Login

Newsletter

  • Users 90
  • Posts 898
  • Comments 1,255
  • Pages 9

equitalia

Cartelle esattoriali: il valzer della prescrizione

10 anni, 5, 3 … o prescrizione indefinita? Cosa dice la legge? Chi lo sa?

Comprendere bene ciò che viene letto,molto spesso dipende da com’è scritto il testo e se il linguaggio usato è chiaro è impossibile dare più interpretazioni allo stesso testo.

Le leggi italiane sono scritte male e con un linguaggio poco chiaro: motivi per i quali sono praticamente incomprensibili al cittadino comune ma sono talmente equivoche da prestarsi a varie interpretazioni, il più delle volte contrastanti, da parte di giudici e avvocati. Continua a leggere

Difendersi dal sadismo tributario

La cartella esattoriale arriva gli ultimi giorni di luglio? E’ un classico, un fatto che sembra programmato apposta per rovinare le ferie a chi le sta aspettando da un anno.

Niente paura perché al di là dell’impatto emotivo esistono dei termini di scadenza che ci possono permettere di andare in ferie in santa pace ma variano in funzione se si decide di pagare la cartella o se si decide di fare ricorso contro questa. Continua a leggere

Pace fiscale 2, bene ma ….

Si parla insistentemente di Pace fiscale 2 e l’argomento inizia a tener banco.

Da ciò sembrerebbe che le segnalazioni inviate da LIFE ai governanti siano arrivate a destinazione raggiungendo lo scopo di sensibilizzarli sul fatto che le cartelle esattoriali non coinvolgono esclusivamente le persone fisiche perché una grande fetta, forse la maggior parte di queste, riguarda le persone giuridiche; le società nelle varie forme che vedono le società di persone più deboli e meno tutelate rispetto a quelle di capitali.

Le società di persone fanno capo a persone in carne ed ossa che, a fronte di debiti, rispondono col patrimonio personale, illimitatamente: questo concetto applicato alla pace fiscale potrebbe ridurre alla Continua a leggere

Accertamenti fiscali nulli

L’accertamento esecutivo consente all’Agenzia delle Entrate di comunicare contestualmente l’accertamento fiscale e l’intimazione di pagamento; il tutto normalmente viene recapitato al contribuente tramite raccomandata.

E’ un principio perfettamente legittimo che si richiama a tre norme, due del 2010 e una del 2011 che però, come spesso accade in Italia, si scontra con un altro principio enunciato da un Decreto del 1973 e tutelato Continua a leggere

Il commercialista sbaglia, chi paga?

Pochissimi cittadini conoscono le norme tributarie e quasi tutti si affidano, per gli adempimenti fiscali, al commercialista e , per lo stesso motivo, le aziende preferiscono appoggiarsi ad un professionista esterno che garantisce maggior conoscenza delle norme ed un costo più contenuto raffrontato al costo di una figura interna.

Il commercialista si occupa, per professione di pratiche fiscali e finanziarie, di rapporti economici e commerciali nonché di diritto tributario con  aggiornamenti costanti, materie quasi sconosciute ai più costretti a fidarsi, quasi ciecamente, di questo professionista.

Ma se il commercialista sbaglia, chi paga? Continua a leggere

Cartelle con più di 5 anni, addio

Si fa sempre più strada la tendenza ad uniformare la prescrizione delle cartelle esattoriali relative a tributi dello Stato (IVA, IRPEF, IRAP … ) a quella relativa ai contributi previdenziali ed ai tributi locali, vale a dire 5 anni per tutte.

Dopo la sentenza della Corte di Cassazione 30362/2018 del 23.11.2018 ora arriva un’altra bordata da parte della CTR (Commissione Tributaria Regionale) del Lazio con la sent. n. 1416/2019 del 12.03.2019 che per l’appunto e in conformità con quella della Cassazione, stabilisce per le cartelle esattoriali relative a IVA, IRPEF, IRAP …. la prescrizione di 5 anni.

A questo punto, essendo che Equitalia ci ha sempre marciato alla grande sulla prescrizione tanto che, per Continua a leggere

Pace fiscale: saldo e stralcio al 10%

Pace fiscale, la proposta LIFE è saldo e stralcio al 10%.

Se la pace fiscale doveva consentire allo Stato di incamerare risorse insperate ed al cittadino di chiudere ogni partita aperta col fisco c’è il rischio che lo Stato, oltre a ritrovarsi con un pugno di mosche in mano debba affrontare milioni di ricorsi presentati dai cittadini. Continua a leggere

Nuova pace fiscale?

Chiusi da pochi giorni i termini per l’adesione alla rottamazione ter già si sussurra di una nuova rottamazione che è ancora troppo presto per poter definire proroga della precedente o addirittura una nuova e più ampia rottamazione.

Se le segnalazioni fatte pervenire da LIFE al Ministro Salvini ed al sottosegretario Bitonci hanno raggiunto lo scopo: dovrebbe trattarsi di una nuova rottamazione. Continua a leggere

Recupero crediti e riscossione coatta

Esistono delle società specializzate nel recupero di crediti a cui altre aziende affidano il compito di convincere i clienti debitori a sanare la loro posizione con il pagamento.

Queste società si limitano a sollecitare il pagamento o tramite lettera o tramite telefonate da appositi call center, a volte minacciando anche l’intervento di un incaricato al domicilio o residenza del debitore.

E’ importante sapere che queste società si fanno spesso scudo di termini o minacce roboanti per tentare di convincere il cliente moroso al pagamento del dovuto per il semplice fatto che saranno pagate solo e i proporzione dei crediti recuperati.

Continua a leggere

Pace fiscale: non aderire e resistere?

Questo è il caso tipico in cui lo Stato si trova a fare i conti con la sua controversa legislazione per la quale, spesso e volentieri, le sue stesse norme sono in conflitto.

La pace fiscale, così come attualmente pensata, oltre ad essere discriminante, vedi qui https://www.life.it/1/pace-fiscale-e-discriminazione/ e qui https://www.life.it/1/pace-fiscale-life-ha-ragione/ , non attrae certamente le imprese e se qualcuno dei governanti pensava di incamerare milioni di euro e Continua a leggere