anche in parte, non è più uno Stato.

A questo punto il pseudo Stato che ha ceduto la sua sovranità inizia a operare su indicazioni esterne che hanno il fine di controllare la comunità di riferimento.

Così ci viene imposta una tassazione diretta al 70% del reddito prodotto e quella indiretta drena gran parte del reddito rimanente col risultato che il cittadino spende una vita per lavorare quasi gratuitamente, quando potrebbe lavorare meno e godere di una esistenza terrena priva di problemi finanziari.

Ma questo Stato ha fatto un patto col diavolo (?) che ci vuole tutti intenti a sopravvivere col minimo indispensabile, per di più oberati da infiniti adempimenti.

Senza tasse è possibile, basta cambiare i connotati di questo Stato in particolare ed il concetto di Stato, in generale.

Daniele Quaglia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.