Login

Newsletter

  • Users 91
  • Posts 982
  • Comments 1,332
  • Pages 9

enti bilaterali

Cartelle esattoriali via PEC

L’Italia è il Paese dove le cose semplici sembrano  vietate dalla Costituzione.

E’ il caso delle cartelle esattoriali indirizzate a liberi professionisti, imprenditori, artigiani e commercianti che dal 1 giugno 2016 per effetto del d.lgs. n. 159 del 24.09.2015 debbono obbligatoriamente essere trasmesse dall’Ente di riscossione tramite Posta Elettronica Certificata.

Se per vari motivi l’invio dovesse fallire l’Esattoria ha l’obbligo di inviare il tutto, sempre per via telematica, alle Camere di Commercio di ogni provincia e qui avviene quello che sarebbe potuto accadere al postino di una volta, quello vestito di nero e con la bicicletta, che fosse entrato nella foresta nera per consegnare della posta senza più trovare la via d’uscita.

Da non dimenticare che, per legge, il contribuente deve ricevere dal fisco i documenti sempre in originale e mai in fotocopia (fax) o in copia elettronica (mail) e che la confusione estrema può offrire ottime opportunità! Daniele Quaglia

Utile la seguente lettura ripresa da Continua a leggere

Risposta a “Per chi fate tutto ciò?”

Cara XXXXX, comprendo il tuo stato d’animo che spesso è anche il mio e la situazione che stai vivendo la stanno vivendo anche i miei, uno in particolare.

Spesso mi domando come sarebbe potuta essere la mia vita senza invischiarmi in LIFE che ha stravolto quella che poteva essere una vita normale in una famiglia normale.

Ma cos’è la normalità? Il vivere sereno?

Sono figlio di artigiani che dopo la guerra si son dati daffare per creare prospettive di vita migliori per loro, per la nostra famiglia e indirettamente per quella dei collaboratori che trovavano lavoro nella nostra azienda.

Fatti salvi gli anni 50 e 60 dove vigevano norme più umane che ti consentivano di concordare il reddito direttamente con il funzionario delle “tasse” dell’ufficio ….. non ricordo il nome che comunque non era di certo Agenzia delle Continua a leggere

Per chi fate tutto ciò?

Merita pubblicazione questa accorata   mail di una giovane imprenditrice cresciuta fin da bambina in ambiente LIFE. Le perplessità che si pone sono le stesse che di tanto in tanto, ci assalgono anche noi, vecchi militanti, e soprattutto sono condivise dai nostri famigliari che spesso, come Lei, ci rinfacciano la cruda realtà. Ma è proprio vero che casa, Chiesa (in senso metaforico!) e famiglia   possono garantire in se il piacere di vivere, l’estrema gioia, pur concedendoci come vittime sacrificali agli assalti delle  bande criminali di politici e affaristi che hanno interesse opposto al nostro benessere anche spirituale?

La risposta al prossimo post. Daniele Quaglia

Ciao Daniele,

E’ da un po’ che ci penso, se scriverti o fare a meno.

Solitamente destino il mio tempo alle cose ed alle persone che contano e che hanno un valore nella mia vita, perchè sono un modello, uno stimolo o semplicemente perchè voglio loro bene… e spero che questa premessa sfati qualsiasi pregiudizio o fraintendimento.

Mi rivolgo a Daniele, perchè da lui ricevo le mail di “Life”, ma scrivo anche a Fabio perchè lo stimo e so quanto ama la sua famiglia.

Ero piccolissima e sentivo parlare di Life, Quaglia e Padovan, Lega.

Ero adolescente e sentivo parlare di Continua a leggere

Ispettore …… un sorriso, ciis!

Carabinieri, Polizia, Finanza, Ispettori INPS, INAIL, NAS …… , Vigili, Ufficiale giudiziario ….. possono essere ripresi nel corso delle loro funzioni?

Il Garante della privacy, interpellato dal Ministero degli interni sulla questione si è così espresso tramite il notiziario settimanale N. 359 del 7 giugno 2012 :  “ funzionari pubblici e i pubblici ufficiali, compresi i rappresentanti delle forze di polizia impegnati in operazioni di controllo o presenti in manifestazioni o avvenimenti pubblici, possono essere Continua a leggere

L’avviso di Raccomandata

Magari di Sabato alle 13 è capitato di trovare nella cassetta della posta l’avviso di giacenza di una raccomandata, giusto per rovinare la domenica nel tentativo di capire di cosa si tratta. Se conoscere il mittente e l’ipotetico contenuto può essere d’aiuto c’è da sapere che tutte le raccomandate sono dotate di un codice identificativo composto da 11 cifre e questo codice viene riportato anche sull’avviso di giacenza che il postino lascia nella cassetta della posta in caso di assenza del destinatario.

