Login

Newsletter

  • Users 87
  • Posts 774
  • Comments 1,129
  • Pages 9

equitalia

Pace fiscale: non aderire e resistere?

Questo è il caso tipico in cui lo Stato si trova a fare i conti con la sua controversa legislazione per la quale, spesso e volentieri, le sue stesse norme sono in conflitto.

La pace fiscale, così come attualmente pensata, oltre ad essere discriminante, vedi qui https://www.life.it/1/pace-fiscale-e-discriminazione/ e qui https://www.life.it/1/pace-fiscale-life-ha-ragione/ , non attrae certamente le imprese e se qualcuno dei governanti pensava di incamerare milioni di euro e Continua a leggere

Pace Fiscale: LIFE ha ragione

Abbiamo detto che la pace fiscale, così com’è, sarebbe la rovina per le società di persone condannate a pagare per intero i debiti delle cartelle esattoriali sia col capitale della società che col patrimonio dei soci essendo questi illimitatamente obbligati. (vedere qui https://www.life.it/1/pace-fiscale-e-discriminazione/ )

Quindi, mentre le persone fisiche potranno godere di sconti fino all’85% sul debito ed i soci di società di capitali rimetterci al massimo le quote di capitale versato, nelle società di persone (snc e sas) il debito viene trasferito ai soci, persone fisiche che a differenza Continua a leggere

Schiavi per Cartelle prescritte (seconda parte)

seguito di https://www.life.it/1/schiavi-per-cartelle-prescritte-prima-parte/

Schiavi e, come se non bastasse, dover pagare un avvocato per convincere un organo dello Stato (Tribunale, Commissione Tributaria, Giudice di Pace) ad annullare una cartella esattoriale che una Legge approvata dall’organo supremo di questo Stato, il Parlamento italiano, dichiara inequivocabilmente prescritta, quindi nulla, ma che altro organo, sempre di questo Stato italiano (Agenzia delle Entrate, Riscossione) contrariamente, ritiene legittima.

Ne consegue che le cartelle esattoriali prescritte in teoria non dovrebbero produrre alcun effetto, in pratica costringono il contribuente a ricercare l’aiuto di Continua a leggere

Schiavi per Cartelle prescritte (prima parte)

Se un negoziante mette in vendita prodotti scaduti, che a malapena possono provocare un mal di pancia, rischia la galera per attentato alla salute pubblica nonché pesanti sanzioni, mentre il funzionario dello Stato che pretende il pagamento di debiti scaduti perché prescritti, cosa che ha già provocato la morte per infarto o il suicidio del contribuente raggiunto dalla notifica, non rischia alcuna minima sanzione.

Mentre i prodotti alimentari hanno una scadenza stampigliata sulla confezione che ne obbliga il commerciante al rispetto, i debiti fiscali che pure hanno una scadenza, non godono Continua a leggere

Pace fiscale, una condanna per snc e sas

Con la “ pace fiscale”, possibilità di chiudere amichevolmente il contenzioso con il fisco, ci sarà qualcuno che farà un grande affare, altri che ci rimetteranno solo le quote sociali e chi, pur trovandosi nella stessa situazione economica di questi, potrebbe rimetterci tutto, quote sociali e patrimonio personale perché i fondamenti della pace fiscale violano un principio fondamentale della Costituzione, quello dell’uguaglianza dei cittadini che all’Art. 3 della Costituzione sancisce: Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione ……. di condizioni personali e sociali. E` compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando ….l’eguaglianza dei cittadini ……

Ma stando ai limiti imposti all’adesione della pace fiscale, i cittadini appartenenti ad una specifica classe sono discriminati nei confronti di tutti gli Continua a leggere

Rischio d’impresa? può essere la fame

Fare impresa non è un lavoro semplice: devi essere sempre disponibile, non esistono orari fissi; di fisso c’è sempre lo stesso chiodo nella mente : il lavoro che ti accompagna giorno e notte.

Una grossa auto, una bella azienda, una casa da sogno …. cose che spesso accendono l’invidia di chi si ferma alle apparenze e non immagina che dietro a quelle cose si nasconde un sistema di vita massacrante.

Perché dietro alle apparenze spesso ci sono montagne di debiti: mutui, leasing e concessioni di credito che sono in precario equilibrio con le entrate e  basta un niente per inceppare il meccanismo.

E molto più spesso di quanto non si creda, in breve tempo si può            Continua a leggere

Se la cartella esattoriale è prescritta

Succede sempre che, debiti esattoriali teoricamente prescritti da tempo, vengano riesumati dall’esattoria, Agenzia delle Entrate-Riscossione od altri, e rimessi in circolazione con le vesti di nuove cartelle esattoriali.

Questo succede quando il debitore, confidando nel buon senso, da per scontato che un debito fiscale o tributario prescritto venga cancellato automaticamente.

Il buon senso del padre di famiglia, spesso richiamato nelle norme del codice civile, non trova riscontro tra le norme tributarie che in questo senso hanno ben poco di civile.

Così, in barba al buon senso, il debitore è costretto ad assoldare un Continua a leggere

Pace Fiscale

Le cartelle esattoriali inferiori a 1000 euro ed emesse tra il 2000 ed il 2010 saranno eliminate il 31 dicembre 2018 in automatico da parte dell’Agenzia delle Entrate-Riscossione.

Attenzione però, perché il decreto non parla di cartelle esattoriali ma di ruoli di importo inferiore ai 1000 euro, comprensivi di interessi e sanzioni, e può essere accaduto che Equitalia abbia sommato più ruoli in un’unica cartella esattoriale.

Per fare un esempio una multa stradale di 600 €, il diritto camerale di 450 € e l’ICI di 200 € non pagati, hanno ruoli diversi sia per l’origine del creditore sia per i tempi di emissione, possono essere stati raggruppati in un’unica cartella per complessivi 1250 €. Continua a leggere

Ła voxe de’l vice: Stato e Mafia, quale differenza?

Riflessioni sulla vicenda Vigni vs CCIAA   https://www.life.it/1/vigni-vs-camera-di-commercio-1-0/

La morale della storia, dell’agenzia delle entrate e della CCIA ( e milioni di altre simili, usuali, è uno stile di regime )

Al suddito viene imposto di accettare un servizio non richiesto, quindi non servizio, ma estorsione ed inoltre con la tassazione, deve pagare l’impositore/aggressore.

Dopo di che il tapino, per difendersi, il costituzionale diritto alla difesa, deve pagare ancora. Continua a leggere

Vigni vs Camera di Commercio: 1-0

Ecco la prova del perché Salvini ha ragione sulla pace fiscale.

Giorgio Vigni, vice presidente di LIFE Treviso, nel 2017 si è visto recapitare una cartella esattoriale relativa al Diritto Camerale non versato negli anni 2003, 2004, 2005.

Ha cercato di far valere le sue ragioni in autotutela ma Agenzia delle Entrate – Riscossione non ha voluto saperne e ha proseguito l’iter di riscossione.

A Vigni non è rimasto altro che rivolgersi all’avvocato e intentare ricorso presso la Commissione Tributaria Provinciale di Treviso.

Tre giorni fa il deposito della sentenza Continua a leggere