Login

Newsletter

  • Users 92
  • Posts 1,106
  • Comments 1,428
  • Pages 9

Agenzia delle Entrate

IVA non versata

Se non ci sono i soldi per pagare l’IVA cosa si può fare?

L’effetto del coronavirus sull’economia potrebbe riservare aspetti poco ipotizzati da chi ha disposto il blocco delle attività, che ha pure disposto lo slittamento degli adempimenti fiscali, nella errata considerazione che un’azienda possa ripartire premendo un semplice pulsante; ma nel periodo di fermo possono essere intervenuti molti eventi imprevisti e imprevedibili: annullamento di commesse, carenza di materie prime, mancato ritiro della merce venduta, incassi sospesi …. eventi che possono complicare non poco la ripartenza. Continua a leggere

Gli aiuti alle imprese per emergenza Coronavirus

Quali sono i più importanti aiuti alle aziende per l’emergenza Coronavirus che il Decreto Legge in approvazione oggi, prevede.

IVA, Ritenute e contributi:

  1. per le aziende con più di 2 milioni di ricavi tutte le scadenze contributive e fiscali previste per oggi 16 marzo sono rinviate a venerdì 20 marzo;
  2. per quelle con meni di 2 milioni di ricavi il pagamento dell’IVA, annuale e mensile, ritenute, contributi INPS e INAIL è rinviato al 31 maggio in un’unica soluzione o in 5 rate.

Continua a leggere

Fisco e GdiF in quarantena

Sospesa l’attività di accertamento dell’Agenzia delle Entrate e quella ispettiva della Guardia di Finanza fino a data da destinarsi. Speriamo che questo forzato periodo di riposo ispettivo faccia riflettere ogni singolo operatore sul fatto che sta operando per un padrone che estorce oltre il 70% del reddito delle imprese e che molti possano ravvedersi e intraprendere la via della redenzione come un loro lontano ex collega, San Paolo.

Agenzia delle Entrate-Comunicato stampa del 12 marzo 2020

Coronavirus: Direttiva del Direttore Ruffini. Stop ad accertamenti fiscali e verifiche

Continua a leggere

Maxi evasione fiscale

Sequestrati 25 milioni di euro in beni.

Ennesima conferma che non è il contante la causa dell’evasione fiscale.

Sei società, tutte con sede in Roma, che agivano nella provincia di Cuneo, hanno messo in atto un articolato meccanismo fraudolento, al fine di evadere l’erario, attraverso l’indebita formazione di crediti Iva inesistenti, arrivando a mettere in pratica un vero e proprio ‘modello evasivo’, sfruttando indebitamente l’istituto, previsto dalla normativa, dell’accollo fiscale”. Continua a leggere

Cartella esattoriale nulla

Questi sono vari i motivi che rendono nulla una cartella esattoriale. Bisogna però sapere che in questo Paese, per fare valere la nullità è necessario ricorrere ad un giudice nei termini prescritti pena il rinnovo continuo del debito.

La Prescrizione è l’elemento più importante e si verifica quando tra la notifica della cartella e la successiva richiesta di pagamento, sollecito o pignoramento, è trascorso un determinato periodo di tempo che è di: Continua a leggere

Lo Stato, killer dell’economia

Criminali! Stato, Governo e tutta la burocrazia. Sentite questa!

Come non definire criminale uno Stato che:

  1. che è debitore per 2 milioni di euro, tramite l’INPS, nei confronti di un’azienda fornitrice la quale non viene pagata per lungaggini burocratiche;
  2. che è contemporaneamente creditore, tramite l’Erario, nei confronti della stessa azienda per 600.000 euro;
  3. che tarda, per le solite lungaggini burocratiche, a concedere la rateizzazione che quell’azienda aveva chiesto per pagare quel debito ;
  4. che, decide di risolvere la questione a suo favore tramite la lunga mano di Agenzia delle Entrate-Riscossione disponendo il pignoramento dei crediti presso terzi vantati da quella azienda;
  5. che si rifiuta di fare la cosa più semplice, quella di compensare il debito erariale col credito dell’INPS?

Continua a leggere

Agenzia delle Entrate ed i suoi Paperoni

I Paperoni dell’Agenzia delle Entrate si dividono in due gruppi: quelli di prima fascia, titolari di incarichi di vertice e quelli di seconda fascia.

I primi si possono trovare con incarichi presso il ministero o ai vertici regionali ed i loro stipendi lordi annui veleggiano al di sopra dei 200.000 € mentre per i secondi la locazione è prettamente periferica, in sedi provinciali, con uno stipendio superiore a 100.000€/anno. Continua a leggere

LIFE premiata dalla Camera di Commercio

Nello spirito LIFE, premio è il riconoscimento di ostilità che viene attribuito dalle istituzioni italiane a chi le contrasta, l’opposto di chi considera premio, il riconoscimento di fedeltà con tutte le prebende che questo comporta.

E’ il caso del sottoscritto, socio amministratore di una snc che dalla sua costituzione nel 1996, in piena sintonia con la filosofia LIFE, è stato fedele obiettore del “diritto camerale”, il pizzo che le camere di commercio impongono ai loro iscritti in cambio di nulla e che il 24 maggio 2005 ha dato inizio ad uno sciopero della fame, durato 9 giorni proprio in piazza Borsa a Treviso di fronte alla sede della camera di commercio, in un camper. Continua a leggere

Evasione: altro bòtto da 80 milioni

Anche in questo caso, né POS, né scontrini fiscali, né limite al contante, né ricevute fiscali, né fatture elettroniche hanno avuto qualche funzione nello scoprire l’evasione.

Si tratta di un’organizzazione diretta da tre commercialisti e tre avvocati in grado di creare crediti fiscali fittizi con emissione di fatture false.

I loro clienti erano aziende (no il meccanico, l’idraulico, il falegname o il fruttivendolo) che con tali sotterfugi avevano trovato il sistema di abbattere le imposte, a dimostrazione che, finché la pressione fiscale sarà al 70%, l’evasione fiscale rimarrà l’affare più redditizio per un’azienda dotata di una certa struttura e di un buon giro di affari, caratteristiche al di fuori della portata delle piccole aziende artigiane e commerciali. Continua a leggere

Fisco invadente, economia morente

Quando esisteva il segreto bancario anche per le istituzioni era complicato conoscere i rapporti di un cittadino con una banca e il denaro, versato o prelevato, non necessitava di giustificazioni: chissà perché in quei tempi il debito pubblico non era un problema e l’economia cresceva veloce.

Ora che il fisco ha libero accesso ai nostri conti diventa sempre più difficile la gestione di denaro contante; conosce ogni singolo movimento non solo in banca ma della nostra vita privata e noi, inconsapevolmente, gli offriamo l’occasione di un controllo totale H24 tramite dei banalissimi mezzi che usiamo, per l’appunto, 24 ore su 24: Internet e smartphone.

Alcuni esempi realmente accaduti. Continua a leggere