Le cifre iniziali del codice di una raccomandata ci permettono di individuare chi ha spedito la raccomandata e ipotizzarne il contenuto, come semplificato nella tabella che segue Continua a leggere

Non aprite le mail di Agenzia delle Entrate ed Equitalia

Da un po’ di tempo arrivano mail all’apparenza dall’Agenzia delle Entrate e/o da Equitalia che a prima vista sembrano autentiche ma ad un’osservazione più attenta compaiono evidenti i segni di falso.

Se inavvertitamente aprite queste mail, fate molta attenzione a non aprire anche l’allegato o il link per scaricare il presunto documento perché contengono sicuramente un pericoloso virus.

Attenzione perché non è nella prassi dell’Agenzia delle Entrate e di Equitalia inviare mail con richieste di denaro. (DQ)

mail equitalia 001

Enti bilaterali (EBAV) e parassitosi cronica

Enti bilaterali, Enasarco, Inpg, Fondi previdenziali, Fondi sanitari, Fondi per la formazione professionale ……. tutti Enti frutto della contrattazione “nazionale”, nati da accordi tra sindacati e associazioni datoriali. Sono coercitivamente finanziati dal monte salari delle aziende aderenti alle varie associazioni e, inconsapevolmente, dai loro addetti; in teoria per fornire assistenza integrativa previdenziale e sanitaria, formazione e sostegno al reddito; in pratica solo il 50% degli introiti segue questa strada mentre l’altro 50% serve ad erogare megastipendi e mantenere un esercito di 10.000 poltrone generate dagli accordi. Una vera manna per ogni tipo di parassita, da quello di sinistra a quello di destra, dal sindacale a quello datoriale secondo logiche di spartizione bipartizan a dimostrare che una poltrona mette tutti d’accordo!  (A proposito ricordo una vittoria storica di LIFE contro l’obbligatorietà di adesione all’EBAV, Ente Bilaterale Artigianato Veneto). Daniele Quaglia

(*) Gli stipendi d’oro dei sindacalisti fanno scandalo. Ma costituiscono solo la punta di un iceberg più corposo. I 336 mila euro di Raffaele Bonanni (l’anno prima di andare in pensione), i 256 mila di Continua a leggere

ITALIA in Difetto Assoluto di Giurisdizione nelle Venethie

Lo Stato italiano non ha diritti legittimi sul territorio del Popolo Veneto e sui Veneti se non un’autorità illegittima derivante dall’occupazione militare e poliziesca del suddetto territorio.

E’ solo tramite questa che impone le sue leggi, le sue norme e le sue tasse ma il tutto è frutto di un rapporto di forza e non di un rapporto di diritto.

Tutte le occupazioni militari di Stati su altri Stati, si sono prima o poi esaurite ed anche questa occupazione italiana sulle Venethie è destinata ad esaurirsi.

In quanto tempo, dipende dai Veneti che hanno dalla loro parte la forza smisurata della disobbedienza civile, arma pacifica e letale contro i più sanguinari despoti.

Questo ne è un esempio.

Al sottoscritto è stato notificato da due Agenti della DIGOS (Polizia politica) di Treviso un “invito” a presentarsi in Questura per essere sentito circa la sua presenza Continua a leggere

Il 9 dicembre “Fermiamo questa Italia”

Dopo l’appello inviato a tutti i 580 sindaci del Veneto attraverso il quale LIFE Veneto li invitava a rassegnare le dimissioni per non essere complici di questo sistema oppressivo italiano ora, Lucio Chiavegato, Presidente di LIFE Veneto sta organizzando con LIFE, LIFE Solidarietà Veneta, A-I-TRAS, I FORCONI, C.R.A., M.A.A., Azione Rurale Veneto e CO.SP.A una manifestazione per bloccare  l’opera di disintegrazione della nostra società. Appuntamento per il giorno 9 dicembre con una mobilitazione generale “Fermiamo questa Italia” per riprendere in mano il nostro  futuro e il nostro destino. (DQ)

 http://youtu.be/n62d8AgOBU4

La CINA sottocasa

Il prezzo dei prodotti fabbricati in Cina non trova concorrenza con quello dei prodotti fabbricati in Europa; Il grande Prodi diceva che la nostra salvezza sarebbe stata la qualità, la tecnologia, ma anche in questo la Cina sta facendo passi da gigante potendo contare sulle multinazionali che non hanno alcuna remora a trasferire lì, tecnologie e know how.

Ma la Cina non si limita a produrre a casa sua per farci una concorrenza spietata  perché è arrivata qui da noi e, sotto casa nostra, formichine cinesi producono dalle Continua a leggere